Marzo 2, 2024

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Manuel Rocha, l’ex ambasciatore americano accusato di spionaggio, appare in tribunale – Telemundo Miami (51)

Manuel Rocha, l’ex ambasciatore americano accusato di spionaggio, appare in tribunale – Telemundo Miami (51)

MIAMI, Florida – L’ex ambasciatore degli Stati Uniti Victor Manuel Rocha dovrà presentarsi all’udienza preliminare mercoledì, dove dovrà affrontare l’accusa di aver prestato servizio come agente del governo cubano per più di quattro decenni.

Secondo l’accusa, visionata martedì da EFE, ci sono stati tre incontri tra il 2022 e il 2023 tra Rocha e un agente speciale dell’FBI che si spacciava per “Miguel”, un rappresentante della Direzione Generale dell’Intelligence cubana.

In quegli incontri, registrati e condotti in spagnolo, l’ex diplomatico si riferiva costantemente agli Stati Uniti come al “nemico” e ammetteva che il suo più grande interesse mentre lavorava al Dipartimento di Stato era “promuovere la Rivoluzione cubana”.

Il procuratore Merrick B. ha detto: Garland ha dichiarato in una dichiarazione distribuita dal Dipartimento di Giustizia: “Questa azione espone una delle infiltrazioni più lontane e prolungate del governo degli Stati Uniti da parte di un agente straniero”.

Nel comunicato si afferma che Rocha, 73 anni, è accusato di “aver commesso molteplici crimini federali operando segretamente per decenni come agente del governo della Repubblica di Cuba”.

“Per più di 40 anni, Victor Manuel Rocha ha servito come agente del governo cubano e ha cercato e ottenuto posizioni all’interno del governo degli Stati Uniti che gli avrebbero fornito l’accesso a informazioni non pubbliche e la capacità di influenzare la politica estera degli Stati Uniti”. Ha aggiunto.

Dettagli del reclamo

Secondo la denuncia, dal 1981 circa fino ad oggi, Rocha, cittadino statunitense, “ha segretamente sostenuto la Repubblica di Cuba e la sua missione segreta di raccolta di informazioni contro gli Stati Uniti prestando servizio come agente segreto e operativo per il Generale”. Direzione dell’intelligence cubana.

READ  I comunisti francesi escludono la partecipazione all'iniziativa di Macron

Secondo un documento depositato presso la corte, Rocha “ha mantenuto segreto il suo status di agente cubano per proteggere se stesso e gli altri e per avere l’opportunità di impegnarsi in ulteriori attività segrete”.

Inoltre, secondo l’accusa, avrebbe fornito false informazioni al governo degli Stati Uniti per mantenere segreta la sua missione, avrebbe viaggiato all’estero per incontrare agenti dell’intelligence cubana e avrebbe mentito sui documenti per ottenere documenti di viaggio.

Rocha, arrestato venerdì 1 dicembre a Miami, ha lavorato per il Dipartimento di Stato tra il 1981 e il 2002, in posizioni che gli davano accesso a informazioni non pubbliche, comprese informazioni riservate, e la capacità di influenzare la politica estera degli Stati Uniti.

Secondo la denuncia, dopo aver lasciato il Dipartimento di Stato, Rocha ha partecipato ad altre attività a sostegno dei servizi segreti cubani. Dal 2006 al 2012 circa, Rocha è stato consigliere del capo del Comando meridionale degli Stati Uniti, la cui responsabilità include Cuba.

L’ex dipendente del Dipartimento di Stato ha prestato servizio nel Consiglio di sicurezza nazionale dal 1994 al 1995 ed è stato ambasciatore degli Stati Uniti in Bolivia dal 2000 al 2002.

Nato in Colombia e cittadino statunitense naturalizzato, Rocha ha servito dal 1991 al 1994 come vicedirettore principale della sezione di interessi degli Stati Uniti all’Avana, nonché direttore degli affari interamericani presso il Consiglio di sicurezza nazionale a Washington, DC.

Rocha ha studiato negli Stati Uniti, tra cui alla Taft School e alle università di Yale, Harvard e Georgetown, e ha prestato servizio come funzionario e diplomatico americano in delegazioni di diversi paesi, tra cui Cuba, Messico, Argentina, Honduras e Repubblica Dominicana. , così come in Italia.

READ  Stati Uniti d'America. Hanno trovato una fuoriuscita di petrolio lunga 22 chilometri nel Golfo del Messico dopo il passaggio dell'uragano Ida

Presunte confessioni

La denuncia rivela che in una serie di incontri nel 2022 e nel 2023 con un agente sotto copertura dell’FBI che si spacciava per rappresentante segreto della Direzione Generale dell’Intelligence (DGI) di Cuba, Rocha ha affermato in diverse occasioni di aver lavorato per Cuba per decenni.

Quando l’agente dell’FBI gli disse che era “un rappresentante sotto copertura a Miami” la cui missione era presentarsi come suo nuovo contatto e sviluppare un piano di contatto, Rocha disse di sì e iniziò una lunga conversazione in cui “descrisse e celebrò la sua attività. ” Come agente dell’intelligence cubana”, si legge nel documento giudiziario.

Durante gli incontri, Rocha si comportava come un agente cubano, riferendosi costantemente agli Stati Uniti come “il nemico” e usando il termine “noi” per riferirsi a se stesso e a Cuba.

Inoltre, secondo il documento, Rocha ha elogiato Fidel Castro come “comandante” e si è riferito ai suoi contatti con l’intelligence cubana come ai suoi “compagni” e ai servizi di intelligence cubani come “comando”. Rocha ha descritto il suo lavoro come agente cubano come un “grande colpo da KO”.