Dicembre 5, 2021

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

“Non c’è spazio per la resa a Cuba” – Caribe Channel

– Primo Segretario del Comitato Centrale del Partito e Presidente della Repubblica di Cuba, Miguel Diaz-Canel Bermúdez appare sulla televisione nazionale per parlare al popolo cubano della nuova normalità e di altre questioni attuali.

“Abbiamo vissuto due anni di chiusure e restrizioni in cui abbiamo affrontato situazioni e momenti molto difficili, e abbiamo anche dovuto piangere le perdite dolorose, ma ci stiamo risvegliando. Siamo in un momento in cui la pandemia è sotto controllo e questo apre prospettive su come il Paese possa rimettersi in carreggiata, con il suo ritmo e la sua stabilità.“.

Allo stesso tempo, ha osservato che all’inizio del confronto con l’epidemia, “abbiamo detto che sarebbe stata una gara di lunga distanza. All’epoca, abbiamo fornito in modo molto dettagliato una serie di situazioni che ci aspettavamo avrebbe faccia. È stata anche una gara di resistenza”. Se fossimo stati un popolo debole, ci saremmo arresi. Ma a Cuba non c’è spazio per la resa. Con persone così non c’è potenziale resa.

“Grazie a quello spirito, impegno e impegno condiviso, oggi possiamo parlare di risultati; oggi possiamo smettere di contare, rispettare e riconoscere”, ha detto.

Parlando del tributo, ha osservato che, prima di tutto, dovrebbe essere fatto “per gli oltre 8.270 cittadini a cui la pandemia ci ha tolto la vita. Esprimo le nostre condoglianze a familiari e amici. Tutti abbiamo perso una persona cara in questa battaglia, ma anche in mezzo a noi tutti si sono messi all’opera». Perché non morisse nessun altro, e soprattutto le morti sono state minime.

Dobbiamo anche onorare coloro che sono morti durante le indagini e fornire assistenza medica come lo erano le loro trincee. A loro dedichiamo la vittoria della scienza e della salute sul nemico sconosciuto che ha già mietuto la vita a più di cinque milioni di persone in tutto il mondo.

“Cuba merita una festa che si adatti alla nuova normalità, ma vale lo sforzo, la disciplina, la partecipazione e il contributo della stragrande maggioranza della nostra gente per arrivare a questo momento.

“Tutto ciò che abbiamo incontrato ha avuto, come ulteriore elemento di estrema severità, la politica crudele e criminale dell’imperialismo yankee contro Cuba, che ha cercato di approfittare di questo momento di incertezza per stringere tutti i dadi del blocco, calunnia e calunnia”, ha denunciato il presidente cubano.

READ  Steam Deck in ritardo, inizierà finalmente ad arrivare a febbraio 2022

“Volevano presentarci come uno stato fallito, come un governo che non può superare questa situazione con la sua gente”, ha aggiunto.

Eppure – ha proseguito -, come ha detto José Martí, “non c’è curvatura che penetri una nuvola di idee”.

Ha sottolineato che “la difesa di queste idee è che il nostro popolo ha superato e la speranza ha aperto le luci e le strade per il futuro”.

Ha avvertito: “Dobbiamo essere convinti che non ci siano ricompense per sfidare un impero. Al contrario. In questa costante sfida a un impero che vuole scomparire come nazione e rivoluzione, riceviamo campagne, minacce, divieti e punizioni, e in queste circostanze abbiamo ricevuto ancora di più: un assedio completamente intensificato”.

“Indipendentemente dal fatto che l’assedio continui, siamo costretti a saltarlo con la nostra forza e il nostro sforzo e con il talento che è nelle persone. Nessuno di noi ne sa più di tutti noi. Con queste forze speciali possiamo ottenere conquiste e alleviare notevolmente le difficoltà causate dall’assedio.

Questo è il modo per difendere la patria, ciò che i nostri padri ci hanno lasciato in eredità. Non è un’eredità o ricchezza materiale, ma soprattutto un obbligo. Un’eredità che, insieme, ci costringe a scalare montagne. Ora stiamo arrivando a una di quelle cime di montagne. “Questo è un momento di raccolto basato su ciò che abbiamo seminato con questo sforzo, questi risultati e questa determinazione”, ha detto prima di continuare a rispondere alle domande dei giornalisti riuniti al Palazzo della Rivoluzione.