Febbraio 4, 2023

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Ministro: la Bolivia ottenga una gestione “appropriata” del debito estero

Ha sottolineato che questo indicatore ha raggiunto il 99,1% della dimensione dell’economia nel 1987, ed è rimasto al di sopra del 50% durante i governi neoliberisti, ed è sceso solo al 28,2% con l’arrivo al potere dell’ex presidente Evo Morales nel 2006.

Nel novembre 2019, quando è avvenuto il colpo di stato delle forze conservatrici, l’indebitamento della Bolivia era di circa 27,4 punti percentuali, secondo un grafico mostrato dal titolo durante un’intervista a Channel Bolivia TV.

Tuttavia, il Montenegro ha spiegato che nell’amministrazione del regime de facto di Jenin Anez (2019-2020), questo indicatore è salito nuovamente al 33%.

Ha aggiunto che “è stato ridotto nel governo del presidente Luis Arce al 29,9 per cento, quindi cosa significa? Che c’è una gestione adeguata dell’indebitamento estero”.

Il ministro ha sottolineato che questa situazione consente alla Bolivia di essere presente nei mercati dei capitali, poiché le organizzazioni multilaterali le concedono prestiti perché ha movimento economico, capacità produttiva e generazione di reddito.

I rapporti di Economia e Finanza specificano che, secondo i rapporti mensili sul debito pubblico estero della Banca Centrale nel 2021, circa il 70 per cento di questo impegno è con organizzazioni multilaterali come la Inter-American Development Bank e la Latin American Development Bank, principalmente.

Il Ministero sottolinea che questa componente qualitativa è importante perché queste organizzazioni non concedono prestiti non di investimento, un requisito che viene soddisfatto nel paese plurinazionale.

Inoltre, varie organizzazioni hanno precedentemente valutato la performance macroeconomica del paese richiedente prima di erogare questi prestiti.

Tutti gli studi condotti – oltre al portafoglio – riflettono il buon andamento delle variabili economiche in Bolivia, ovvero il Paese plurinazionale è solvibile in termini di debito prima del resto del mondo.

READ  L'Alto Commissario delle Nazioni Unite per la Colombia ha parlato con i difensori dei diritti umani

Le autorità boliviane avvertono che l’attuazione del modello socio-economico della società e di una politica fiscale responsabile ha portato il debito pubblico totale del paese nel 2022 a essere tra i più bassi dell’America Latina e dei Caraibi, inferiore a paesi come Argentina, Brasile, Colombia, Costa Rica, Messico e Uruguay.

Il ministero descrive che il debito pubblico boliviano è ben al di sotto dei limiti fissati da organizzazioni internazionali come il Trattato di Maastricht, che lo fissa a 60 unità percentuali, il che fornisce un margine accettabile per l’accesso a maggiori risorse necessarie per gli investimenti.

jcm/jpm