Maggio 20, 2022

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Monarchia contro la Repubblica italiana per un ‘manciato’ di diamanti

Gli eredi di Savoia hanno citato in giudizio il governo per essersi rifiutato di restituire i gioielli della corona. La petizione apre la ferita in un Paese che 70 anni fa ha rovesciato la monarchia con un referendum e non ha dimenticato il suo rapporto con il fascismo.

Il 5 giugno 1946 Falcon Lucifero, allora Ministro di Palazzo Reale d’Italia, obbedì fedelmente all’ordine di Umberto II, ultimo Re d’Italia: Presentato un magnifico scrigno al Governatore della Banca d’Italia per la protezione. All’interno c’era un vero e proprio scrigno di 6.732 diamanti e 2.000 perle.

Quella data spiega perché. Sono passati solo tre giorni da quando gli italiani hanno riconosciuto la nascita della Repubblica abolendo la monarchia.. L’intera famiglia della dinastia dei Savoia fu deportata e tutti i beni demaniali, mobili e immobili confiscati dallo Stato.

Da 75 anni, La Banca d’Italia ha una straordinaria collezione di corone, diademi, bracciali, collane, orecchini e spille piene di pietre preziose., Nascosto sotto chiave e serratura. Finora. Questo perché gli eredi sabaudi sono venuti ad accendere i gioielli della corona e si sono messi in viaggio per recuperarli. E non sembrano pronti a bloccare nulla.

Infatti, dopo un fallito tentativo arbitrale di raggiungere un accordo con il governo italiano, hanno spostato la loro domanda in tribunale. I figli di Umberto II chiesero che il 10 febbraio fosse intentata una causa contro il governo italiano. Caso monarchico contro la Repubblica italiana, sì. Il giudice ha fissato il 7 giugno per la prima udienza.

Fascismo e leggi razziali

Questa domanda è più che debole in Italia. Con l’avvento del regime fascista di Benito Mussolini nessuno ha dimenticato i rapporti di questa dinastia.. Vittorio Emanuele III, l’ultimo re di Savoia, chiese a Deuce di formare un governo nel 1922. 1938 Firma delle leggi etniche che consentono la deportazione degli ebrei italiani. Dopo la firma dell’accordo di cessate il fuoco nel 1943, non gli perdonarono di aver volato con tutta la famiglia e il governo, lasciando il paese in fiamme e gli italiani nelle mani dei tedeschi.

READ  Un hotel in Italia offre alloggio fino a 1 euro al giorno (con condizioni)

Vittorio Emanuele III si dimise tre anni dopo in favore del figlio Umberto II. Era il maggio del 1946. La corona durò solo un mese. A giugno si è tenuto uno storico referendum. Onestamente, I Savoia non poterono più mettere piede in Italia fino al 2002, Con votazione, dopo l’abrogazione delle norme parziali che lo impediscono. Da allora, non hanno più rivendicato il diritto di considerare i propri discendenti come propri.

Sarà Figli di Umberto II Chi Il denunciante siederà davanti al giudice. Vale a dire, Vittorio Emanuele, già principe di Savoia ed ex principesse Maria Gabriela, Maria Pia e Maria Beatrice. Al fronte siederanno rappresentanti di aziende con determinate responsabilità in materia: il Presidente del Governo, il Ministero dell’Economia e delle Finanze e la Banca d’Italia.

“Chi lo possiede”

La chiave della strategia degli avvocati dei discendenti di Umberto II è nelle parole scritte da Lucifero quando consegnò il suo petto a Luigi Enoti, allora Governatore della Banca Italiana (Ironie della Storia), primo Presidente della Repubblica Italiana. “Gli oggetti preziosi, che sono chiamati i gioielli della corona del regno, sono custoditi in una scatola centrale in possesso dei possessori.“.

Tra i documenti rispolverati a sostegno della sua causa c’è una citazione di Louis Enudi nel suo diario del 5 giugno 1946: “Qual è la mia intenzione?” Il decreto del re ‘chi lo possiede’ si riferisce alla famiglia reale e non allo stato“.

In queste righe si nasconde, la spiegazione degli avvocati, Il Prova che i gioielli non facevano parte della proprietà reale sequestrata. Credono che la gioielleria sia controllata dallo Stato e che la Banca d’Italia sia solo un depositario. La proprietà è di proprietà dei Savoia.

READ  Ciclista colombiano tira a sorte agnelli per raccogliere fondi in Italia | Ciclismo

Manuel Filiberto, nipote di Humberto II, che è stato un assiduo frequentatore di alcune trasmissioni televisive, ha finora parlato ai media a sostegno dello studio familiare. “Mi scriveva mio nonno [en realidad fue Lucifero en nombre del rey] Gli aventi diritto sono gli eredi», ha dichiarato.

“I gioielli sono di casa Savoia, devono tornare lì”, ha insistito Manuel Filiberto. “La famiglia è molto unita in questa guerra, 75 anni dal 1946. È tempo di agire per rivendicare tutto ciò che è di casa Savoia E reclamare i beni personali della famiglia”, ha detto in una nota Corriere della sera. “Hanno fatto la stessa cosa con le ex famiglie regnanti della Jugoslavia o della Bulgaria, anche con gli eredi dello zar”, accusa.

Manuel Filiberto ha anche suggerito il possibile destino del tesoro reale: “Più tardi sarà esposto in Italia perché fa parte della storia italiana e non è mai stato esposto”. Vero però L’idea di seguire la corona britannica con il biglietto d’ingresso alla mostra in onore dei gioielli non è nuova..

La Regione Piemonte ha provato nel 2006 ad insegnarli durante i Giochi Invernali di Torino. All’epoca l’attuale presidente del Consiglio, Mario Draghi, era governatore della Banca d’Italia, dove accettò un lavoro temporaneo. Tuttavia, Il silenzio del presidente sul governo ha tenuto il suo cuore al sicuro.

Richiedi 54 anni di espulsione

Un anno dopo, nel 2007, i Savoia inviarono una lettera di sette pagine all’allora presidente italiano Giorgio Napolitano e al presidente del Consiglio Romano Prodi. Pretesa 26 260 milioni come “risarcimento del danno morale di 54 anni di espulsione”. I suoi conti sono stati pensati 170 milioni all’ex principe Victor Manuel e 90 al figlio Manuel Filiberto. Chiesero anche la restituzione dei beni confiscati dal governo nel 1946.

READ  Exodus: solo una delle 10 migliori compagnie aeree al mondo opera in Argentina

Quindi non ci sono riusciti. Il governo ha risposto subito, non pensando di dare nulla all’ex famiglia reale, ma nemmeno quello “In alcuni casi della storia italiana hanno chiesto un risarcimento alla stessa famiglia per la responsabilità che ricoprivano”, stima..

Al giorno d’oggi coloro che hanno ripreso l’idea hanno già suggerito che il governo non dovrebbe restituire i gioielli della corona. Alcuni valgono 300 milioni di euro, Ma li recupera per mostrarli in pubblico. Come ha scritto il giornalista Thomas McKinson Il Fatto Quotidiano“Se l’Italia ha deciso che i reati dei genitori non debbano ricadere sulla testa dei figli, non significa che debbano essere adornati di tesori che serviranno a risarcire in parte i danni arrecati al Paese”.

In data odierna, Le uniche immagini dei gioielli della corona sono la riproduzione in bianco e neroVecchie foto della famosa Regina Margherita con le sue famose collane di perle e raffinati diamanti.

Ora i giudici hanno l’ultima parola Se vedono di nuovo la luce o sotto la serratura e la chiave.