Dicembre 2, 2021

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

OMS: solo il 27% degli operatori sanitari è vaccinato contro il COVID-19 in Africa

Questo contenuto è stato pubblicato il 25 novembre 2021 – 12:40

Nairobi, 25 novembre (EFE). – Solo il 27% degli operatori sanitari africani è stato completamente vaccinato contro il COVID-19, lasciando senza protezione gran parte della forza lavoro che lavora in prima linea contro la pandemia, come ha avvertito giovedì l’Organizzazione mondiale della sanità (OMS).

L’Organizzazione mondiale della sanità ha basato queste cifre sulle sue analisi dei dati di 25 paesi che hanno rivelato che a marzo 2021, 1,3 milioni di operatori sanitari erano completamente vaccinati.

Solo sei paesi raggiungono oltre il 90% degli operatori sanitari con un programma di vaccinazione completo, mentre nove paesi hanno vaccinato meno del 40% di questi lavoratori.

D’altra parte, l’agenzia delle Nazioni Unite ha confermato che un recente studio globale dell’Organizzazione mondiale della sanità che includeva 22 paesi, la maggior parte dei quali ad alto reddito, ha rilevato che oltre l’80% dei loro operatori sanitari è stato completamente vaccinato.

“La maggior parte degli operatori sanitari in Africa stanno ancora perdendo i loro vaccini e sono ancora a grave rischio di grave infezione da COVID-19”, ha affermato Matshidiso Moeti, direttore dell’OMS nel continente, in una conferenza stampa virtuale.

“A meno che i nostri medici, infermieri e altri lavoratori in prima linea non siano completamente protetti, rischiamo una battuta d’arresto negli sforzi per ridurre questa malattia. Dobbiamo garantire che le nostre strutture sanitarie siano ambienti di lavoro sicuri”, ha avvertito Moeti.

Secondo i dati riportati dai paesi africani all’Organizzazione mondiale della sanità, dal marzo 2020 ci sono stati più di 150.400 casi di COVID-19 negli operatori sanitari, ovvero il 2,5% di tutti i casi confermati.

READ  Lula per consolidare alleanze politiche contro Bolsonaro in Brasile

Cinque paesi rappresentano quasi il 70% di tutte le infezioni segnalate tra gli operatori sanitari: Algeria, Ghana, Kenya, Sud Africa e Zimbabwe.

“Con un ulteriore aumento del numero di casi che si profila in Africa dopo le festività natalizie di fine anno, i paesi devono accelerare con urgenza il rilascio di vaccini per gli operatori sanitari”, ha concluso Moeti.

Finora l’Africa ha acquistato circa 403 milioni di vaccini, di cui circa 222 milioni somministrati, secondo gli ultimi dati dei Centri dell’Unione africana per il controllo e la prevenzione delle malattie (Africa CDC).

Solo il 6,6% della popolazione del continente (circa 1.300 milioni di persone) ha ricevuto il programma completo di vaccinazione, secondo il direttore del CDC per l’Africa, John Nkengasong, che ha riferito oggi in un’altra conferenza stampa a distanza.

Attualmente, nel continente sono stati registrati circa 8,6 milioni di casi di coronavirus, di cui più di 222.000 sono morti, secondo gli ultimi dati dell’Africa Center for Disease Control. EFE

Autorità Palestinese / Bi

© EFE 2021. La ridistribuzione e la ridistribuzione di tutto o parte dei contenuti dei Servizi EFE, senza il previo ed espresso consenso di EFE SA, è espressamente vietata.