Settembre 25, 2022

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Nelle immagini: L’universo attraverso il telescopio spaziale James Webb

Immagine della Nebulosa Anello Meridionale, una nuvola di gas in espansione che circonda una stella morente. Foto: AFP

NasaIn collaborazione con l’Agenzia spaziale europea (ESA) e l’Agenzia spaziale canadese (CSA), Trasmissione in diretta delle prime immagini a colori e dei dati spettrali acquisiti dal James Webb Space Telescopeerede di Hubble e il più potente in orbita.

Già lunedì è stata rilasciata “l’immagine a infrarossi più profonda e accurata dell’universo primordiale”, scattata durante un test di ingegneria. In esso puoi vedere “Stelle deboli e galassie”, il Planetario di Buenos Aires Galileo Galilei in dettaglio sui social network ufficiali.

“Questa mattina, persone provenienti da tutto il pianeta vedranno le immagini catturate da questo telescopio e ogni immagine è una nuova scoperta”, ha affermato l’amministratore della NASA Bill Nelson.

“Ognuno di loro darà all’umanità una visione dell’universo che non abbiamo mai visto prima.”Ha aggiunto.

Immagini fornite dalla NASA

Le immagini del James Webb Telescope sono le prime in cui le galassie possono essere viste con maggiore distanza e maggiore chiarezza.

La nebulosa della Carina: una delle nebulose più grandi e luminose del cielo, si trova a circa 7.600 anni luce di distanza nella costellazione meridionale della Carina. Le nebulose sono vivai stellari in cui si formano le stelle. La Nebulosa Carina contiene molte stelle massicce, diverse volte più grandi del Sole. Foto tratta da: pagina 12.

ASP-96 b (spettro) – un pianeta gigante al di fuori del sistema solare, costituito principalmente da gas. Il pianeta si trova a circa 1.150 anni luce dalla Terra e orbita attorno alla sua stella ogni 3,4 giorni. La sua massa è circa la metà di quella di Giove e la sua scoperta è stata annunciata nel 2014. Immagine: tratta da pagina 12.

La Southern Ring Nebula è una nebulosa planetaria, una nuvola di gas in espansione che circonda una stella morente. Ha un diametro di circa mezzo anno luce e si trova a circa 2.000 anni luce dalla Terra. Foto: Tratto da pagina 12.

Quintetto di Stephan: a circa 290 milioni di anni luce di distanza, si trova nella costellazione del Pegaso. È noto per essere il primo ammasso di galassie compatto scoperto nel 1877. Quattro delle cinque galassie nel pentagramma vengono catturate in una danza cosmica di frequenti incontri ravvicinati. Foto: Tratto da pagina 12.

SMACS 0723: Enormi ammassi di galassie in primo piano gonfiano e distorcono la luce degli oggetti dietro di loro, consentendo viste in campo profondo di ammassi di galassie molto distanti e intrinsecamente deboli. Foto: Tratto da pagina 12.

Telescopio James Webb

James Webb è un telescopio da 10 miliardi di dollari lanciato lo scorso dicembre dalla Guyana francese. Missile Ariane 5 e ora Ruota attorno al Sole a una distanza di 1,5 milioni di km dalla Terraidentificato dall’agenzia di stampa Telam. Il bersaglio può sondare dove un telescopio non poteva arrivare primaGrazie al suo enorme specchio principale e agli strumenti di messa a fuoco a infrarossi, che gli consentono di vedere attraverso polvere e gas.

READ  AMD RX 7000 sarà lanciato tra ottobre e novembre

La piattaforma scientifica è una meraviglia dell’ingegneria, anche la più costosa in assoluto, eguagliata solo dal Large Hadron Collider dell’Organizzazione europea per la ricerca nucleare (CERN).

Secondo AFP, la NASA stima che il motivo di Webb Può avere una vita utile di 20 anniLavorerà insieme ai telescopi Hubble e Spitzer per rispondere a domande fondamentali dell’universo.

“È il principale osservatorio mondiale di scienze spaziali. Webb risolverà i misteri del nostro sistema solare, Vedrà oltre i mondi lontani attorno ad altre stelle ed esplorerà le misteriose strutture e origini del nostro universo e il nostro posto in esso”.

(Con informazioni da Pagina 12)

Leggi anche

Cattura l’immagine più accurata e profonda mai ottenuta dell’universo antico