Marzo 2, 2024

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Mediatori e altri avvertono che a Gaza ci sarà un disastro se Israele lanciasse un attacco di terra su Rafah

Mediatori e altri avvertono che a Gaza ci sarà un disastro se Israele lanciasse un attacco di terra su Rafah

I vicini e i principali mediatori di Israele hanno avvertito sabato della catastrofe e delle conseguenze che potrebbero derivare da un attacco di terra israeliano alla città palestinese di Rafah, dove secondo Israele si trovano alcune roccaforti di Hamas, ma anche più della metà della popolazione della Striscia di Gaza.

I bombardamenti israeliani hanno ucciso almeno 44 palestinesi – tra cui più di una dozzina di bambini – a Rafah, poche ore dopo che il primo ministro Benjamin Netanyahu aveva annunciato di aver chiesto all’esercito di pianificare l’evacuazione di centinaia di migliaia di persone prima dell’invasione. Non ha fornito dettagli né scadenze.

Questo annuncio scatenò il panico. Più della metà della popolazione di Gaza, pari a 2,3 milioni di persone, è ammassata al valico di Rafah, al confine con l'Egitto. Molti di loro sono arrivati ​​lì dopo essere stati costretti a partire a causa dei ripetuti ordini di evacuazione israeliani che già colpiscono due terzi dell’enclave assediata. Non è chiaro dove potranno fuggire adesso.

Il ministro degli Esteri egiziano Sameh Shoukry ha affermato che un attacco di terra a Rafah avrebbe “conseguenze catastrofiche” e ha affermato che Israele intende espellere i palestinesi dalle loro terre. L’Egitto ha avvertito che qualsiasi movimento di palestinesi in Egitto metterebbe a repentaglio il trattato di pace tra Israele ed Egitto, durato quattro decenni.

Anche un altro mediatore, il Qatar, ha avvertito che ci sarebbe stata una catastrofe in caso di un attacco israeliano, e l’Arabia Saudita ha affermato che ciò avrebbe “ripercussioni molto gravi”.

C’è maggiore attrito tra Netanyahu e gli Stati Uniti, con i funzionari che affermano che un’invasione di Rafah senza un piano per i civili finirebbe in un disastro.

READ  Manuel Marrero evidenzia i progressi nell'integrazione nell'Unione economica eurasiatica

“La popolazione di Gaza non può scomparire nel nulla”, ha dichiarato il ministro degli Esteri tedesco Annalena Baerbock

Israele bombarda Rafah quasi ogni giorno, anche dopo che nelle ultime settimane ha chiesto ai civili di rifugiarsi lì dai combattimenti di terra nella città di Khan Yunis, situata a breve distanza a nord.

Nelle prime ore di sabato, tre attacchi contro case nella zona di Rafah hanno ucciso 28 persone, secondo un funzionario sanitario e giornalisti dell'Associated Press che hanno visto i corpi arrivare agli ospedali. Ogni attentato uccise diversi membri di tre famiglie diverse, tra cui 10 bambini, il più giovane dei quali aveva solo 3 mesi.

Fadel Al-Ghannam ha perso il figlio, la nuora e quattro nipoti in uno degli attacchi. In piedi tra le macerie, ha detto che i corpi dei suoi cari sono rimasti mutilati.

Teme che possa accadere di peggio con l'imminente attacco di terra a Rafah, e ha detto che il silenzio internazionale ha permesso a Israele di andare avanti.

Sabato più tardi, un bombardamento israeliano contro una casa a Rafah ha ucciso almeno 11 persone, tra cui tre bambini, secondo Ahmed Al-Sufi, il sindaco di Rafah.

“Questo è ciò che Netanyahu sta attaccando: i civili”, ha detto Samir Abu Lulia, un vicino. Secondo i funzionari municipali, altri due attacchi a Rafah hanno provocato la morte di due agenti di polizia e di tre alti funzionari della polizia civile.

A Khan Yunis, l'esercito israeliano ha aperto il fuoco sull'ospedale Nasser, il più grande della regione, uccidendo almeno due persone e ferendone altre cinque, secondo Medici Senza Frontiere. Ahmed Al-Mughrabi, un medico dell'ospedale, ha detto in un post su Facebook che i carri armati israeliani sono arrivati ​​ai cancelli dell'ospedale sabato mattina.

READ  Human Rights Watch chiede a Lula di adottare misure concrete contro l'ambiente e l'Amazzonia

Il portavoce del Ministero della Salute Ashraf Al-Qudra ha affermato che il personale medico non può spostarsi tra i diversi edifici del complesso a causa dell'intenso incendio. Ha aggiunto che nell'ospedale ci sono 450 pazienti e 10.000 sfollati.

L’esercito israeliano ha affermato che le sue forze non stanno operando all’interno dell’ospedale, ma ha descritto l’area circostante come una “zona di combattimento attivo”.

Il comandante dell'esercito israeliano, il tenente generale Herzl Halevy, ha affermato che i raid israeliani hanno ucciso più di 2.000 combattenti di Hamas a Khan Yunis, ma l'attacco nella città non è ancora finito.

Più di 28mila morti a Gaza

Israele ha dichiarato guerra dopo che migliaia di combattenti di Hamas hanno attaccato il sud del suo territorio il 7 ottobre, uccidendo circa 1.200 persone e catturandone altre 250.

Il Ministero della Sanità di Gaza ha riferito che nelle ultime 24 ore sono arrivati ​​negli ospedali i corpi di 117 persone uccise negli attacchi israeliani, portando il bilancio totale delle vittime dell'attacco a 28.064, la maggior parte delle quali donne e bambini. Secondo il ministero le persone contagiate sarebbero oltre 67.000.

Israele incolpa Hamas per la morte dei civili perché afferma che i suoi combattenti operano da aree civili, ma i funzionari americani hanno chiesto attacchi più mirati. Il presidente Joe Biden ha affermato che la risposta di Israele “è andata troppo oltre”.

L'ufficio di Netanyahu dice che è impossibile eliminare Hamas se quattro delle sue brigate rimangono a Rafah.

Le Nazioni Unite affermano che la città, solitamente abitata da meno di 300.000 persone, ospita ora 1,4 milioni di persone fuggite dai combattimenti altrove ed è “estremamente sovraffollata”. Circa l'80% della popolazione di Gaza è sfollata.

READ  OMS: Misure contro la variante delta dell'omicron

Altrove a Gaza

Sabato, l’esercito israeliano ha affermato di aver scoperto dei tunnel sotto la sede dell’agenzia delle Nazioni Unite per i rifugiati palestinesi a Gaza City, e ha affermato che i combattenti di Hamas stavano utilizzando quello spazio.

Secondo funzionari ospedalieri e giornalisti di AP, un raid israeliano nella città centrale palestinese di Deir al-Balah ha ucciso cinque persone e ne ha ferite altre 10.

Nel quartiere Tel al-Hawa di Gaza City, due medici palestinesi della Mezzaluna Rossa sono stati trovati morti in un'ambulanza distrutta dopo essere scomparsi 12 giorni fa. Avevano cercato di salvare Hind Rajab, 5 anni, che stava viaggiando con la sua famiglia per rispettare gli ordini di evacuazione.

La Mezzaluna Rossa palestinese aveva pubblicato la registrazione audio di una chiamata della cugina di Hind, in cui diceva che l'auto era finita sotto il fuoco e che solo lei e Hind erano sopravvissuti. Il cugino tacque nel bel mezzo della chiamata. Hind morì più tardi.

La Mezzaluna Rossa ha affermato che la missione di salvataggio è stata coordinata con l'esercito israeliano, che non ha rilasciato commenti.