Maggio 19, 2022

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Mario Vargas Llosa: “Putin è un dittatore sanguinario”

Lo scrittore Mario Vargas Llosa, nella foto d’archivio. EFE // José Jacome

Scrittore e Premio Nobel per la Letteratura Mario Vargas Llosa Infastidito dall’attacco di Vladimir Putin all’Ucraina in un’intervista pubblicata sul quotidiano cileno Terzo. Siamo in un momento pericoloso perché la Russia con Putin è tornata ad essere una dittatura. Ha avvertito che Putin è un dittatore sanguinario.

Secondo lui, il modo in cui si comporta in Ucraina “lo rivela in tutto il suo male, in tutta l’antichità, nella sua mancanza di modernità”. Lui ha spiegato:Quello che critica dell’Ucraina è che è un paese indipendente e non è subordinato alla Russia e oggi nel 21° secolo non può esserlo, questo è inaccettabile. La follia di Putin ha aperto gli occhi di molti Paesi…”

Per Vargas Llosa, “Nessuno ha fatto prosperare l’Ue quanto Putin con la sua follia”.

Inoltre, Putin ha affermato: “È un leader con evidenti sintomi di follia, come aveva fatto Stalin o come lui … come satelliti che è riuscito a formare attorno a lui”.

Ha avvertito:C’è sempre il pericolo che se si sente sconfitto o pigro nelle sue ambizioni, proverà a rivolgersi alle fabbriche atomiche di proprietà della Russia che potrebbero mettere in pericolo la sopravvivenza dell’umanità. Sarebbe un disastro per l’umanità, speriamo non raggiunga una tale barbarie”.

Oltre ad analizzare lo scenario geopolitico in Europa, Vargas Llosa ha espresso un interesse speciale per l’America Latina. E non solo per la situazione nel suo Paese, il Perù, con un presidente che lo definisce “analfabeta” e “ignorante”, ma per il panorama generale della regione. “Il nostro continente è in ritardo in un momento in cui il resto del mondo sta prosperando”, si è lamentato.

READ  Cuba rifiuta di espellere la Russia dal Consiglio per i diritti umani delle Nazioni Unite | Notizia

Vargas Llosa ritiene che l’epidemia sia stata più grave nel caso dell’America Latina che in Europa o in Asia, dove c’è sviluppo sociale ed economico e, soprattutto, un processo di democratizzazione molto avanzato. D’altra parte, in America Latina, purtroppo, recentemente sono proliferati governi populisti, demagogici ed estremamente irresponsabili che, soprattutto, non sanno come gestire l’economia di un Paese.. Quindi abbiamo motivo di temere che il nostro continente sia in ritardo in un momento in cui il resto del mondo sta prosperando.

Quando il giornalista Juan Paulo Iglesias ha chiesto perché, lo scrittore ha affermato che è principalmente perché i migliori latinoamericani non praticano la politica: “Disprezzano la politica, hanno un atteggiamento di disapprovazione nei confronti della politica, perché la vita politica è una vita molto corrotta, molto vita corrotta, del resto Quello, diciamo che non si sentono in grado di fare cose importanti per il progresso dei Paesi”.

Il Perù non avanza, è messo alle strette, per la sua scelta sbagliata, per l’elezione di un presidente completamente analfabeta., una persona che non ha, diciamo, le informazioni necessarie e un governo che mostra già molti sintomi di corruzione, cattiva gestione e gestione irresponsabile. Circa il 70% della popolazione peruviana vuole deporlo. Offre:Ho il dubbio che non finirà il suo mandato”.

Per Varga Llosa il caso del Perù è quello del Venezuela, quello del Nicaragua e quello di Cuba è quello di una dittatura totalitaria.

Ha anche parlato dell’Argentina come di un caso molto tragico perché non va avanti: “C’è una competizione tra il presidente e il vicepresidente che lo ha eletto che non permette a questo Paese di funzionare, che è stato come l’esempio dell’America Latina in il tempo dei presidenti liberali”.

READ  Scende a Miami una gang cubana dedita al furto di carburante con carte di credito false

E ricordava che nel suo quartiere, a Lima, non si parlava di Parigi, ma dell’Argentina. I ragazzi volevano andare a studiare nelle università argentine. A noi scrittori piace vivere in Argentina. S L’Argentina, che era un modello per l’America Latina, sta scomparendo“.

Quanto alla scrittura, la catastrofe ha un nome: “È peronismo”. “È molto difficile per me capire il tipo di storia d’amore che esiste in Argentina con il peronismo, che era la fonte di tutti i mali”, ha detto.

nella sua analisi Eccezioni regionali si trovano in Ecuador e UruguayBene, stanno facendo progressi. “L’Uruguay è molto più veloce dell’Ecuador, perché ha una tradizione democratica maggiore rispetto al resto”.

Ma l’America Latina in generale sta passando un brutto periodo. I modelli democratici devono essere seguiti piuttosto che insistere su quella visione romantica superata e inefficace della nazionalizzazione e della censura della stampa. “Niente di tutto ciò funziona”, ha detto.

Continuare a leggere: