Dicembre 4, 2021

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Nuovo spazio audiovisivo

Vitoria Approfitta dell’esperienza audiovisiva già accumulata separatamente in ordine, di interessi condivisi e contributo reciproco, per creare uno spazio per creare e raccontare storie, per sperimentare, fallire e imparare. “Più che una società di produzione del genere, abbiamo a che fare con un marchio”, spiegano Zuriñe López de Sabando Sainz e Raquel Calvo Larralde. Nella capitale Alava sono nate le capanne, un’iniziativa volta a fare rete, perché una proposta tira l’altra, da condividere anche con altre persone e gruppi. “Ciò che ci spinge è la creazione in generale da una prospettiva reale per suggerire nuovi modi di organizzare al di là dell’uso aziendale. Non è perseguita così tanto che è redditizia perché adatta a noi, alle nostre esigenze”.

Il progetto è nato fuori dalla pandemia, da quel momento di presunti archi che, però, aiutano a condividere l’interesse a cercare modi per continuare il conteggio «e farlo in modo partecipativo, in ambito sociale, protendendosi maggiormente verso documentari ma senza chiudere nulla”. Infatti, a un profilo un po’ vicino a questo appartiene il lavoro più recente di registi, sceneggiatori e produttori, genoma e Youngjae 7020. Soprannomi che, seppur nati prima delle Capanne, fungono da biglietto da visita, sono considerati oggi molto soggettivi.

Nel primo caso, l’emergenza del covid ha interrotto il suo corso solo quando è stata appena lanciata. Per questo, questo sabato ad Haz, ci sarà un re-release party, che si completerà con un talk e un concerto dei Rockaina di Gasteiz. L’idea è che questo appuntamento rivitalizzi la sua traiettoria sia nei festival cinematografici che nei forum. “È un documentario che genera diversi dibattiti e ciò che è interessante è questa chiave”, spiega Lopez de Sapando del pezzo “che parla di far cadere i pilastri che ci sostengono per rinascere”.

in un secondo, Youngjae 7020 Il suo riferimento è una mostra tenutasi tra la fine del 2019 e l’inizio del 2020 a Montehermoso sulla scomparsa della suddetta città del Perù a causa del terremoto di Ancash. Ora, il documentario che Calvo ha firmato con Elena Molina Merino il 18 sarà mostrato nel dipartimento ufficiale di Zenby. Nella produzione ascoltiamo le voci dei sopravvissuti. Cerchiamo di trasmettere la sensazione che, sebbene la città sia stata ricostruita, in qualche modo sia ancora ferma nel tempo. Ci sono molti temi in gioco, dalle disuguaglianze sociali e razziali, alle cambiamenti climatici e per vedere molti degli altri problemi, i suggerimenti che stiamo lasciando sul tavolo”.

I due indirizzi sono un riferimento per identificare futuri cottage, che stanno già lavorando ai loro primi progetti in quanto tali, come nel caso di Durangas. “Si tratta, con le donne di Durango, di salvare ricordi che non sono nella storia ufficiale. L’idea è di partire dagli strumenti del documentario sociale partecipativo fino a quando non decidono la forma finale di tutto”. È uno sguardo ai processi collaborativi e “salvare la voce di ogni persona in modo che decidano cosa dire e come” è una delle chiavi di questo “sigillo” che “ha dei limiti ma deve ancora essere determinato”. Alla fine della giornata, si tratta di provare, provare e giocare.

Lo spiegano questi due creatori che si sono incontrati attraverso il video workshop presso la School of Arts and Crafts, guidato dall’artista interdisciplinare Juan Arrosagaray. “Ci ha messo in contatto, sapeva che non solo avevamo delle comunanze audiovisive, ma che provenivamo anche da percorsi diversi, dalla cooperazione e dai movimenti sociali, che eravamo in questa linea di ricerca del sociale, del sociale giustizia, diritti umani e quella regione” Che è esattamente il modo in cui HTC stava cercando. Inoltre, è uno strumento per ottenere risorse, registrare creazioni, accedere all’aiuto e ad altri elementi burocratici presenti durante le riprese di qualsiasi storia.

La nascita dell’etichetta arriva pochi giorni dopo l’ultimo lavoro di Calvo, il cortometraggio documentario ‘Yungay 7020’, presentato in anteprima a Zinebi.