Settembre 30, 2022

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Minerali critici: perché la loro scarsità mette a rischio la produzione industriale mondiale

La carenza di minerali preoccupa l’industria nel suo insieme

Alla fine del 19° secolo iniziò la ricerca globale del petrolio. Cominciò ad essere chiamato “oro nero” per via degli ambiti pozzi che conteneva. Questo materiale divenne necessario per le più moderne tecnologie dell’epoca: fu utilizzato come combustibile, che cambiò radicalmente i trasporti e rivoluzionò presto l’industria con l’uso di materie plastiche, fibre sintetiche e altri derivati ​​di questo materiale.

Nel tempo, la politica e l’economia internazionali sono cambiate: i paesi con pozzi petroliferi sono diventati ricchi e da allora ci sono state alcune guerre per il controllo di aree con quella ricchezza nel sottosuolo. Ora potremmo trovarci di fronte a una situazione simile che cambierà il panorama internazionale o addirittura metterà a repentaglio il passaggio a fonti energetiche meno inquinanti.

Dai telefoni cellulari alle turbine eoliche

Il mondo sta cercando di ridurre la sua dipendenza dalle fonti di energia fossile e combattere il riscaldamento globale. Ciò significa che sono necessarie nuove materie prime per produrre dispositivi che riducano le emissioni di carbonio. Telefoni, touch screen, laser, componenti spaziali, batterie per immagazzinare l’energia solare da utilizzare di notte, turbine eoliche… gran parte della tecnologia sviluppata per realizzare questa trasformazione utilizza metalli molto rari sul pianeta come materie prime: nichel, litio, cobalto Una trentina di elementi chimici sono stati chiamati minerali critici. Se si guasta anche per un breve periodo o addirittura interrompe la fornitura per anni, non sarà possibile produrre l’hardware di base per il cambiamento.

In inglese “critico” ha un significato basilare o indispensabile, ed è stato tradotto in spagnolo così com’è, riferendosi al fatto che sono essenziali per una produzione di energia più pulita e al livello di rischio per la catena che la fornitura di questi i minerali possono essere sospesi per vari motivi. Tra questi c’è il fatto che ci sono poche fonti di questi minerali perché le miniere appartengono a un oligopolio o perché provengono da pochi paesi.

Inoltre, è importante la stabilità politica dei paesi esportatori. Sarebbe il caso della Repubblica Democratica del Congo, che detiene più della metà delle riserve mondiali di cobalto (un metallo utilizzato nelle leghe utilizzate nella produzione di aerei e nelle batterie delle auto elettriche) e da allora ha subito diversi conflitti bellici. che ottenne l’indipendenza dal Belgio a metà del XX secolo.

Un altro motivo di preoccupazione per quanto riguarda i minerali vitali è che il consumo sempre crescente richiede un maggiore sfruttamento di queste risorse, che porta a un aumento della spesa energetica, all’inquinamento ambientale e, in alcuni casi, all’abuso dei diritti umani a causa delle condizioni dei minatori.

Necessario aumento della produzione

Un esempio dell’importanza di importanti minerali sono i materiali necessari per costruire un moderno mulino a vento con una turbina da 3 megawatt: 1200 tonnellate di cemento, 355 di acciaio, 4,7 tonnellate di rame, 3 di alluminio e 2 di terre rare, oltre ad altri materiali come zinco e molibdeno. Lo rileva il rapporto della Banca Mondiale “Minerals for Climate Action: Metal Extensive Use in the Transition to Clean Energy”, in cui si afferma anche che la produzione di minerali come grafite, litio o cobalto potrebbe vedere un aumento del 500% tra il 2020 e 2050.

L’elenco dei minerali importanti varia nelle diverse regioni, a seconda della loro accessibilità. Mentre per gli Stati Uniti e l’Europa include terre rare (un gruppo di 17 elementi chimici tra cui scandio e ittrio e 15 elementi del gruppo dei lantanidi), non è in Cina, che è uno dei principali produttori mondiali di materiali rari. polvere. Non solo le produce, ma elabora anche ciò che proviene da altre regioni: nel 2019 la Cina ha raffinato quasi il 90% delle terre rare di tutta la produzione mondiale, oltre al 35% di nichel e tra il 50 e il 70% di litio e cobalto. Tra i paesi che riforniscono l’UE, la stessa Cina è in cima a una lista che comprende anche Repubblica Democratica del Congo, Brasile, Sud Africa, Russia e Ruanda.

Trova nuove fonti

Tali rischi hanno spinto governi e istituzioni sovranazionali a ricercare modalità per aumentare e diversificare la produzione di queste risorse, evitando così la possibilità di rallentare il passaggio a energie meno inquinanti per la scarsità di materie prime.

L’Agenzia internazionale per l’energia (IEA), composta da 30 paesi (inclusa la Spagna), ha formulato sei raccomandazioni: investire nella diversificazione delle forniture minerali, investire in ricerca e sviluppo per utilizzare i materiali in modo più efficiente e trovare materiali alternativi, aumentare il riciclaggio e implementarlo in modo più efficiente, migliorare la resilienza delle catene di approvvigionamento per essere in grado di rispondere a potenziali interruzioni dell’approvvigionamento, stimolare la produzione e promuovere la cooperazione internazionale tra produttori e consumatori.

Alcuni paesi sono alla ricerca di nuove fonti di minerali importanti. Ad esempio, in Norvegia, un rapporto preparato da vari servizi geologici di Finlandia, Svezia, Danimarca, Norvegia e Groenlandia ha mostrato che una parte significativa di questi minerali si trova nel substrato roccioso settentrionale. Una volta che diventa chiaro dove potrebbero esserci più sedimenti, sorgono altri due problemi: si stima che occorrano 16 anni per estrarre le risorse e questo processo è dannoso per l’ambiente. Ecco perché ci sono voci di esperti che chiedono di trovare nuove fonti il ​​prima possibile, soprattutto dopo che l’invasione russa dell’Ucraina ha colpito l’offerta globale di grano, legname, carta, alluminio o palladio, nonché scandio, titanio e metalli strategici. Incluso nell’elenco dell’UE.

READ  Panasonic chiuderà la sua fabbrica di batterie in Perù