Novembre 29, 2022

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Memoria metamorfica del Costa Rica e dell’Italia 90

Il Costa Rica ha battuto l’Uruguay e l’Italia in Brasile 2014, ha mandato a casa l’Inghilterra, ha battuto la Grecia con 10 uomini e ha spinto l’Olanda ai rigori per vincere un biglietto per le semifinali, ma non è stato il miglior ricordo della Coppa del Mondo. Digos’.

Con la musica di ‘An Italian Summer’ e gli echi delle storie cantate incredule delle vittorie di quegli artigiani contro la Scozia e la Svezia o il Brasile, la pelle del calcio costaricano si attorciglia velocemente con un ricordo più antico e più stretto. Tunga, Franco, Kareka e Muller.

Era Italia 90 e il Costa Rica era noto, forse, per non averlo. Non era il territorio delle guerre degli anni Ottanta a dissanguare il Centroamerica; Non è una piattaforma di dispotismo, né un deposito di risorse minerarie che ha suscitato grande interesse da parte del capitale. L’ecoturismo era ancora agli inizi e si stava ancora progettando il buon marketing internazionale che in seguito ha portato al marchio “Costa Rica”.

Il calcio era di casa, quasi innato. La squadra di calcio era composta solo da giocatori del campionato locale in un paese di 3 milioni di persone, da dove ora emigravano meno persone.

Nessuno avrebbe potuto prevedere quello che si è visto in televisione: la gara d’esordio contro la Scozia, passaggio di tacco in area con bella botta del centrocampista Juan Giazzo; Una misera vittoria per 1-0 per il Brasile in una partita in cui il mondo avrebbe dovuto incontrare Luis Cabello Conejo, l’alto portiere del Costa Rica con i baffi; Una vittoria per 2-1 contro la Svezia ha qualificato per il secondo turno.

READ  Quando Juan Manuel Perez è venuto in Italia non si è divertito, ma ha litigato ad Ascension

“Lunga vita al Costarica! Una piccola nazione dell’America centrale, un paradiso di pace! Siamo passati dignitosamente agli ottavi”, ha annunciato l’annunciatore Mario McGregor alla radio tradizionale Colombia a Genova il 20 giugno. Poi è arrivata la sconfitta per 4-1 contro la Cecoslovacchia, ma il guaio era già stato fatto.

L’allenatore, il velipor serbo Bora Milutinovic, ha preso il posto di insegnante, educatore e vino da pranzo per giocatori semplici che sorridevano nervosi ed emozionati quando sono arrivati ​​in Europa. Bora ha portato il Messico ai Mondiali del 1986, un uomo di mondo che ha saputo far funzionare la mentalità dei lavoratori. Gli hanno attribuito il merito di aver impedito al Costa Rica di ripetere le amare esperienze della Coppa del Mondo di El Salvador in Messico 70 e Spagna 82 nel 10-1 contro l’Ungheria.

A San Jose, i giocatori di “Cele” sono stati accolti come eroi e il governo ha dato a ciascuno un’auto con un permesso di taxi ufficiale. Anche se alcuni calciatori sono arrivati ​​​​a squadre internazionali e in seguito sono diventati pionieri nella trasformazione del calcio costaricano, è stato un modo per garantire un reddito che non tutti ricevevano dai loro club.

Sport a parte, il nome Costa Rica si è distinto alla sua prima Esposizione Universale. Un paese che raramente ha integrato l’apertura della sua economia e conosce i mieli del turismo. Con la caduta del muro di Berlino e l’accelerazione della globalizzazione, il paese ha visto profitti in alberi non tagliati, utilità senza militari e costruzione della propria immagine solo pochi mesi fa.

I più esperti della squadra attuale non sono ancora entrati nella scuola, ma sono cresciuti in un altro mondo calcistico. Hanno visto i giocatori emigrare all’inizio del secolo e hanno visto il Costa Rica tornare ai Mondiali in Giappone e Corea nel 2002. E la prima partita della Germania contro i padroni di casa nel 2006 in campionato, quando Paulo Wansopp era già un uomo in inglese.

READ  I giovani azeri vogliono studiare in Turchia, Regno Unito, Stati Uniti, Belgio e Italia

Nel primo decennio del 21° secolo, il Costa Rica è stato costretto a qualificarsi per i Mondiali. Sud Africa 2010 è stato drammaticamente eliminato all’ultimo minuto di un torneo negli Stati Uniti, ma è riuscito ad assicurarsi un posto per Brasile 2014, anche se la fortuna lo ha fatto cadere nel “gruppo della morte” con Uruguay, Italia e Inghilterra. .

“Devo spararmi come un costaricano”, disse allora Diego Armando Maradona, che andò male a San Jose ma rifletteva l’incredulità dei tifosi dell’epoca, increduli che l’Italia avrebbe superato la prestazione del ’90. Tutto era cambiato e c’erano calciatori nei migliori campionati d’Europa, parlavano inglese ed erano già milionari, ma i bookmaker pagavano a caro prezzo qualsiasi giocata che facesse vincere i ‘Dikos’.

Con un piano tattico difensivo realistico e affidandosi al portiere Keylor Navas per emulare in qualche modo l’approccio di Italia 90, il Costa Rica è diventato la sorpresa del torneo fino ai quarti di finale. Anche l’Honduras era in Brasile, ma è rimasto nella prima tappa. I rappresentanti centroamericani a metà campionato erano i costaricani; Le celebrazioni a Tegucigalpa, San Salvador o Antigua sono state registrate sui social network, nel caso qualcuno si fosse interrogato sul riferimento al cartello sull’istmo. L’effetto tricolore era migliore rispetto a 28 anni fa, ma non meglio ricordato.

Era la quarta Coppa del Mondo e, assente dalla Russia 2018, una prestazione altrimenti modesta ha aiutato a sollevare Brasile e Italia. Costa Rica e Panama, che hanno gradualmente colmato il divario con i loro vicini del nord, hanno lasciato ben presto la Coppa del Mondo senza i centroamericani.

Qatar 2022 Panama era vicino alla qualificazione, ma poiché il Costa Rica ha potenziato le sue prestazioni con le sue armi emotive e i ricordi dell’Italia o del Brasile, è stato equilibrato fino a quando gli estremisti si sono qualificati per i playoff contro la Nuova Zelanda. È stata una nuova occasione per le emittenti per rispolverare le registrazioni del commento e della narrazione di Juan Giazzo da parte dei presentatori ormai assenti. La Selle, al Qatar, è ancora l’unico rappresentante dell’intero Istmo.

READ  I piani dei generali italiani di EFE si concentrano su tasse basse e alta occupazione