Dicembre 3, 2022

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

“Marcus de Riscal entra per la prima volta in Italia nel 2023”

Marques de Riscal, una delle cantine più antiche della Rioja, produce più di dieci milioni di bottiglie all’anno e pochi giorni fa è stata votata come il secondo miglior vigneto del mondo. I migliori vigneti del mondo. La cantina ha presentato il suo nuovo vino ‘Tabias’ dal sapore storico e sta anche delineando un ambizioso piano di enoturismo a Ruta.

– Come sta andando l’anno? Il settore sta migliorando dopo la fine della pandemia?

– Abbiamo chiaramente volato. Ciò è stato già osservato nel 2021 e quest’anno, 2022, è proseguita la tendenza alla ripresa. Nel 2020 manca la parte più importante del mercato, ovvero il canale HORECA. I consumi delle famiglie sono aumentati, ma non abbastanza da compensare le perdite nel settore alberghiero.

– Stanno arrivando le curve?

– Ora siamo a posto, ma come hanno suggerito, se c’è una crisi o una recessione in Europa o nel mondo, vedremo quando e come l’attività rallenterà. Dobbiamo anche vedere se è profondo o temporaneo. Stiamo aspettando ora, ma questo è un settore di consumo e alla fine, logicamente, ci influenzerà.

– L’export è essenziale nel modello di business dell’azienda vinicola. Loro sempre…

– Il mercato estero è stato importante per Marqués de Riscal sin dalle sue origini nel XIX secolo. Ad esempio, Cuba e il Messico erano i due paesi più importanti nei primi anni. Attualmente esportiamo dal 60% al 66% della nostra produzione. Il resto è mercato nazionale.

“Marquis de Riscal produce da 10 a 12 milioni di bottiglie all’anno”

– e con una forte posizione in diversi continenti.

– Siamo presenti in circa 120 paesi. In alcuni abbiamo moduli molto rilevanti, in altri abbiamo più prove. Ad esempio, siamo in Germania, Svizzera, Colombia, Perù, Giappone ecc. Tutto il mondo. L’America è uno dei nostri primi mercati. Italia, curiosamente. Marqués de Riscal entrerà per la prima volta nel mercato italiano, a breve, nel 2023, il che è complicato perché, come la Spagna, è un grande Paese produttore. Abbiamo trovato un buon distributore lì e ci stiamo impegnando fermamente con questo paese e abbiamo buone aspettative. La Croazia è anche un altro nuovo mercato in cui entreremo molto presto.

– E continuano a vendere alcolici in Ucraina, cosa che penso abbia la sua complessità, nell’attuale contesto in cui la guerra si sta intensificando.

– Attualmente vendiamo in Ucraina, sì. È vero che il nostro distributore ha avuto un problema molto serio, ma sembra superato e stiamo portando il nostro vino in quel Paese, il che mi sembra incredibile. Ha i suoi meriti, credo.

– Quanto è sensibile l’industria vinicola all’attuale aumento dei costi di produzione?

– L’aumento dei costi dei componenti è brutale. In alcuni casi è del 30% e in altri del 60%. Il più alto, in ogni caso. Alzare il prezzo di vetro, legno, cartone, sughero. Come tutti sappiamo, anche l’elettricità è aumentata molto. Questo aumento consuma i margini.

READ  Video brutale: ladro prende in ostaggio una donna, la polizia le spara, i vicini applaudono | cronache

– E il prezzo dell’uva?

– Ci aspettiamo che sia simile allo scorso anno. È ancora presto perché abbiamo terminato la raccolta e potrebbero esserci ancora fluttuazioni di prezzo, ma speriamo di essere conformi entro il 2021. Iniziamo anche quest’anno con una notevole produzione vinicola. Ad un certo punto, si sarebbe potuto pensare che la siccità avrebbe portato a una riduzione della produzione, ma le tempeste occasionali hanno portato a cifre simili per Rioja. E la produzione di Rueda è più alta rispetto agli altri anni.

