Novembre 27, 2022

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Netanyahu torna al potere

Nonostante tutti i sondaggi d’opinione prevedessero una lotta serrata, ha raggiunto una comoda maggioranza (anche se il numero dei voti non era ancora uscito) su 65 dei 120 seggi in parlamento, a causa del sistema elettorale israeliano, che penalizza i partiti che non raggiungono il fondo linea Obbligatorio. del 3,25 per cento di supporto.

Questa situazione ha colpito le formazioni Meretz (a sinistra) e Balad (araba), che non sono entrate nel Consiglio Legislativo e che avrebbero assegnato automaticamente a ciascuna di esse quattro seggi.

Ciò ha consentito alla coalizione di estrema destra di Netanyahu di assicurarsi più seggi, ottenendo a malapena 2.500 voti davanti alla coalizione rivale (con l’89,9% dei voti contati), ha osservato il portale di notizie Walla.

L’outlet ha sottolineato che la ragione del divario è il sistema elettorale e i grandi sforzi compiuti da Netanyahu per organizzare e unificare il suo blocco rispetto alle turbolenze nel campo del primo ministro ad interim Yair Lapid, che non è riuscito a stabilire contatti per massimizzare i voti.

I tre processi che Netanyahu deve affrontare con l’accusa di corruzione, frode e violazione della fiducia non hanno dissuaso gli elettori di destra e conservatori dall’approvare il suo partito, il Likud, o i suoi partner di coalizione Sionismo religioso e Shas e United Torah Judaism.

Nello specifico, la campagna elettorale è stata caratterizzata dall’atteggiamento nei confronti del politico 73enne, con due blocchi nettamente differenziati a favore o contro chi ha governato il Paese per 15 anni, 12 dei quali senza interruzione.

Né la questione palestinese, né l’economia, né la sicurezza, né il programma nucleare iraniano sono riusciti a rimuovere la polarizzazione sociale causata da Netanyahu dall’agenda elettorale, le cui azioni hanno causato una grave crisi politica nel Paese, alterata in cinque elezioni da aprile 2019.

READ  micron causa migliaia di cancellazioni di voli da Natale

Amato dai settori più reazionari e sprezzanti della sinistra, liberali e arabi, Bibi o King Bibi, come è noto, è un falco per le sue posizioni forti contro i palestinesi e un sostenitore di uno stato ebraico a spese della minoranza. arabi.

Durante il suo lungo mandato fu un convinto sostenitore dell’espansione degli insediamenti ebraici in Cisgiordania e Gerusalemme est.

Dopo mesi di incertezza, otto partiti con inclinazioni ideologiche divergenti hanno sorpreso esperti e opinione pubblica nel giugno 2020 concordando un accordo minimo per formare un governo e rimuoverlo dal potere.

Tuttavia, profondi disaccordi su questioni come budget, istruzione, economia o risoluzione del conflitto con i palestinesi hanno rovinato la coalizione, che è rimasta una minoranza parlamentare dopo la partenza di molti dei suoi membri, costringendola a indire nuove elezioni. ..

Nonostante abbiano lottato fino alla fine, la coalizione guidata da Lapid non è riuscita a raggiungere il loro obiettivo: impedire il ritorno di Bibi.

Il gruppo “Alto Futuro”, di cui fa parte Lapid, si è piazzato al secondo posto per numero di voti alle elezioni, anche se ciò non compensa la battuta d’arresto elettorale.

Le elezioni di martedì sono state un disastro per i partiti di minoranza araba, di sinistra e di centro, gli ultimi due rappresentanti rispettivamente di Meretz e Labour.

Al contrario, hanno sottolineato l’ascesa dell’estrema destra, incarnata nella formazione del sionismo religioso, guidata dai parlamentari Bezalel Smotrich e Itamar Ben Gvir, che hanno una retorica marcatamente antiaraba e xenofoba.

Vari media hanno avvertito nei giorni scorsi del pericolo di includere Smotrich o Ben Gvir in un futuro governo a causa delle loro posizioni razziste.

Quest’ultimo nei giorni scorsi ha rivendicato la carica di ministro della Pubblica Sicurezza in caso di vittoria di Netanyahu, che, vista la necessità di un voto, era disposto ad aggiungere al suo staff.

READ  L'OMS avverte di alti tassi di trasmissione di omicroni per delta-escambrae

J/Rob