Settembre 25, 2022

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Panasonic chiuderà la sua fabbrica di batterie in Perù

Panasonic ha annunciato una ristrutturazione internazionale delle sue operazioni.

A causa della ristrutturazione internazionale delle sue operazioni, La multinazionale Panasonic Corporation ha annunciato venerdì la chiusura definitiva del suo stabilimento di batterie in PerùDopo 56 anni di attività.

da questa decisione Mercato del Perù Ora verrà fornito con batterie di marca provenienti dalle operazioni industriali delle multinazionali della regione. Tuttavia, la società giapponese ha indicato che si rafforzerà Transazione di elettrodomestici, in particolare elettrodomestici e batterie nel paese.

“Questa decisione arriva in risposta a una ristrutturazione internazionale dell’azienda, come parte del suo piano per migliorare le operazioni a medio termine e in risposta ai cambiamenti nelle tendenze globali della domanda e della tecnologia”, ha spiegato la società in una nota.

Allo stesso modo, è un cambiamento che riflette l’impegno di Panasonic affinché i suoi prodotti abbiano un profilo più ambientale per contribuire alla riduzione del riscaldamento globale.

Dobbiamo ricordarlo Panasonic, fondata da Konosuke Matsushita, iniziò ad operare a Lima nel 1966, quando l’azienda stabilì che il mercato delle batterie era rifornito dalle importazioni e allo stesso tempo da una piccola produzione nazionale che non soddisfaceva la domanda.

Nel corso degli anni, Panasonic ha ampliato la propria gamma di prodotti nel paese. Questo è il motivo per cui viene venduto un mix commerciale di batterie, hardware e prodotti audio/video Negozi al dettaglio.

La multinazionale giapponese sta esplorando località negli Stati Uniti per avviare una nuova fabbrica di batterie. Ecco perché è in trattative con Tesla, di proprietà del miliardario Elon Musk, per fornire batterie agli ioni di litio di nuova generazione per le sue auto elettriche, così come altri produttori.

READ  30 profumi economici che hanno un ottimo profumo (classificati per tipo di fragranza)

Il fornitore di Tesla ha cercato a lungo più sedi per uno stabilimento multimiliardario, di cui uno in Oklahoma e uno in Kansas, hanno affermato le persone, che hanno chiesto l’anonimato perché le discussioni sono riservate. Bloomberg riferisce che l’impianto potrebbe iniziare a funzionare già nel 2024.

La multinazionale giapponese sta esplorando località negli Stati Uniti per avviare una nuova fabbrica di batterie.
La multinazionale giapponese sta esplorando località negli Stati Uniti per avviare una nuova fabbrica di batterie.

Sebbene sia ancora in una fase iniziale, I piani rappresentano una mossa audace per Panasonic. Sebbene abbia dovuto affrontare una forte domanda di batterie Tesla, Panasonic è stata più lenta a costruire su scala rispetto ai fornitori di servizi rivali LG Energy Solution in Corea del Sud e Amperex Technology Co.

Nel nuovo stabilimento statunitense, Panasonic prevede di realizzare una batteria “4680” di nuova concezione, più grande e più potente, ha affermato una persona. Panasonic potrebbe anche installare linee per altre batterie nella nuova struttura, anche se ciò dipenderà dalla domanda dei clienti.

A causa delle dimensioni maggiori di 4.680 batterie, sono necessarie meno celle e parti correlate per alimentare un’auto elettrica, il che ha portato Elon Musk a promuovere la tecnologia come chiave per lo sviluppo di una Tesla da $ 25.000. Panasonic avvierà la produzione di massa di 4.680 batterie in Giappone nell’anno fiscale a partire da aprile 2023. In precedenza, l’azienda ha avviato una linea di produzione di prototipi di batterie, sempre in Giappone.

L’emittente giapponese NHK ha riferito all’inizio di questo mese che Panasonic stava cercando siti in Oklahoma e Kansas per costruire il suo nuovo stabilimento. Le sedi trarranno vantaggio dalla vicinanza al nuovo stabilimento che Tesla sta operando in Texas, dove ha recentemente istituito il suo quartier generale.

READ  L'euro recupera 1.1350 dollari

Continuare a leggere