Novembre 27, 2021

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Penguin Ramdon: il Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti blocca la fusione di due colossi editoriali, sostenendo l’antitrust | Economia

Penguin Random House ha sede a Londra.Leon Niall (AFP)

Il CEO Joe Biden sembra prendere molto sul serio la sua lotta contro i monopoli. Oltre alle big tech, sotto i riflettori per il presunto uso improprio della posizione di mercato, questo martedì è stata la volta di due grandi aziende del settore editoriale. Bloccare un “gigante dell’editoria, che danneggerebbe autori e consumatori” è l’obiettivo del Dipartimento di Giustizia che ha intentato una causa antitrust per impedire l’acquisizione da parte di Bertelsmann del suo stretto concorrente, Simon & Schuster, un’operazione del valore di 2.175 milioni di dollari. Come affermato nel documento depositato oggi presso la District Court of Columbia, questa acquisizione consentirà a Penguin Random House, già il più grande editore mondiale, di esercitare un’enorme influenza sui libri pubblicati negli Stati Uniti e sui diritti. L’autore, oltre a sminuire le offerte ai lettori.

L’accordo di Bertelsmann con ViacomCBS ha superato di gran lunga l’offerta fatta dal magnate dei media Rupert Murdoch, il controverso proprietario di News Corporation, a Simon & Schuster. Se la fusione fosse avvenuta, il conglomerato risultante avrebbe incluso nel libro paga gli autori più venduti al mondo, come i bestseller E.L. James e Stephen King, tra molti altri.

“La denuncia presentata oggi per garantire una concorrenza leale nell’industria editoriale statunitense è l’ultima prova dell’impegno del Dipartimento di giustizia nel perseguire opportunità economiche ed equità applicando le leggi antitrust”, ha affermato il procuratore generale Merrick P. Garland, secondo la dichiarazione rilasciata. per sezione.

I libri hanno plasmato la vita pubblica americana nel corso della storia della nostra nazione e gli autori sono la linfa vitale dell’editoria americana. Ma solo cinque case editrici controllano l’industria editoriale del Paese”, afferma il procuratore generale. “Se il più grande editore di libri del mondo potrà acquisire uno dei suoi maggiori concorrenti, avrà un controllo senza precedenti su questo importante settore. Gli autori e i consumatori americani pagheranno il prezzo di questo consolidamento anticoncorrenziale: meno progressi per gli autori e, in definitiva, meno libri e meno varietà per i consumatori».

READ  Johnson inizia i suoi incontri con il settore energetico a causa dell'aumento dei prezzi del gas

Come gli editori più importanti, ci sono anche cinque grandi aziende tecnologiche (note come Big Five) contro le quali è diretta la politica antitrust della Casa Bianca. Con la nomina di importanti sostenitori dell’organizzazione come Lina Khan, presidente della Trade Regulatory Commission (FTC, per il suo acronimo inglese), Biden si impegna alla libera concorrenza in condizioni di maggiore equità rispetto a quelle consentite finora consentite: il modello di big tech che rode il mercato assorbendo i suoi concorrenti più piccoli, è il modello. Caso in questione, i procuratori generali in cinquanta stati, così come la Federal Trade Commission, hanno intrapreso molte azioni negli ultimi anni con risultato mistoParallelamente all’offensiva normativa nell’Unione Europea.

Spiegato da Richard A. Poteri della Divisione Antitrust del Dipartimento di Giustizia: “Evitando che Penguin Random House ottenga il controllo del mercato editoriale statunitense, la causa impedirà un ulteriore consolidamento in un settore con una storia di collusione”.

L’editoria è già molto concentrata, spiega la denuncia. Solo cinque editori famosi, come le società tecnologiche della Silicon Valley come i Big Five, possono offrire una piattaforma per la distribuzione, la pubblicità e l’influenza commerciale oltre la portata di altri piccoli concorrenti. La causa sostiene che l’acquisizione di Simon & Schuster consentirebbe alla Penguin Random House di Bertelsmann di controllare circa la metà del mercato del copyright dei primi bestseller, lasciando centinaia di singoli autori con meno opzioni e pochissimo margine di negoziazione. Secondo i suoi stessi documenti, come descritto nella denuncia, Penguin Random House considera il mercato editoriale statunitense un “oligopolio” e la sua acquisizione di Simon & Schuster aveva lo scopo di “rafforzare” la sua posizione di editore dominante nel paese.

READ  Grifols guadagna quasi il 6% in borsa dopo aver acquistato la società tedesca Biotest By EFE

A luglio, il presidente Biden ha firmato un ordine esecutivo per aumentare la concorrenza, con 72 iniziative che devono essere attuate da dozzine di agenzie federali, per fermare la fusione di grandi conglomerati, un fenomeno in crescita negli ultimi due decenni. Queste grandi alleanze, secondo la Casa Bianca, soffocano la concorrenza e l’innovazione e sono in ultima analisi responsabili dell’impoverimento del mercato. La causa odierna contro la grande fusione editoriale è comunque una delle mosse più significative nel nuovo clima antitrust che si respira a Washington.

Iscriviti qui alla newsletter di EL PAÍS America E ricevi tutte le chiavi informative della situazione attuale nella regione