Febbraio 9, 2023

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

NBA: LeBron James rimane “Il Re”…della zona!

I Los Angeles Lakers sono ancora impantanati nella mediocrità che è diventata popolare nell’ultimo anno e mezzo. Nonostante abbia ottenuto due vittorie consecutive, Angelino è ancora fuori dai giochi, una partita dietro gli Utah Jazz. Non c’è ancora una data per il ritorno di Anthony Davis dall’infortunio al piede e dalla sua assenza, la squadra ha avuto difficoltà a riconoscersi. Soprattutto in difesa.

Questa situazione ha indotto LeBron James a dire basta la scorsa settimana. Dopo aver aggiunto un’altra sconfitta ai Miami Heat, ha vinto quattro volte l’MVP Parla forte e chiaro. “Sono un vincitore e voglio vincere. Voglio vincere e darmi la possibilità di vincere e continuare a lottare per i campionati. Questa è sempre stata la mia passione… Giocare a basket a quel livello solo per il gusto di giocare a basket non è nel mio DNA. “Non è più nel mio DNA”, ha detto il “re” esausto in una conferenza stampa.

Giocare a basket a quel livello solo per il gusto di giocare a basket non è nel mio DNA.

LeBron James, giocatore dei Los Angeles Lakers

con questo Ovviamente, James ha attirato l’attenzione della direzione dei Lakers guidata da Rob Pelinka. Il COO continua ad estendere le mosse di mercato che aveva già previsto la scorsa estate e così via Ovviamente, la squadra deve migliorare la propria rotazione in avanti, aggiungere giocatori in grado di tirare da tre e persino rafforzare il gioco interno. il caso WestbrookÈ stato più o meno risolto con il suo passaggio in panchina e si capisce che la franchigia vuole tenerlo. Ma C’è ancora molto lavoro da fare se si tratta di competere.

READ  Nazionale spagnola vs. Vincitore Costarica vs. Nuova Zelanda, Coppa del Mondo FIFA Qatar 2022 Gruppo E: ora, luogo, luogo, data, giorno, ora e TV

Lebron si gira

A LeBron non viene spesso dato quel tipo di messaggio diretto, Bene, si muove meglio nel suggerimento e nel filtro interessati. Ma, Questa volta ha deciso di rivelarsi agli occhi del pubblico. Sia in sala stampa che sul campo. Da quando ho lasciato queste osservazioni, L’attaccante ha lasciato due partite consecutive con più di 40 punti: una di 47 nel giorno del suo compleanno contro gli Atlanta Hawks e un’altra di 43 contro gli Charlotte Hornets. all’inizio della settimana.

LeBron James ha segnato 47 punti per festeggiare il suo 38esimo compleanno

La cosa interessante è come arrivano le gallerie James. Il giocatore è stato a lungo in giro per un certo clamore che lo accusava di giocare solo per “fare numero”. Il punteggio di Kareem Abdul-Jabbar è proprio dietro l’angoloE lo stato competitivo della squadra non impone di lasciare tutto in campo a chi le ha provate di tutti i colori tranne il giallo che ha circondato i Lakers di recente. chiaramente, Le partite da 30 punti di LeBron gli cadono dalle tasche e riesce praticamente a incassarle a mezza manetta E senza sofferenze eccessive nelle loro proporzioni. Anche se c’è del vero nel calo della sua prestazione difensiva dovuto alla pura “subordinazione”.

Questo cambio di mentalità ha influito anche sui suoi tiri, poiché è stata la sua stagione 21-22 quella che ha definito il maggior numero di corse della sua carriera. Ha una media di 8 punti a partita, di cui ha segnato il 36%. Ma quest’anno è diverso. LeBron ha iniziato il ciclo con la stessa dinamica e ha anche dato un’idea del declino fisico che deve essere insormontabile all’età di 38 anni e che continua a sfidarlo notte dopo notte. Nelle sue prime dieci partite della stagione, prima di infortunarsi, ha tirato più di 7 triple a partita, ma la sua precisione è scesa al 23%. Nello stesso tratto, ha segnato appena 24,9 punti di media e ha realizzato appena 4,8 tiri liberi, sintomatico della sua mancanza di aggressività.

READ  Il capo degli Australian Open si fida della partecipazione di Nadal nonostante il COVID-19
LeBron James festeggia con un canestro

LeBron James festeggia con un canestro

Ritorno alle origini

Il “Re” ha ribaltato la situazione dal suo ritorno dal suddetto infortunio al piede. In questa sezione a partire dal 25 novembre, James Ha ridotto le sue triple a 6,6 a partita e ha portato il suo totale a 31 punti e il suo punteggio al tiro a oltre sei. Tuttavia, questa tendenza si è rafforzata dopo la perdita di Anthony Davis, Ha costretto LeBron ad attaccare di nuovo il limite come se fosse la sua prima tappa a Cleveland.

Guardando il confronto tra le prime dieci partite della stagione e le ultime otto senza Davis, James è passato dalla produzione di 5 punti a partita con la sua svolta ai 10 punti che ora è sopra. Su 7 tentativi tripli, è sceso a 5,4 e i suoi punti di vernice salgono da 14 a 19 per la notte. Anche i suoi 8,3 tiri liberi fanno la differenza.

Le statistiche supportano le prove lasciate dai loro recenti incontri. Per ora, LeBron non ha intenzione di far passare la stagione come avrebbe potuto fare ad un certo punto la scorsa stagione. Ha capito che non c’era messaggio più forte da inviare alla direzione che ricordare loro che avevano un talento storico nel loro elenco. E non c’è modo migliore per riconoscere la sua impronta nel basket se non con la padronanza dell’area, che James restituisce con entusiasmo ogni volta che sorgono dubbi.