Dicembre 3, 2022

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Nuove voci contro la serie su Jeffrey Dahmer


        Si bien Evan Peters ha interpretato vari personaggi destacables a lo wide de su carrera e Ryan Murphy ha creato una buona canzone di miniseries basadas en crímenes realis, è probabile che que ninguno haya trabajado en un proyecto tan, brutal, so comentado) How ‘La bestia: la storia di Jeffrey Dahmer“. C’erano molte voci che criticavano la serieE ora un amico di due delle vittime di Dahmer è stato l’ultimo a parlare.

        La persona in questione è Eric Wen, che era l’unico Regina dei draghi Black al 219 Club di Milwaukee più o meno nello stesso periodo in cui Jeffrey Dahmer ha commesso diversi omicidi. ha detto Wayne Il New York Times Che ha incontrato Eddie Smith e Anthony Hughes. Ha detto di aver notato nel corso degli anni che il numero di uomini di colore che entrano nel club è in calo, dicendo che “all’improvviso ce ne sono di meno”. Dahmer ha frequentato questo club e tra il 1978 e il 1991, durante il quale ha ucciso 17 uomini, tra cui Smith e Hughes. Alla domanda sulla scelta della produzione da parte di Netflix per la serie, è stata una delle serie più discusse questo autunno e senza dubbio una delle Miglior serie nel 2022Wayne ha detto:

        “Non potrebbe essere più sbagliato e inappropriato, è un’affermazione dei media. Ho pensato che fosse meglio di così”.

        Ora molti hanno parlato della serie, dicendo che non capiscono perché questa storia debba essere adattata.. La sorella di una delle vittime di Dahmer ha condiviso che guardare la serie stava “rianimando tutto da capo”. Ha sottolineato di non aver chiesto alle famiglie delle vittime il permesso di realizzare il progetto. Un giornalista che ha coperto la storia di Dahmer con i membri della troupe che hanno lavorato alla serie ha anche espresso lamentele sullo spettacolo.

        Netflix

        Eric Wayne ha spiegato che la serie lo ha deluso in parte a causa del coinvolgimento di Ryan Murphy. Prima del film di Dahmer, Murphy aveva creato opere come The Normal Heart, basato sull’opera teatrale dell’attivista per l’AIDS Larry Kramer, e Pose, che descriveva la vita di New York negli anni ’80. Raffigurante la cultura LGBTQ nelle comunità latine e nere dell’epoca. Wayne ha detto che gli è piaciuto quest’ultimo, ma è stato sorpreso dall’ultimo spettacolo di Murphy, dicendo: “Ero così commosso che finalmente abbiamo avuto un’esibizione a cui prendere parte. È stato un grande tributo per tutti noi”. In questo modo, qualcuno sta effettivamente attaccando la comunità gay nera”.

        Wayne non è l’unico ad essere sconvolto dal nuovo modo in cui il piccolo schermo ha “colpito la comunità gay nera”. La serie è stata elencata con il tag LGBTQ+ su Netflix, ma gli abbonati alla piattaforma si sono affrettati a esprimere i loro problemi con il tag.qualche cosa Netflix ha corretto e rimosso questa categoria alla fine di settembre. Nel mezzo della controversia, Twitter è stato anche criticato per aver affermato che ciò che si stava facendo era “sfruttamento del trauma” delle vittime.

        La scorsa settimana è stato ascoltato anche Paul Ksinski, L’ex avvocato di una delle vittime sopravvissute al suo incontro con il defunto assassino. Ha spiegato che la sua cliente, Tracy Edwards, è rimasta scioccata per sempre dal suddetto incontro, un momento che è apparso nel primo episodio di Dahmer.

        Sebbene dahr È la serie più vista su Netflix dall’uscita della quarta stagione di Stranger Things quest’estateIl discorso su di lui è stato molto critico. Tuttavia, quello non era un ostacolo per lui per entrare La serie Netflix più vista.

        The Dahmer Beast La storia di Jeffrey Dahmer Evan Peters nei panni di Jeffrey Dahmer nell'episodio 101 di The Dahmer Beast La storia di Jeffrey Dahmer Cr © 2022

        Netflix

READ  Uno specchio sarcastico che è imbarazzante da guardare - Caribbean Channel