Settembre 30, 2022

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Messico: che questo sia l’ultimo vertice per discutere dell’embargo contro Cuba

È tempo di un cambiamento e spero che questo sia l’ultimo vertice a discutere dell’embargo contro Cuba, l’OAS è presente ei paesi esclusi, ha affermato oggi il ministro degli Esteri messicano Marcelo Ebrard.

Nel suo tanto atteso discorso alla plenaria del Nono Vertice a Los Angeles, California, il ministro degli Esteri messicano è stato conciso e deciso nel notare che 20 dei 32 oratori dello stesso numero di paesi hanno condannato il blocco statunitense. Si sono rifiutati di escludere dalla nomina Cuba, Venezuela e Nicaragua.

Discorso del Ministro degli Affari Esteri del Messico alla sessione plenaria del Nono Vertice a Los Angeles, California. / Foto: PL

Ebrard ha avvertito che solo due hanno sostenuto l’esclusione e 10 si sono astenuti dal parlare sull’argomento, cioè la stragrande maggioranza di quelli qui era a favore dell’abolizione degli assedi e delle esclusioni, e questo deve essere preso in considerazione.

Ebrard ha chiarito che ci opponiamo all’esclusione, perché questo è stato un problema 10 anni fa ed è ancora un elemento ricorrente irrisolto, che porta all’esclusione, motivo per cui molti paesi si oppongono a questa politica, incluso il Messico in particolare. È il motivo della mancanza del presidente Andres Manuel Lopez Obrador.

Ha spiegato che nessuno ha il diritto di escludere un altro Paese per nessun motivo, poiché le politiche interne sono compatibili con ciascun Paese, e questo è un loro diritto sovrano.

Con questa ripetizione, esprimo anche la nostra critica all’Organizzazione degli Stati americani (OAS), per la sua natura reazionaria e il suo ruolo vergognoso nel colpo di stato in Bolivia contro il presidente Evo Morales, e per la sua ingerenza elettorale quando non abbiamo mai visto la preoccupazione per l’epidemia di Covid. . -19 e carenza di vaccini.

READ  I leader mondiali chiedono un'accelerazione della vaccinazione contro il Covid-19 in Africa

Ha affermato che in molti degli interventi il ​​tema è stato affrontato non solo all’esclusione di Cuba, ma anche al principio di non intervento, ma soprattutto al tema più sostanziale del cambiamento delle basi che ha creato l’Organizzazione degli Stati americani e non più così, esaurito.

Il Presidente dell’Argentina, Alberto Fernandez, ha affermato, a nome del Gruppo degli Stati dell’America Latina e dei Caraibi, che la questione dell’OAS deve essere risolta immediatamente, devono essere ricercate altre forme di organizzazione e dobbiamo fare dei passi avanti perché se così fosse non accadrà, ha insistito il ministro. Il ministero degli Esteri messicano al prossimo vertice sarà come è adesso.

Dichiarò che era tempo di un cambiamento nell’interesse delle Americhe e di risolvere queste divergenze. Come può la maggioranza al vertice esprimere il proprio disaccordo con questo provvedimento e poi non succede nulla? si chiese.

Dobbiamo renderci conto che in una nuova realtà geopolitica, ciò che sta accadendo oggi come la pandemia, la guerra in Ucraina, l’instabilità del cibo e dell’energia, non è lo stesso di quanto accaduto al vertice precedente, ed è per questo che dobbiamo cercare l’unità dal continente, esortato.

Discorso del Ministro degli Affari Esteri del Messico alla sessione plenaria del Nono Vertice a Los Angeles, California. / Foto: PL

Ma per raggiungere questo obiettivo, ha detto, devi prendere decisioni. Tra tutti quelli qui presenti oggi, 29 giugno, abbiamo votato contro l’embargo contro Cuba, ma è ancora in vigore e cosa significa, dobbiamo risolvere questo problema.

Tale blocco è contro il diritto internazionale e una violazione dei diritti umani. Abbiamo votato 28 volte negli ultimi 28 anni contro, e non è successo nulla, ed è ancora lì, ma è tempo di cambiarlo e creare una nuova relazione caratterizzata dalla solitudine di cui parliamo così spesso. (stampa latina)

READ  Sta per nascere il più grande accordo di libero scambio al mondo