Settembre 29, 2022

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Nonostante avesse contratto il virus, la regina Elisabetta II chiamò Boris Johnson, di cosa stavano parlando?

Buckingham Palace ha riferito che la regina Elisabetta II ha tenuto un’intervista telefonica settimanale con il primo ministro britannico Boris Johnson mercoledì (23 febbraio) nonostante mostrasse sintomi “lievi” del virus Covid-19.

Sua Maestà la Regina ha parlato con il Primo Ministro questo pomeriggio.Un portavoce del palazzo ha detto, dopo che la 95enne ha annullato i suoi impegni virtuali martedì.

La regina e il primo ministro hanno tenuto audizioni telefoniche settimanali durante la maggior parte del periodo della pandemia per delineare azioni, stabilire misure e valutare il coronavirus in Inghilterra e nel Regno Unito.

Buckingham Palace ha affermato che il test medico del monarca è positivo per COVID-19 domenica, ma che i suoi sintomi sono solo “lievi”, simili a un comune raffreddore.

La notizia dell’infortunio della regina ha sollevato preoccupazione per la salute del rericoverato in ospedale per una notte in ottobre.

Da allora ha fatto poche apparizioni.Ma il palazzo ha recentemente annunciato la ripresa delle sue attività pubbliche, con una festa prevista per il 29 marzo nell’Abbazia di Westminster, in memoria del principe Filippo, suo marito scomparso l’anno scorso.

Secondo i media britannici, La regina, che compirà 96 anni ad aprile, ha tre dosi di vaccini contro il COVID-19Come suo figlio e sua moglie Camilla, anche lui ferito.

Di fronte alle critiche, il primo ministro britannico Boris Johnson ha annunciato la fine dell’isolamento obbligatorio in Inghilterra dei casi di infezione da coronavirus, una misura chiave e controversa nella sua strategia per convivere con il Covid-19 come lo è con l'”influenza”.

“Abbiamo già livelli di immunità sufficienti per proteggere le persone Con gli interventi del governo (approccio basato su) vaccini e trattamenti come prima linea di difesa”, ha dichiarato il capo del governo in Parlamento.

READ  Britney Spears: Il padre della cantante dopo la sospensione del tutore legale della cantante: un 'errore fatale' nndc | Messico

“Le restrizioni hanno un costo enorme per la nostra economia, la nostra società, il nostro benessere mentale e le opportunità dei nostri figli, e non dobbiamo più continuare a pagare quel prezzo”, ha aggiunto.

Giovedì entrerà in vigore la fine dell’isolamento per le persone contagiate dal virus COVID-19. Tuttavia, fino al 1 aprile, si consiglia di rimanere a casa se si risulta positivi.

quel giorno, I test per il coronavirus non saranno più gratuiti, Fatta eccezione per gli anziani o i fragili.

Johnson ha sottolineato che la pandemia non è ancora finita, ma che grazie al “sorprendente” dispiegamento di vaccini, il Paese è un passo più vicino al “ritorno alla normalità” e al “ripristinare finalmente la libertà alle persone”, pur continuando a proteggersi.

Johnson ha spiegato che oltre il 71% degli adulti ha ricevuto tre dosi di entrambi i vaccini anticovid-19 In Inghilterra, il 93% della popolazione ha più di 70 anni.

Allo stesso tempo, il governo sta cercando di continuare la sua campagna vaccinale, somministrando “in primavera” la quarta dose del vaccino alle persone di età superiore ai 75 anni e alle più vulnerabili.

Dopo il picco che ha causato l’onda variabile omicron a gennaio, Johnson ha revocato la maggior parte delle restrizionicome la mascherina al chiuso e la tessera sanitaria per i locali o i mega-eventi.

A due anni dall’inizio dell’epidemia, il Regno Unito è uno dei Paesi più colpiti dal Corona virus, con 160.000 morti registrati nel Paese.

Anche se il numero di casi è in forte calo nel Regno Unito (circa 40.000 casi al giorno). Domenica è stata trovata la regina Elisabetta II ad aver contratto il coronavirus. Il 95enne ha un caso lieve con sintomi simili a quelli di un raffreddore.

READ  Dai un'occhiata alle 5 ultime foto di J Balvin che stanno facendo molto scalpore su Instagram!

Per quanto riguarda la salute, le decisioni del governo di Londra sono limitate all’Inghilterra e gli altri tre paesi del Regno Unito (Scozia, Galles e Irlanda del Nord) hanno le proprie giurisdizioni sanitarie.