“Le bottiglie del XIX secolo vengono stappate in una degustazione storica per presentare il nostro nuovo vino Tapias”

– L’aspetto di queste due fazioni in cui hanno messo tutti i loro sforzi…

– Sì, siamo in Rioja e Rueda. Siamo stati in entrambe le categorie sin dalla loro creazione. A Marqués de Riscal ci preoccupiamo sempre di osservare l’intera piramide del vino. Copriamo tutti i tipi di vino in diverse categorie – bianco, rosato e rosso – e abbiamo vini in fondo e in cima alla piramide. Questa è la nostra priorità ed è, secondo me, più importante di molte altre categorie di apparenza.

– E immagino che alcuni ettari siano di proprietà di entrambe le divisioni e altri di proprietà di fornitori.

– In Rioja Alavesa, 500 ettari di proprietà di Marqués de Riscal e 150 ettari sotto controllo totale, gestiamo in affitto a lungo termine, a cui vanno aggiunti altri mille ettari di fornitori che ci sono legati da generazioni. Rapporto dei genitori con i nonni e dei genitori con i figli. E a Rueda abbiamo 350 ettari di nostra proprietà e 500 fornitori.

– Un totale di circa 2.500 ettari producono vino importante. Quante bottiglie riescono a immettere sul mercato ogni anno?

– Marques de Riscal può produrre da dieci a dodici milioni di bottiglie di vino all’anno, logicamente a seconda di ogni annata. Da Frank Gehry facciamo lo stesso con 500 bottiglie; Al Baron de Chirel, dalle 15.000 alle 20.000 bottiglie e alla Gran Réserve, possiamo raggiungere le 30.000. Dipende da ogni prodotto.

– Cos’è l’impegno per l’eccellenza?

– Marqués de Riscal ha sempre assunto un impegno molto chiaro per prodotti di alta qualità, ma ovviamente quando sei un’azienda globale, presente in più di cento mercati, devi offrire tutti i limiti ai tuoi fornitori. Devi essere un’azienda redditizia per loro nel loro portafoglio.

– L’azienda ha recentemente raggiunto una pietra miliare. Ha presentato un nuovo vino chiamato ‘Tapias de Marqués de Riscal 2019’…

– Questa è una Rioja unica. Questo è un vino della storica tenuta Los Tapias a Marques de Riscal. Si trova sui terrazzamenti dell’Ebro e produce ogni anno ottimi vini. È un vino di proprietà che distribuiremo attraverso il sistema Plaza de Bordeaux. E sarà una serie selezionata di cinque négociants bordolesi che si occuperà di acquistarlo e poi venderlo in esclusiva. Ecco perché diciamo che il Marques de Riscal ritorna alla Plaza de Bordeaux, che a quanto pare è così strettamente collegata. È così che la cantina ha venduto parte dei suoi vini nel XIX secolo.

READ  La destra italiana misurerà la sua forza alle prossime elezioni comunali

– e lo hanno celebrato con un sapore storico.

– È un’occasione bella e speciale. Per questo abbiamo pensato di fare una degustazione storica, che il Marchese de Riscal fa ogni diversi anni e invita esperti di vino e personalità da tutto il mondo.

– E ci sono fantastici vini antichi da degustare, veri e propri gioielli per intenditori…

– Un’accurata selezione di trenta annate storiche. In questa occasione li abbiamo divisi in due categorie: pre-fillosserica – dal 1862, quando il nostro vino iniziò ad essere imbottigliato, al 1900- e post-fillosserica, da allora fino ai giorni nostri. Con ogni annata selezionata, una o due bottiglie vengono aperte per la degustazione storica.

– Pochi giorni fa la cantina ha fatto un’insolita apparizione nell’elenco annuale I migliori vigneti del mondo

– Ottima sosta. Marqués de Riscal è stato votato secondo miglior vigneto al mondo al concorso. E questo è il secondo anno consecutivo. Non siamo usciti dalla top 10 in nessun anno da questa classifica. È un riconoscimento che ci riempie di orgoglio.

“Il nostro complesso enoturistico di Elsico ha raggiunto i 100.000 visitatori in un anno”

– I vini imbottigliati sono stati aperti nel XIX secolo.

