Dicembre 9, 2022

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Peculiarità dei mercati ribassisti

Settimana difficile per i mercati azionari globali con un calo del -2,92%, Dax -4,62%, -4,12%, -4,47%, Cac -4,92%, -3, 36%, -5,79%, -4,79%, -4,78%.

I migliori titoli della settimana in Ibex sono stati CaixaBank (BME: +5,84%, Bankinter (BME 🙂 + 2,12%, Sabadell (BME :)) + 1,19%, Naturgy (BME 🙂 + 0,44%), Mapfre (BME : ) + 0,30% I peggiori sono stati PharmaMar (BME 🙂 -12,36%, Repsol (BME 🙂 -11,27%, Acerinox (BME 🙂 -10,54%, ArcelorMittal (BME:) -9,01%, IAG (BME 🙂 -7,28 %.

La classifica delle principali borse per quest’anno è la seguente:

* Piedi britannici -4,99%

* Caribù spagnolo -6,52%

* Giapponese -9,82%

* CSI cinese -12,78%

*-17,37%

* Dow Jones -17,75%

* -17,76%

* Eurostock -20,01%

* Mib italiano -0,32%

* Standard e poveri 500 -22,90%

* Nasdaq -30,98%

Dati record negativi per i gestori di fondi comuni

Un’indagine della Bank of America (NYSE:) sui gestori di fondi comuni di investimento su come vedono il mercato riflette un caso di pessimismo record. Inoltre, il pessimismo è maggiore rispetto, ad esempio, alla bolla tecnologica e peggiore rispetto alla crisi finanziaria del 2007-2008.

Sentimento degli investitori (AAII)

La tendenza rialzista (aspettative di prezzi delle azioni più alti nei prossimi sei mesi) è scesa di 1,6 punti percentuali al 19,4% ed è ancora al di sotto della sua media storica del 38% per la 30a settimana consecutiva.

– Il sentimento ribassista (aspettative di prezzi delle azioni più bassi nei prossimi sei mesi) è aumentato di 11,5 punti percentuali al 58,3% ed è ancora al di sopra della sua media storica del 30,5% per la 29a volta nelle ultime 30 settimane.

Peculiarità dei mercati ribassisti

I mercati ribassisti sono diventati sempre più brevi negli ultimi due decenni, il che può dare agli investitori la falsa impressione che tutto passerà rapidamente. L’S&P 500 ha impiegato due anni e mezzo per superare il crollo di Internet. Il successivo crollo, durante la crisi finanziaria del 2000-2007, è durato circa 18 mesi. Poi sono arrivati ​​due mercati ribassisti, un calo del -19,4% nel 2011 durato cinque mesi e un altro calo del 19,8% nel 2018 durato tre mesi. Infine, l’ultimo mercato ribassista del 2020 è durato solo 33 giorni.

READ  Bayer conduce una battaglia legale sul glifosato presso la Corte Suprema degli Stati Uniti

Ma mercati ribassisti più lunghi non significano necessariamente cali più profondi. Ad esempio, l’S&P 500 è sceso del -34% in un periodo di 33 giorni nel 2020, ma ci sono voluti quasi due anni prima che scendesse del 27% dal 1980 al 1982. Anche se il risultato potrebbe essere in qualche modo simile, la durata indicherà un grande differenza.

2 Valori salvati dalla masterizzazione

È stata una settimana difficile anche per i titoli tecnologici, ma Oracle (NYSE:) e Cisco Systems (NASDAQ:) hanno sovraperformato di gran lunga il mercato. Oracle è riuscita a guadagnare circa l’1% e le azioni Cisco sono scese solo del -0,2%. Non è che siano numeri strepitosi, ma visto il comportamento settimanale dei mercati non c’è molto da dire.

Come prova abbiamo Apple (NASDAQ:), che è in calo del -4,1% nella sua terza settimana consecutiva di perdite, mentre il Nasdaq è in calo di quasi il -4,78%.

Percorsi diversi per valute diverse

La sterlina britannica è al livello più basso degli ultimi due anni. La Bank of England ha alzato i tassi di interesse di 25 punti, il quinto consecutivo, ma lontano dai 75 punti della Federal Reserve o dai 50 punti della Bank of Switzerland. La sua inflazione ha raggiunto il massimo degli ultimi 40 anni e si prevede che quest’anno raggiunga la doppia cifra.

Ma la banca sta anche affrontando un aumento dei costi energetici a causa della guerra in Ucraina e di una possibile disputa commerciale con l’Unione Europea. L’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico ha affermato che prevede la chiusura dell’economia britannica nel 2023. Ciò potrebbe rendere difficile per la banca centrale procedere con ulteriori aumenti dei tassi.

READ  Nasdaq chiude in ribasso per il secondo giorno, la tecnologia perde secondo Reuters

La Banca del Giappone ha mantenuto i tassi di interesse invariati e ha assicurato che non avrebbe esitato ad adottare ulteriori misure di allentamento, se necessario. Lo yen è ai livelli di 24 anni. Il rischio è che lo yen continui a scivolare verso quota 150, livelli visti l’ultima volta nel 1990, un numero che potrebbe stimolare l’intervento, sia dello stesso Giappone, sia portare la Cina e altri paesi asiatici a svalutare le proprie valute per non perdere competitività nelle esportazioni.

È già sceso di circa il 15 per cento quest’anno rispetto al dollaro e il suo livello più basso in più di sette anni rispetto all’euro dopo il passaggio dalla Banca centrale europea. È inoltre scambiato al livello più basso dal 2015 rispetto al dollaro australiano, dopo un aumento dei tassi in Australia più grande del previsto.

Un altro fattore che complica la situazione è l’apprezzamento dello yen, poiché questo influisce anche sullo yen a causa della posizione del Giappone come importatore di energia.

– È salito al livello più alto dal dicembre 2002 dopo la decisione della Federal Reserve di aumentare i tassi di interesse di 75 punti. Durante gli ultimi 8 mercati ribassisti, la Fed ha risposto tagliando i tassi, quest’anno stanno facendo il contrario, inasprindo la politica monetaria e dovrebbero continuare a farlo per il resto dell’anno (luglio, settembre, novembre, dicembre). Non abbiamo visto una Fed violenta durante un mercato ribassista dall’inizio degli anni ’80, con Paul Volcker al timone.

Il dollaro ha assunto il ruolo di copertura contro l’inflazione globale ed è uno dei pochi mercati che offre attrattiva e profitti agli investitori.

READ  Wallbox introduce un nuovo caricabatterie a due vie per veicoli elettrici in grado di alimentare la tua casa quando la rete non funziona

La Banca nazionale svizzera ha alzato i tassi di interesse per la prima volta dal 2007 di 50 punti base a -0,25%, una mossa drastica che ha fatto salire il franco di oltre il 2% rispetto all’euro, rendendo in vista la parità tra le due valute.

La coppia ha registrato il calo maggiore dal risultato del referendum sulla Brexit del giugno 2016. La Banca nazionale svizzera non solo è pronta a intervenire contro l’eccessivo apprezzamento della valuta svizzera, ma ha anche minacciato di vendere il franco se si fosse indebolito.