Dicembre 2, 2022

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Nstor Abad, caso clinico

nStoreabad, il cinque volte campione spagnolo di ginnastica artistica e partecipante alle Olimpiadi di Rio 2016 e Tokyo 2020, all’inizio di quest’anno stava a malapena scalando una scala. malattie cardiache di origine sconosciuta Impedisce di eseguire qualsiasi sforzo di routine anche al di fuori dell’aula di formazione. Mercoledì scorso, Abad è salito a bordo di un aereo con i suoi compagni di squadra della nazionale per l’Algeria, dove gareggerà ai Giochi del Mediterraneo.

Abad, 29 anni, è diventato timoroso per la sua carriera atletica. “Onestamente sì, all’inizio mi sentivo davvero male. Ho dovuto sopportarlo con molta pazienza”, ha ammesso poco prima di viaggiare. I segnali di pericolo sono iniziati a gennaio, dopo che il mese precedente aveva avuto una grave influenza. Il suo cuore batte più velocemente del solito durante gli allenamenti. “Ho notato che avevo le vertigini, fino a quando sono finito per sdraiarmi e il mio fisioterapista mi ha portato al pronto soccorso dell’ospedale“, ricordare.

Sinceramente avevo paura per la mia carriera. All’inizio mi sentivo molto male e mi dissero che dovevo fermarmi per sei mesi

Nestorabad (ginnasta olimpica)

L’ultima serie di test diagnostici ha confermato che aveva una miocardite (infiammazione del muscolo cardiaco) e che i suoi ventricoli stavano pompando troppo poco. “Non sapevano davvero cosa mi fosse successo. È vero che avevo i sintomi tipici della miocardite, ma la risonanza magnetica mostrava solo una bassa funzione ventricolare e non avevo cicatrici al cuore e nessuna infiammazione in eccesso.. Mi hanno detto che dovevo fermarmi per sei mesi per riprendermi. Non ero convinto e ho cercato altre soluzioni. Fortunatamente non ho dovuto stare in piedi tutto questo tempo”, si congratula ora con se stesso.

READ  UFC Vegas 39: Dern vs Rodriguez, live streaming UFC Vegas 39: punteggio di combattimento in diretta e scheda completa online

Durante quel periodo di inattività, lasciò la Repubblica Centrafricana a Madrid e tornò ad Alcoy, dove risiedono sua moglie e i suoi figli. Lì, dopo alcune settimane, iniziò a fare degli esercizi. Innanzitutto con gli elettrodomestici che hai in casa. Successivamente nella palestra dove ha iniziato la sua attività sportiva, Gimnstico Pastoret Club, si è ritrovato a migliorare sempre di più. “E ‘stato un processo strano”, dice. “Dopo diversi esami sono stato dimesso dall’ospedale all’inizio di maggio. Avrei dovuto iniziare a fare esercizio. Ho iniziato ad allenarmi molto gradualmente, aumentando il carico fino ad ora, cosa che faccio quasi al massimo. Un tale miglioramento in così poco tempo sorprende me e tutti quelli che mi circondano. Valeva la pena studiare”.

Non ha avuto di nuovo attacchi preoccupanti, solo un improvviso cambiamento della frequenza cardiaca, “extra sistole”, dice la ginnasta, che grazie a questa esperienza gestisce facilmente i termini medici. Il suo corpo era il libro di testo in cui acquisì quella conoscenza. All’età di 18 anni si è rotto il legamento crociato anteriore del ginocchio destro. Questo gli ha impedito di andare ai suoi primi Giochi, che sono stati a Londra 2012. Due anni dopo lo stesso infortunio si è ripetuto. Queste esperienze lo hanno portato a meditare e, da autodidatta, a praticare la meditazione. Questo nuovo episodio mette alla prova la filosofia di vita. “Non è una buona idea essere ossessionati da questo, ma non puoi evitarlo”, ammette. “Ora presto molta attenzione al mio corpo, soprattutto a come mi sento quando mi alleno”.

Il suo recupero è andato di pari passo con un ripensamento della sua carriera atletica, in un’età in cui la maggior parte delle ginnaste inizia a considerare il ritiro. Dopo un decennio vissuto a Madrid e essersi allenato presso l’High Performance Center, sede della nazionale, Abad ha deciso di tornare in patria. “Immagino che non sia più il mio posto essere permanentemente al Bloom Residence, perché ho già una grande vita personale e non riesco a separarmi da questa realtà. Ho bisogno di stare con i miei figli, con mia moglie, per organizzare le nostre vite‘, lo giustifica.

Mi stupisco del miglioramento, perché vale la pena studiarlo; Ora do molta attenzione al mio corpo

Ha raggiunto un accordo con l’allenatore Fernando Šescar in modo da poter trascorrere la maggior parte del suo tempo ad Alcoy, allenandosi nel suo club, che risveglia in lui una sorta di “nostalgia”. “Mi sto godendo il mio tempo. Quando è necessario, come ora prima dei Giochi del Mediterraneo, vado a Madrid con la nazionale. Sto andando molto bene”. Il mio potenziale aumenterà molto perché avrò una mente più attiva, mi allenerò più felice e sono convinto che questo mi permetterà di ottenere grandi cose.. Si tratta di essere convinti di quello che si fa e di farlo con il cuore”. Quest’ultimo Abad sa molto di lui.