– Questo è il Marques de Riscal con il minor numero di cantine al mondo. Solo noi possiamo organizzare per assaggiare queste caratteristiche. Nemmeno le cantine francesi. Nessuno li ha custoditi così a lungo in una collezione storica che conserva bottiglie anno dopo anno dalla loro prima annata. Tutti conservati nello stesso negozio di bottiglie che chiamiamo qui Cattedrale. Ci sono oltre 140.000 bottiglie.

– Capisco che sono queste le credenziali che ti hanno portato negli anni a investire nell’enoturismo. Qual è l’impegno del Marchese de Riscal in questo campo?

– Circa vent’anni fa, le cantine spagnole hanno chiuso i battenti. La gente non è venuta. Non abbiamo ancora aderito a un fenomeno che era già una realtà in molti paesi del Nuovo Mondo. È stato allora che abbiamo deciso di fare il salto e farlo attraverso l’architettura creando una città del vino a Elsico. Oggi un programma integrato offre ai visitatori un intero mondo di esperienze: ristoranti, negozi, spa, vinoterapia, ecc. L’Hotel Marquis de Riscal progettato da Frank Gehry è stata la ciliegina sulla torta. Palazzo 21° secolo e fonde la storia con la modernità, fondendo arte e natura. I suoi pannelli in titanio e acciaio sono diventati iconici. Il complesso ha raggiunto oltre 100.000 visitatori in un anno.

READ  Meloni ha acceso le polemiche alzando a 10mila euro il tetto dei pagamenti in contanti in Italia.

– È un’attrazione turistica ed economica per la regione…

– L’importante è che la zona sia prospera. Il nostro esempio è diffuso, ed è questo che conta. Se fossimo insieme lo sarebbe la Napa Valley, attraverso la quale passano ogni anno otto milioni di visitatori Ottimo per tutti. Come innovazione, mi aspetto che vogliamo fare qualcosa di simile a Rueda.– Un altro progetto enoturistico di questa portata?

– Se qualcosa. A Rueda, un nuovo progetto per promuovere la produzione di vino e un ambizioso progetto di enoturismo per promuovere la cantina e il vigneto hanno già ricevuto la certificazione tutto biologico. Lo abbiamo molto più avanzato, ma come sempre in questo paese, siamo consapevoli della burocrazia. Ironia della sorte, sono cinque anni che combattiamo con la licenza. Se dipendesse da noi, inizieremmo ora e tutto finirebbe il prima possibile.

– Gli affari dipendono dall’acqua e dalla terra. È logico che la sensibilità ambientale stia aumentando nel settore.

– Sì, è necessario avanzare nell’economia circolare. I lavori alla Rueda sono iniziati dieci anni fa e come dicevo tutti gli ettari sono certificati. Qui, alla cantina Elsico, sono stati investiti molti soldi, ad esempio, in pannelli fotovoltaici che dotano l’albergo di un efficiente sistema di autoconsumo.

– Nel 2010 hanno acquistato il marchio Marqués de Arienzo dalla società francese Pernod Ricard. Marqués de Riscal è impegnato nella crescita organica, creando nuovi marchi, o nella crescita inorganica, acquisendoli?

– Ci impegniamo per una crescita organica, introducendo nuovi marchi nel caso di Tapias o nel caso di Baron de Chirel; Ciò non significa che se si presenta un’opportunità come quella del Marchese de Arienzo, visto il suo interesse per il patrimonio agricolo, non verrà sfruttata.

Notizie correlate

– PNV sostiene che Rioja è l’origine di Alavésa, qual è la posizione di un’azienda vinicola come Marqués de Riscal basata sul suolo di Alava rispetto a questa proposta?

– Lo ha fatto lui. Un’altra cosa è che devi aspettare per vedere se continuerà perché dipende anche da varie procedure. Non vedo alcun futuro per questo. Non credo che nessuno sano di mente abbandonerebbe la tradizione rappresentata da un marchio come Rioja, che ha richiesto anni per essere prodotto e molte cantine della regione hanno contribuito a questo. All’interno della divisione Rioja esiste già una sottoregione chiamata Rioja Alavesa. Lo spettro è già completamente chiuso.