Novembre 26, 2022

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Mentre contempli la terra, la terra pensa a te

Improvvisamente, vertigini.

Tutto stava andando bene fino a quando non ha iniziato ad andare alla deriva. È successo cinque mesi prima che Felix Baumgartner (53) scalasse all’infinito per saltare nel vuoto.

Quel giorno di maggio 2012, Baumgartner disse ai tecnici della Red Bull:

Soffro di claustrofobia.

E il progetto Red Bull Stratos stava andando in crisi, perché nessuno si aspettava una simile battuta d’arresto.

(Red Bull Stratos: salto nel vuoto dalla stratosfera alla Terra, un salto che nessun altro essere umano ha mai tentato prima: 38.969,4 metri di altezza, circa 40 chilometri)

(…)

Tutto è andato bene fino ad allora: sette anni di studi, salti commerciali dalle Petronas Towers e dal Corcovado Christ e test di stress riusciti hanno predetto un momento magico.

Ma ora Felix Baumgartner ha dichiarato di sentirsi claustrofobico:

Potrei andare avanti per un’ora con la tuta. Penso quattro ore, no.

E poi cosa?

Sono stati programmati cinque mesi di incontri con psichiatri e fisiologi dello sport, che si sono presi cura di Baumgartner sul divano, assicurandogli che l’uomo era lui.

E sì, le conversazioni hanno funzionato.

Felix Baumgartner è caduto nel vuoto della sua capsula, il 14 ottobre 2012

Contenuto della piscina Red Bull Stratos / Red Bull

E proprio per questo, il 14 ottobre 2012, in un giorno come oggi di dieci anni fa, Felix Baumgartner ha deciso di inserirsi in quella piccola capsule e di salire decisamente su, interessante per 8,5 milioni di telespettatori (è l’evento live) spesso in la storia di YouTube, la cui piattaforma stava per crollare) e preoccupava i medici e gli scienziati che osservavano il paracadutista austriaco.

READ  Intel invierà un piccolo codice per rimuoverlo ad Alder Lake

“Se raggiunge un’altitudine di 40 km e decide di non voler saltare, Baumgartner morirà, perché non potrà mai tornare sulla Terra su quella capsula”, ha detto Joe Kittinger, uno dei suoi allenatori.

E sì, finalmente, il salto nel vuoto.

Felix Baumgartner e Art Thompson, Direttore tecnico del progetto, nel New Mexico

Felix Baumgartner e Art Thompson, Direttore tecnico del progetto, nel New Mexico

Jorg Meter / Contenuto della piscina Red Bull

-che cosa ti senti? – È stato chiesto a Felix Baumgartner di entrare salto nello spazio Il documentario è disponibile oggi su Red Bull TV.

– Essere lì, nello spazio, in procinto di saltare, è stato un momento divertente e tranquillo. È qualcosa che non ci si può aspettare e non si può ripetere. E tutto era pieno di silenzio, niente di simile, nemmeno il resto della foresta, perché lì stai ascoltando la natura. In quel momento ho sentito solo il mio respiro. Il cielo era completamente scuro. Ho passato dieci secondi così. E vorrei avere più tempo per godermela, ma non potevo rimanere senza ossigeno, quindi ho dovuto sbrigarmi.

Così fece un ultimo passo avanti e soccombette al pericolo, allo stupore del mondo.

(…)

Nella sua caduta, l’avventuriero ha battuto diversi record: ha previsto una velocità di 1.357,6 km/h (1 Mach 1,25) e ha percorso 3.6402,6 metri in caduta libera.

L’atterraggio è durato tre minuti e 48 secondi.

Felix Baumgartner è atterrato in una zona desertica di Roswell, nel New Mexico.

Felix Baumgartner, accanto alla sua capsule a Lucerna, in una foto recente

Felix Baumgartner, accanto alla sua capsule a Lucerna, in una foto recente

Michai Stetcu / PISCINA CONTENUTI RED BULL

(Due anni dopo, Alan Eustace saltò da 41.419,3 metri, sebbene questo nuovo record fosse molto meno importante.)

READ  iPhone 14: le notizie sul nuovo telefono Apple vengono filtrate - notizie sulla tecnologia - tecnologia

Come ti sei sentito quando sei caduto quando hai rotto la barriera del suono? – Lo chiedono a Baumgartner.

-Quale. Mi hanno detto che potevo sentire rombi ipersonici. Tuttavia, quando sono arrivato sulla Terra, non avevo idea di aver superato questa barriera.

Dopodiché, torna alla sua infanzia. Un anno dopo quel salto, racconta, sua madre gli mostrò un disegno che aveva disegnato durante la sua infanzia, quando aveva cinque anni. Si vede in una tuta da paracadute:

– E a quanto pare mi ha visto saltare dall’alto, perché il sole era così vicino.

Oggi, milionario per quell’avventura, Felix Baumgartner pilota elicotteri.