Ottobre 5, 2022

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Messico e Stati Uniti restituiscono un altro gruppo di immigrati cubani

Il governo del Messico è diventato guardie di confine Stati Uniti: Arresto ed espulsione, dice 14 Medi Avvocato e difensore degli immigrati Jose Luis Perez Jimenez. “Recentemente, sono state mostrate deportazioni segrete di cubani anche se i giudici distrettuali hanno concesso la sospensione delle misure di arresto”.

Il Messico ha restituito 49 cubani privi di documenti. Secondo le informazioni del Ministero dell’Interno cubano (Minent), 1.459 persone sono state espulse dal gennaio 2022. “Venerdì mattina è arrivato a Cuba un volo dal Messico con a bordo 49 cittadini cubani che avevano lasciato legalmente il Paese e si erano uniti agli irregolari gruppo afflusso di immigrati che cercano di raggiungere gli Stati Uniti”.

“È chiaro che ci sono obblighi bilaterali tra Messico e Stati Uniti per contenere gli immigrati, anche se in molti di questi casi i diritti delle persone vengono violati”, afferma Perez.

I dati di Minnt indicano che il Messico e gli Stati Uniti hanno restituito un nuovo lotto di cubani sull’isola, che ora ammonta a 4.361 espulsioni finora quest’anno, comprese le Bahamas e le Isole Cayman.

Intanto il ” Servizio della Guardia Costiera Gli Stati Uniti hanno rimpatriato 47 migranti irregolari nell’operazione 55 di quest’anno, per un totale di 2.640 cubani rimpatriati attraverso questa rotta”, secondo la fonte.

Dallo scorso ottobre al 6 luglio, 157.339 cubani sono arrivati ​​via terra negli Stati Uniti

Le autorità per l’immigrazione dell’isola hanno indicato che il maggior numero di migranti di ritorno nel paese caraibico corrisponde agli Stati Uniti.

Negli ultimi mesi è aumentato il flusso di immigrati clandestini cubani che cercano di entrare nel paese vicino via mare o seguendo varie rotte attraverso vari paesi centroamericani come Nicaragua, Panama e Honduras.

READ  Il ministro degli Esteri cubano incontra il nuovo presidente cileno, Gabriel Borek

Il Dipartimento delle dogane e della protezione delle frontiere degli Stati Uniti ha riferito che dallo scorso ottobre al 6 luglio, 157.339 cubani sono arrivati ​​​​in quella regione su strada.

Questo numero supera il più grande esodo di cubani fino ad oggi, nel 1980, quando 125.000 persone hanno lasciato il porto di Mariel in soli sette mesi.

Il governo cubano esige che Washington rispetti gli accordi bilaterali sull’immigrazione, in base ai quali gli Stati Uniti devono concedere 20.000 visti all’anno.

L’Avana sostiene che questa cifra non è stata applicata per quattro anni consecutivi.

Incolpa anche Washington per aver stimolato l’immigrazione irregolare concedendo “privilegi” ai cubani che tentano di entrare in quella regione, in particolare a causa dell’entrata in vigore della legge sull’adattamento cubano del 1966.

Questo regolamento consente ai cubani di richiedere la residenza permanente negli Stati Uniti dopo un anno e un giorno di permanenza in quel paese.

________________________

Collaborazione con la nostra attività:

Squadra 14 Medi Si impegna a fare un giornalismo serio che rifletta la profonda realtà di Cuba. Grazie per esserti unito a noi in questo lungo cammino. Ti invitiamo a continuare il nostro supporto, ma questa volta Diventa un membro del nostro giornale. Insieme, possiamo continuare a cambiare la stampa a Cuba.