Luglio 5, 2022

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Miss Kits cresce nello spazio logistico e fisico del negozio per sfruttare il ritorno all’uncinetto – El Mercantil

La pandemia ha causato un calo dell’attività in molti settori, soprattutto durante il lockdown. Tuttavia, alcuni sono stati in grado non solo di aumentare significativamente le loro vendite, ma anche di rivitalizzare e uscire dalla loro nicchia. Questo è il caso dell’uncinetto. Un esempio dei suoi numeri positivi è la catena di lana Miss Kits, che ha iniziato il suo percorso nel 2014 con una piattaforma digitale e, dopo anni di crescita, ha aperto le porte di due negozi fisici, uno a Barcellona e l’altro a Madrid. L’ultimo è stato aperto nel 2021 accanto al magazzino logistico di Hostalrik (Girona), con un’area di oltre 23.000 metri quadrati gestita dall’operatore FR Servicios Logísticos e “facilitando tutto il loro lavoro”.

Durante questi due anni di pandemia, le sue vendite sono raddoppiate di quattro. “Prevediamo di crescere del 15-20% quest’anno, ma senza fare investimenti strutturali significativi”, spiega Alex Perez, CEO di Miss Kits. Sebbene l’uncinetto sia sempre stato associato agli anziani, l’azienda garantisce una clientela diversificata. È vero che alcuni dei suoi clienti appartengono ancora a questa nicchia, “perché il lavoro a maglia o all’uncinetto era una volta”, ma ora interferiscono altri fattori, come le nuove tecnologie, le reti e uno stile di vita sano. Queste tendenze hanno portato “molti giovani a riprendere la passione per la tessitura”. “Dagli Stati Uniti ai paesi nordici o al Giappone”, spiega l’amministratore delegato di Miss Kits, “l’uncinetto ha creato ancora una volta comunità meravigliose e lo stesso è successo nel nostro paese”.

“Siamo l’azienda del nostro settore più impegnata nella lana locale”
Alex Perez CEO di Miss Kit

READ  Video | Citroën C3 Aircross 2021 vs Renault Captur: Kings of Space

Tuttavia, non tutto è cambiato nel settore della lana. La presenza di esercizi è ancora un fattore importante, motivo per cui Miss Kits ha scelto di aprire due negozi fisici che si aggiungeranno ai servizi forniti attraverso la piattaforma digitale. “Nel mondo della lana e del cotone, il contatto con il prodotto è importante, perché ci sono proprietà che dipendono da ogni utente”, afferma Alex Perez. La condizione più comune è il prurito della lana ed è portato da ogni persona, una caratteristica che può essere testata solo al tatto. Al tradizionale modello di merceria si affiancano la vendita online e l’organizzazione di laboratori per avvicinare ai propri clienti il ​​mondo della maglieria e dell’uncinetto.

Per quanto riguarda l’origine dei loro prodotti, da Miss Kits, confermano di offrire una gamma di fili provenienti da tutto il mondo. Luoghi degni di nota includono Norvegia, America Latina, Francia, Italia, Nuova Zelanda e Africa, ma la maggior parte di loro proviene dalla Spagna. “Siamo l’azienda più impegnata nella lana locale”, afferma Alex Perez, specificando che lavorano con grandi marchi spagnoli di lana e investono anche in tintori su piccola scala. “Siamo stati un trampolino di lancio per molti nei loro inizi e vorremmo continuare a scoprire e aiutare i giovani artigiani nei loro inizi”.

Miss Kits ha quadruplicato le sue vendite in due anni, nonostante l’occasionale carenza di alcuni prodotti

Anche l’azienda specializzata in lana è stata influenzata dalle tendenze globali. “Come tutti noi che portiamo prodotti dall’estero, abbiamo avuto molti problemi di fornitura con fornitori diversi in momenti diversi”, riconosce il manager. Per mitigare la carenza specifica, dice, Miss Kits ha dovuto riadattarsi a marchi diversi da altri luoghi in cui non ci sono aree chiuse.

READ  Uno spazio polivalente dove il cibo veicola ogni tipo di apprendimento

Quanto all’import e alla distribuzione, lavorano con i grandi operatori del settore, mentre la distribuzione spagnola e l’ultimo miglio ricadono sulle spalle delle aziende locali: “Lavoriamo con loro da un po’, ci sentiamo molto a nostro agio e ci danno fiducia .” Nonostante il notevole aumento della domanda, Alex Perez aggiunge che, per il momento, non stanno pensando di aprire nuovi magazzini logistici in altre regioni della Spagna: “Vogliamo lavorare per migliorare le operazioni e il lavoro interno dell’azienda”.