Opere e artisti tre casi registrati

0
2
Opere e artisti tre casi registrati

La musica può svolgere funzioni mediche? Abbiamo esplorato tre casi debitamente registrati in cui le voci sono state in grado di svolgere questo compito.

Gran parte della devozione risvegliata in queste date pasquali è legata alla musica. Sin dai tempi antichi, sono stati registrati suoni specifici progettati per accompagnare i rituali religiosi. In epoca barocca, quando i grandi maestri della composizione (come Händel o Vivaldi) si occupavano della musica di massa, c’era più di un teologo che si chiedeva se si frequentasse la chiesa per amore della fede o per amore del contatto .

Come risultato di questa vicinanza emotiva alla musica, si sono verificati veri e propri cambiamenti positivi nella salute fisica o mentale degli ascoltatori abituali. Se la musica possa essere curativa o semplicemente un piacere per l’orecchio è ancora dibattuto in certi circoli.

Il termine “musicoterapia” è apparso a metà del Novecento, ma non tutti lo accettano perché non è puramente scientifico. Tuttavia, non devi essere uno scienziato per sapere che la musica ci rivela sentimenti molto profondi. O, per usare le parole del medico e filosofo rinascimentale Cornelius Agrippa, “l’armonia musicale trasforma sentimenti, intenzioni, gesti, concetti, azioni e disposizioni”.

Successivamente, esploreremo tre casi debitamente registrati in cui la musica ha svolto un ruolo medicinale.

1. Suono curativo

Il musicologo Joscelyn Goodwin ha raccolto i primi casi di musicoterapia (prima che il termine esistesse) e ha esaminato il caso del re Filippo V di Spagna. La storia racconta che nel 1737 il re era in uno stato di esaurimento nervoso, incapace di assumersi alcuna responsabilità di governo. Così hanno contattato il cantante più famoso d’Europa, il grande Farinelli, che ha messo insieme una sorpresa per le loro sessioni musicali a tarda notte. Ogni sera Farinelli cantava quattro arie d’opera e poco a poco il Re tornava a “occuparsi delle faccende della vita”.

READ  Antonio Orozco pubblicherà la sua antologia musicale il 19 novembre: Little Pieces of Me | Musica

Attualmente, uno degli artisti che esplorano il repertorio di Farinelli è la cantante americana Vivica Genaux. Accompagnata da orchestre del 18° secolo, anima fedelmente i concerti dell’epoca, il suo stile vocale ammirato dai grandi intenditori.


Potresti essere interessato:


2. Pianoforte ispiratore

Ci sono casi più recenti. Uno di loro apparteneva alla stazione sorella Radio Group di Brema. L’eroe di questa storia è il compositore tedesco Hans Otte, che ne è stato il direttore musicale tra il 1959 e il 1984. Otte ha utilizzato il suo spazio sulle onde radio per mostrare i suoi nuovi pezzi. Nel 1983 ha trasferito una raccolta di brani pianistici minori raccolti sotto il nome di Libro dei suoni. Gli ascoltatori hanno iniziato a chiamare la stazione e a raccontare diverse esperienze: Rassam ha detto che questa musica lo faceva disegnare meglio; Uno psichiatra ha affermato che il suono ha aiutato a guarire uno dei suoi pazienti.

Il lavoro è stato ascoltato anche in India, grazie al suo sistema radio a onde corte. Lì, il musicista Pandit Pran Nath ha detto che era la musica occidentale più vicina alla preghiera. Lo stesso compositore, Hans Otte, ha scritto che il suo libro Sounds lo ha aiutato a “riscoprire la pratica del pianoforte come possibilità di sperimentare l’unità nel suono, diventando tutt’uno con tutti i suoni che mi circondano nel tempo e nello spazio”. spazio “.

3. Musica rilassante

Alex Ross, giornalista musicale del The New Yorker, racconta un altro caso in un articolo del dicembre 2002. Un malato di cancro gli chiese di portargli della musica per fargli passare la notte. Ross gli ha inviato diverse registrazioni, ma il paziente si è distinto per un disco in particolare: Tabula Rasa, del compositore estone Arvo Pärt. Durante le ultime settimane della sua vita, è stata la musica a calmarlo per dire addio al mondo.

READ  Il principe William fornisce le ultime notizie sulla salute di Kate Middleton

Stava infatti ripetendo un esperimento negli anni ’80, quando il critico musicale Patrick Giles suonò lo stesso Arvo Parte ai malati di HIV. Molti di loro hanno sviluppato un profondo attaccamento all’opera, con un malato terminale che è arrivato al punto di chiamarla “musica d’angelo”. In un articolo del novembre 1999 per la rivista Salon, Giles scrive che il tempo scorre molto lentamente in questo lavoro “e ha la sensazione di una fine definitiva, ma non fa paura, motivo per cui i pazienti e i loro cari hanno trovato conforto in questa musica. “

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here