Febbraio 9, 2023

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Pelé: La storia La guerra civile in Nigeria si è fermata per un giorno | tendenze

Una delle imprese più simboliche Di cui Santos è orgoglioso risale al 1969, quando lo era “banda immortale”, Quindi diretto ‘re’ pellet, La guerra si fermò La guerra civile in Nigeria ha fornito brevi momenti di pace agli abitanti della strategica città del Benin.

In quella data 4 febbraio 1969, La sua pagina sui ricordi storici, dice Santos, ha raggiunto un’impresa di paralisi lui èun Guerra civile nigeriananota anche come guerra del Biafra, fu un conflitto etnico, politico ed economico che provocò la morte di oltre un milione di persone.

(Vediamo: Uomo d’affari, attore e cantante, altri aspetti di cui Pelé si è dilettato).

Santos dice che aveva intenzione di giocare una partita con la squadra selezionata Regione del Midwest in un’amichevole su invito del governo localema non è stato raggiunto fino a dopo che la squadra brasiliana ha ricevuto ‘una garanzia’ che la sua permanenza sul suolo nigeriano avrebbe fornito “sicurezza totale” che avrebbe fornito Autorità locali.

a) si, Il tenente colonnello Samuel OgbmudiaSantos, allora governatore della regione, decretò che fosse concessa una vacanza lo stesso giorno in cui la famiglia Santos sbarcò Benin City, il capoluogo della regione.

santi, citando resoconti Ex player, come l’emittente Gilmar, Conferma che una volta che il gioco è finito e Per quanto riguarda il club brasiliano imbarcati per il Congo “Rinnovate le ostilità nella regione”.

Missione di pace o propaganda di guerra?

Sebbene sia considerato un evento storico Il ricercatore ampiamente pubblicato Jose Paolo Florenzano, Professore presso Scuola di scienze sociali dell’Università di San Paolo (USP) e un antropologo matematico, ha messo in discussione la narrativa ufficiale per tutta la sua carriera.

READ  Emery salva il libretto di Europa League per la conferenza

(Vediamo: La leggenda del calcio brasiliano Pelé è morta all’età di 82 anni).

Più che fermare la guerra, afferma Santos, “Era usato come propaganda di guerra.”

Per giungere a questa conclusione, dopo oltre un decennio di ricerche, l’antropologo ha confrontato Cronologia del viaggio dei santi in Africa Con una cronologia della guerra in Nigeria, oltre a consultare varie fonti, tra cui mappe e corrispondenti di guerra da New York Times e altri giornali, nonché l’unico giornalista brasiliano che ha accompagnato la delegazione del Santos nel suo viaggio.

“È chiaro che la città era completamente sotto il controllo del governo federale nigeriano, quindi non c’era bisogno di un cessate il fuoco”, ha aggiunto.E il spiegato in un’intervista un “EFE”.

In quel momento, dice, “La guerra era troppo lontana per il Benin” S forze rivoluzionarie Era circondato dalle forze federali, quindi governo Aveva il controllo completo dell’area.

(Vediamo: Record e privilegi di Pelé durante la sua carriera calcistica).

Così, secondo Florenzano, La più grande squadra di calcio del mondo in quel momento “Come pezzo di propaganda nella guerra”Perché la loro presenza in Benin lo ha dimostrato Il governo controllava un’area chiave del conflitto.

Pelé è stato l’immagine di varie campagne pubblicitarie in tutto il mondo.

Francia Agenzia di stampa

Santos non ha svolto una missione di pace, ma è stato utilizzato come propaganda per la guerra.Conferma.

Riconoscere l’importanza e la forza pellet E l’Alpinegro di quegli anni, Florenzano afferma di esserlo ‘molto difficileIl fatto che una squadra di calcio abbia colpito uno dei conflitti più grandi e sanguinosi della storia ci ha scioccato mondo del Novecento e su ogni accusa di genocidio.

Secondo la ricerca dell’antropologo, Non è stato fino ad almeno due anni Dopo il viaggio di Santos nel continente africano, i racconti della presunta rottura del Guerra civile La Nigeria sta guadagnando forza.

Florenzano ha notato il primo record di questa impresa sulla stampa brasiliana, È stato pubblicato nell’ottobre 1970in un articolo del prestigioso Journal do Brasil, citando un servizio di un quotidiano americano ma descrivendo l’informazione come “Folclore ed esagerazione”.

nonostante ciò, I giornalisti hanno continuato a raccontare il romanzoex giocatori – compreso lo stesso Pelé – o capitani di club, anche se ci sono molte incongruenze e imprecisioni.

“La storia è stata pubblicata, pubblicata e accettata come fatto storico e nessuno si è preso la briga di verificare i fatti. Perché è attraverso la verifica che ci si rende conto di tutte le contraddizioni e le debolezze della narrazione”, Florenzano confermatoche in seguito ha intervistato gli stessi giocatori del Santos.

(Vediamo: La leggenda del calcio brasiliano Pelé è morta all’età di 82 anni).

“È stata una ricostruzione storica che è diventata storia ufficiale e nessuno voleva contraddire o mettere in discussione la storia ufficiale”.è completato.

EFE