Novembre 30, 2022

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Panorama – Le misure finanziarie per ridurre la bolletta elettrica hanno ridotto la raccolta dello Stato di 7330 milioni

Il rapporto mensile di riscossione delle tasse per settembre pubblicato dall’IRS questa settimana include l’impatto delle misure fiscali relative all’elettricità approvate dal governo che sono state prorogate fino alla fine dell’anno.

Nei primi nove mesi dell’anno le misure fiscali per fermare l’escalation dei prezzi dell’energia elettrica hanno comportato una diminuzione dei ricavi per 5.725 milioni, di cui 2.632 milioni corrispondenti alla riduzione delle aliquote fiscali – imposta sul valore aggiunto sull’energia elettrica e speciale imposta. Sull’energia elettrica – 3093 milioni per sospendere l’imposta sul valore della produzione di energia elettrica.

L’IVA al 5% sull’energia elettrica verrà trattenuta fino alla fine dell’anno
A fine giugno 2022 il governo ha deciso di estendere il regio decreto legge sulle misure per mitigare gli effetti economici della guerra in Ucraina a causa dell’invasione della Russia, che includeva l’estensione delle misure fiscali per ridurre la bolletta dell’elettricità e il l’incorporazione di un’ulteriore riduzione dell’aliquota dell’imposta sul valore aggiunto, dal 10%, precedentemente deliberato, al 5%.

La riduzione dell’IVA riguarda i consumatori con potenza contrattuale inferiore o uguale a 10 kilowatt, a condizione che il prezzo medio aritmetico di mercato all’ingrosso dell’energia elettrica corrispondente al mese precedente l’ultimo giorno del periodo di fatturazione superi i 45 euro. per megawattora (MWh).

La riduzione dell’Iva, secondo l’Esecutivo, consente di ridurre la bolletta a 27,7 milioni di famiglie, autonomi e imprese e si applica anche al 72,5% dei contratti di fornitura elettrica aziendale e (non domestica).

L’imposta del 5% viene applicata anche ai consumatori ad alto rischio che rischiano di essere esclusi, indipendentemente dal prezzo contratto dell’elettricità o dell’elettricità, una misura di cui beneficeranno oltre 640.000 famiglie.

READ  Apple aggiorna le regole di pagamento nel suo App Store

Allo stesso modo, la tassa speciale sull’elettricità, già ridotta dal governo nel settembre 2021 da un’aliquota del 5,1% allo 0,5%, manterrà l’imposta minima consentita dalla normativa UE fino al 31 dicembre 2022, secondo un rapporto di Europa Press.

Il decreto approvato a fine giugno ha inoltre mantenuto per tutto il 2022 l’imposta sul valore della produzione di energia elettrica (Ivpee), un’imposta del 7% sul reddito percepito dalla vendita di energia elettrica nel mercato all’ingrosso e riflessa nel suo prezzo. nel mercato e nella fattura finale.

L’estensione di queste misure fiscali relative all’elettricità per tutto il 2022 comporterà, secondo il governo, un costo per lo stato compreso tra 10.000 milioni e 12.000 milioni di euro.

Il governo estenderà le misure
Le conseguenze economiche e sociali della guerra in Ucraina si trascinano e l’esecutivo spagnolo dovrà fare altrettanto con le misure adottate per affrontarle mesi fa. Il loro mandato è scaduto il 31 dicembre, ma dovranno essere prorogati.

Nella dichiarazione di Europa Press, il governo ha affermato che il Bilancio generale dello Stato (PGE) per il 2023 non ha preso in considerazione nessuna delle misure per rispondere alle conseguenze della guerra in Ucraina, se non per premiare il frequente trasporto ferroviario. Fonti del ministero delle Finanze hanno confermato che c’è “stagnazione e margine sufficienti” per l’esecutivo a novembre o dicembre per approvare un nuovo pacchetto con molte misure estese.

La crescita del gettito fiscale rallenta a settembre
Il rapporto dell’IRS ha mostrato che il gettito fiscale totale a settembre è stato di 13.033 milioni, l’8,2% in più rispetto alla cifra registrata nello stesso mese dell’anno scorso. Ma dal Tesoro hanno notato che il tasso di crescita del reddito a settembre era inferiore a quello osservato nel resto dell’anno.

READ  El Salvador festeggia il suo primo pizza day dall'approvazione della legge Bitcoin

Due fattori principali spiegherebbero la moderazione in questi dati. La prima, la sospensione nel 2022 dell’imposta sul valore della produzione di energia elettrica (Ivpee) che lo scorso anno prevedeva 372 milioni per la riscossione. Il secondo è il fatto che il gettito IVA totale a settembre è cresciuto, temporaneamente, meno di quanto non fosse prima: è aumentato del 18,9% rispetto al 22,3% cumulato di agosto.

La varianza di reddito associata a queste due componenti è relativamente piccola, ma in un mese in cui, oltre all’imposta sul valore della produzione di energia elettrica, il reddito proveniente dai soliti annunci mensili, ha un effetto significativo. Solo i due sottraggono più di cinque punti di crescita dei ricavi.