Novembre 27, 2021

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Perché lo iodio è una (piccola) rivoluzione per i futuri satelliti nello spazio

Dopo essere stati lanciati nello spazio, i satelliti hanno sistemi di propulsione che consentono loro di spostarsi lì con precisione, e in quei sistemi Uno degli elementi principali è il gas combustibile, che per anni è stato xeno.

Questo gas ha il problema di essere costoso e di dover essere stoccato a pressioni molto elevate, ma la società francese ThrustMe ha sviluppato un sistema di pagamento in grado di Usa lo iodio, molto più economico Può anche essere memorizzato in un formato solido. I primi test hanno avuto successo e questo richiede progetti più semplici ed economici per i futuri satelliti.

Ni xeno ni kripton

L’avvento dei satelliti in miniatura rende importanti questi tipi di progressi. Sebbene molti satelliti utilizzino l’energia solare per i loro sistemi di propulsione, Il gas di propulsione è ancora necessarioE lo xeno era la scelta tradizionale nonostante Elon Musk Già adottato Krypton è molto più economico.

Tuttavia, lo Xenon non è perfetto, dato il suo prezzo e i requisiti per essere conservato ad alte pressioni, ma nemmeno Krypton sembra essere la migliore alternativa: ultimo articolo Pubblicato in Natura note come si fa Sebbene “Krypton sia più economico, ha bisogno di un complesso sistema di stoccaggio e distribuzione“.

Dmytro Rafalskyi CTO di ThrustMe ha spiegato su The Register come “lo xeno è il gas nobile non radioattivo più pesante. Ecco perché lo xeno è entrato in gioco e quando ha iniziato ad essere utilizzato, i costi per le missioni spaziali erano già abbastanza alti”. Ciò ha reso il costo dello xeno non troppo negativo, ma non possiamo minimizzare la tecnologia e il costo. [de hacerlo] Questa è una follia“.

READ  Saler accoglie un nuovo spazio per promuovere l'imprenditorialità a Valencia

Per i piccoli satelliti di circa 100 kg che stanno diventando sempre più comuni, trovare un’alternativa allo xeno era molto importante, e È qui che entra in gioco lo iodio, che in realtà è stata proposta come alternativa fin dagli anni ’70.

Il potenziale dello iodio è stato appena sviluppato al di fuori della medicina e Rafalsky e il suo team hanno già iniziato a studiarlo. Affrontare problemi come la sua capacità corrosiva. Dopo aver sviluppato con successo una soluzione per controllare questo problema, il team di ThrustMe ha messo in orbita un satellite per testare la soluzione.

Il satellite, lanciato nel novembre 2020, Ha portato a termine con successo la sua missioneCiò ha fatto sì che ThrustMe iniziasse a implementare i suoi piani per lavorare con dozzine di clienti. I suoi manager sperano di essere in grado di produrre 100 di questi sistemi all’anno per soddisfare la crescente domanda di piccoli satelliti.

via | disco