Maggio 19, 2022

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Noleggio iPhone: il prossimo piano di Apple

Secondo la community di analisi, il “notch” scomparirà da iPhone 14 Pro e Pro Max

José Carlos Castillo

Le divisioni dei servizi (quelle focalizzate sui canoni di abbonamento mensili) rappresentano una percentuale crescente dei ricavi per le grandi aziende tecnologiche. Tra questi c’è Apple, grazie ai milioni di utenti che hanno aggiunto iCloud Drive, Apple Music o Apple TV + tra le altre piattaforme.

Dopo il lancio dell’Apple One nell’autunno del 2020 (i pacchetti con cui è possibile risparmiare qualche euro per l’abbonamento dell’abbonato ai servizi citati), il passo successivo rispetto a quelli offerti da Cupertino riguarderà i propri dispositivi. Più precisamente verso l’iPhone di successo, che d’ora in poi potremo affittare oltre che acquistare per toccare le piastrelle o finanziarlo.

Le informazioni provengono dal rispettato analista Mark Gorman, che scrive
Bloomberg Secondo fonti vicine a Cupertino: “L’idea è quella di confrontare l’acquisto di un iPhone o iPad con le mensilità di iCloud Drive o Apple Music. Gli utenti potranno utilizzare il proprio ID Apple e l’account App Store per noleggiare i dispositivi, con il canone mensile che cambia a seconda del modello scelto.

Quindi, non si tratterà di pagare il telefono in 12 o 24 mesi, ma pagheremo per usarlo fino a quando non lo riterremo appropriato. Quindi dovremo restituirlo ad Apple tramite il suo negozio online o presso il negozio al dettaglio più vicino.

La fonte di Gorman conferma che il progetto è in corso da diversi mesi, anche se doveva essere tolto dal terreno per promuovere il programma “Compra ora, paga dopo”. In generale, i dispositivi dovrebbero essere attivati ​​alla fine del 2022 o all’inizio del 2023.

READ  Streamer DrLupo firma un accordo esclusivo con YouTube Gaming

iPhone 14 Pro senza capotasto

Un diagramma schematico del presunto iPhone 14 Pro Max

Nei giorni scorsi sono emersi nuovi dettagli sulla prossima generazione dello smartphone di punta di Apple. iPhone 14 che secondo tutte le indiscrezioni arriverà in quattro modelli: due standard e due Pro da 6.1 e 6.7 pollici, il che lascia iPhone mini (5.4 pollici) sempre prudente nelle vendite.

Per quanto riguarda le periferiche di fascia alta, iPhone 14 Pro e iPhone 14 Pro Max, gli schemi trapelati mostrano una cornice più spessa (che sicuramente porta all’autonomia) e un aumento del “camber” del modulo fotocamera posteriore.

La novità più grande la si trova nella parte frontale, tuttavia, il criticato “notch” lascerà il posto a due fori (ovale e circolare) sullo schermo, dove si trovano la fotocamera frontale e i sensori inerenti al sistema di riconoscimento facciale. Pertanto, una piccola parte del pannello può essere vista sotto il telaio superiore, in cui sarà integrato l’amplificatore.

Tutti questi cambiamenti saranno esclusivi della gamma Pro, come si dice, con iPhone 14 e iPhone 14 “Max” che si adatteranno al solito Capo e un processore leggermente meno capace di quello dei suoi fratelli maggiori.

Un’altra previsione recente riguarda l’Apple Watch Series 3, che secondo l’analista Ming-Chi Kuo smetterà di essere commercializzato a partire dal terzo trimestre del 2022 (il modello non potrà essere aggiornato al prossimo watchOS 9). Invece, Apple è una versione aggiornata di iPhone SE che coesiste con la Serie 7 e oltre, afferma Kuo.