Maggio 17, 2022

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Mario Vargas Llosa ammette di stare “bene” dopo aver contratto il COVID-19

Dopo molti giorni di preoccupazione per la salute di Mario Vargas Llosa, il premio Nobel è tornato in patria pochi giorni dopo essere stato ricoverato in ospedale nella capitale, Madrid, a causa del virus Corona.

Lo scrittore peruviano è entrato in una clinica a Madrid a causa di “alcune complicazioni legate” alla malattia, secondo quanto riferito dai suoi figli Alvaro, Gonzalo e Morgana venerdì scorso attraverso i social.

Grazie all’amore e al sostegno della sua famiglia e dei suoi amici più stretti, che si sono presi cura di lui in ogni momento, Mario Vargas Llosa ha lasciato l’ospedale spiegando a Europa Press che lui “bene bene”Anche se è stata sua figlia a chiedere il rispetto del padre, sostenendo che era “stanco” dopo questi giorni complicati.

Il Premio Nobel continuerà a recuperare in casa Dove riceverà le attenzioni e le cure dei suoi parenti.

Lo scrittore è fuori servizio

Vargas Llosa “Sconfiggi Covid. Ora, a casa per continuare il recuperoAlvaro e Morgana Vargas Llosa hanno scritto sui loro account Twitter, insieme a una foto del padre di 86 anni, sorridente, che abbraccia l’altro fratello, Gonzalo.

Grazie alla scienza salvavita e al personale medico per la loro dedizione. Gli saremo sempre grati. Combattono questa epidemia da anni. Tutta la nostra ammirazione per te “, hanno aggiunto i bambini di Vargas Llosa nel messaggio sul social network.

Figli dell’ultimo rappresentante vivente della generazione d’oro della letteratura latinoamericana Venerdì scorso hanno annunciato che suo padre era stato trasferito in una clinica di Madrid a causa di complicazioni legate al virus Corona.

Lui e la sua famiglia apprezzano i segni di affetto che riceviamo”.felice all’epoca della lettera firmata da Alvaro, Gonzalo e Morgana, i suoi tre figli con l’ex moglie Patricia Llosa.

READ  Astronavi, armi e molto altro

autore Città e cani, una conversazione in cattedrale S festa delle capre Ha dovuto cancellare il suo programma per la settimana, poiché aveva in programma di partecipare alla presentazione a Madrid della biografia di Cervantes di Santiago Muñoz Machado.

Prima di ammalarsi, Vargas Llosa ha presentato il suo ultimo libro all’inizio di aprile nella capitale spagnola dove vive: ancora guarda (di Perez Galdos)un articolo dell’autore spagnolo Benito Perez Galdos.

Chi scrive intende trasferire quest’opera alla Fiera del Libro di Buenos Aires (28 aprile – 16 maggio).

ultimo boom

Vargas Llosa è l’ultimo rappresentante della generazione d’oro della letteratura latinoamericana.

Scrittore mondiale basato sulla complessa realtà peruviana, Vargas Llosa ha fatto parte del cosiddetto boom latinoamericano insieme ad altri grandi come il colombiano Gabriel García Márquez e l’argentino Julio Cortázar oi messicani Carlos Fuentes e Juan Rulfo.

Nato nella città peruviana meridionale di Arequipa il 28 marzo 1936 in una famiglia della classe media, fu educato dalla madre e dai nonni materni a Cochabamba (Bolivia) e successivamente in Perù.

Dopo aver studiato all’Accademia Militare di Lima, ha conseguito un Bachelor of Arts. Ha mosso i primi passi nel giornalismo in tenera età.

Nel 1959 si stabilisce a Parigi, dove sposa la zia Julia Orchidi, dieci anni più grande di lui (e che in seguito ispirò Zia Julia e lo scrittore) e ha svolto diverse professioni: traduttrice, insegnante di spagnolo e giornalista per AFP.

Anni dopo, si separò da Urquidi e sposò la sua prima cugina ed ex nipote della moglie, Patricia Llosa, con la quale ha tre figli e cinquant’anni di relazione fino al 2015Quando ha divorziato da lei e si è unito a Isabel Preysler, l’ex moglie del cantante Julio Iglesias.

READ  "Il Re Leone" e "Aladdin" fanno rivivere Broadway dopo l'epidemia

Tra il 1970 e il 1974 ha vissuto a Barcellona, ​​​​dove ha conosciuto ed è stato un grande amico di García Márquez, Finché non prendono le distanze da una questione personale, ne esistono diverse versioni.

* Con informazioni da AFP e Europa Press.