giovedì, Giugno 20, 2024

Top 5 This Week

Related Posts

Perché rompere le cose o andare a correre non aiuta a ridurre la rabbia | Salute e benessere

Negli ultimi anni è diventato popolare un modello di business secondo cui propone ai suoi clienti di pagare una somma di denaro ed entrare in uno spazio dove possono lanciare asce o rompere oggetti, liberando stress e rabbia. Fare Stanze della rabbia Oppure le stanze della rabbia, che esistono in molti paesi del mondo, compresa la Spagna. Nell’umore giusto, l’idea è allettante, ma non la più efficace. Sophie L. Kervick, psicologo specializzato in aggressività e rabbia e ricercatore post-dottorato presso la Virginia Commonwealth University, osserva impotente da qualche tempo la popolarità di questo tipo di attività. Come si dimostra che il concetto è effettivamente dannoso? con indagine.

“Esprimendo rabbia ci si impegna in un comportamento aggressivo. “Volevo sfatare il mito secondo cui questo è qualcosa che è efficace quando si tratta di controllarlo e mostrare alternative sane”, spiega Per fare questo, ha esaminato 154 studi che hanno esplorato l’efficacia di diverse attività nel ridurre il livello di eccitazione a cui ci porta la rabbia. La conclusione è chiara: sfogare la rabbia scaricandola (colpire le cose, correre, ecc.) non funziona, ma ciò che fa è abbassare il nostro livello di rabbia. attivazione: respirazione profonda, meditazione, yoga…

Per una meta-analisi ha preparato la sua tesi alla Ohio State University, che era Pubblicato sulla rivista Revisione psicologica clinica Lo scorso aprile, Kjarvik ha diviso le attività di rilassamento suggerite in due gruppi: quelle che riducono il livello di eccitazione e quelle che lo aumentano. Cercare di controllare la rabbia interferendo con l’eccitazione ha senso, perché nei momenti di rabbia il corpo viene attivato in un modo molto specifico. “Durante uno scatto d’ira si verifica un aumento del tono muscolare generale, spesso accompagnato da tensione in gruppi muscolari specifici, come i muscoli dell’avambraccio e della mano per formare un pugno, i muscoli masseteri per contrarre la mascella, o i muscoli ciliari del la capsula facciale.” Inoltre, la respirazione tende a rallentare e diventa più agitata e ripetitiva”, spiega la psicologa Raquel Gómez Leal, professoressa di Intelligenza Emotiva presso l’Università di Malaga e membro del suo gruppo di ricerca, Laboratorio delle Emozioni cambiamenti nella frequenza cardiaca e nella forza di contrazione del cuore, oltre alla secrezione di ormoni come l’adrenalina, associati alla mobilitazione dell’energia. Si verificano anche cambiamenti nella pelle, che ne aumentano la conduttività.

READ  Google spiega perché ha deciso di estendere a 7 anni il periodo di aggiornamento dei Pixel

Un altro effetto della rabbia è che il nostro pensiero viene distorto, aggiunge lo psicologo clinico Xacobe Abel Fernández García, presidente dell’Associazione Dipartimento di Psicologia e Salute del Collegio Ufficiale degli Psicologi della Galizia (COPG). Per questo motivo, ciò che desideriamo di più quando siamo sopraffatti dalla rabbia solitamente non è meditare, ma liberare quell’energia pronta ad attaccare. Boxare o rompere oggetti in un ambiente come una stanza della rabbia o fare jogging spesso sembra più allettante. Tuttavia, le prove scientifiche raccolte da Kervick nella sua meta-analisi mostrano che nessuna di queste misure serve a nulla. Inoltre, andare a correre in questi momenti (come salire le scale) non solo calma la rabbia, ma la aumenta. Nel testo, Kervick e Brad J. Bushman, coautore dello studio, ipotizzano che potrebbe essere l’effetto ripetitivo della corsa a causare la crescita della rabbia.

Perché, allora, è così radicato nell’immaginazione popolare che esprimere quella rabbia o fare qualcosa che ci stressa possa alleviarla? Sophie Kervick spiega, riferendosi nello specifico a: Stanze della rabbiaRompere e colpire le cose ci fa sentire bene. Tuttavia, l’effetto dura solo pochi minuti e non ha alcun beneficio a lungo termine. Raquel Gomez Leal è d’accordo: “Queste posizioni possono fornire un sollievo temporaneo, fornire una sensazione di sollievo e alleviare lo stress”. Inoltre, essendo il “modello accettabile di gestione della rabbia” che spesso vediamo nei film e in televisione, è anche qualcosa che sembra funzionare per noi, anche se è così solo momentaneamente.

D’altra parte, è sempre meglio “fare un buco in un armadio piuttosto che in una persona”, dice Xacobe Abel Fernández García. Naturalmente non è la più sana o consigliata, ma bisogna anche tenere presente che riuscire a svolgere le attività più efficaci, quelle che davvero ci calmano, non è qualcosa che tutti riescono al primo tentativo.

cosa fa

Se quando ci arrabbiamo il corpo si attiva nel modo sopra descritto, ridurre questa attivazione ridurrebbe anche la rabbia? La risposta è si. Tutte le attività che hanno ridotto l’attivazione sono state in grado di ridurre la rabbia, l’aggressività e l’ostilità nei partecipanti, senza differenze di genere, età, occupazione o cultura. Queste attività spaziano dalla meditazione e consapevolezza agli esercizi di respirazione, compreso il rilassamento muscolare progressivo. Le attività che hanno una componente cognitiva (gli esempi includono meditazione e consapevolezza), dove, come spiega Kjarvik, “non stai solo cercando di rilassare il tuo corpo, ma anche la tua mente”, sono più efficaci. “In un certo senso puoi notare la tua rabbia e lasciarla fluttuare via su una nuvola”, dice il ricercatore, usando come esempio il classico esercizio di meditazione.

READ  La Russia lancia nello spazio un satellite militare

Raquel Gomez Leal, psicologa dell’UMA Offre un’altra idea. “Un buon esempio è la combinazione di respirazione profonda e rivalutazione cognitiva. Cioè, mentre respiri profondamente (dovresti praticare un po’ queste tecniche) puoi rivalutare la situazione, questa tecnica consiste nell’adattare il tuo modo di pensare in diverse situazioni estreme; ,” lui dice.

La pratica è importante, perché qualcuno che ha problemi a gestire la rabbia potrebbe non essere in grado semplicemente di respirarla e controllarla. “Ci vuole pratica e un po’ di strategia”, afferma Xacobe Abel Fernández García, di COPG. “È importante conoscersi e fare pratica. Se mi trovo coinvolto in una discussione e sono arrabbiato, e poi me ne pento e mi sento male perché ho detto cose che non avrei dovuto dire o ho rotto armadietti o lanciato oggetti, è importante prima sapere analizza perché sono così arrabbiato”, ha detto. È chiaro. Se questo è accompagnato da esercizi che aiutano a mantenere la calma, e se impariamo a ridurre questa attivazione, “forse sarà un’abilità che possiamo usare anche quando la rabbia prende il sopravvento e inizia a cercare di impedirci di pensare”.

Un’altra scoperta interessante della meta-analisi è che non tutte le attività che aumentano l’eccitazione sono inefficaci nel gestire la rabbia: gli sport con la palla e attività come l’esercizio fisico migliorano l’umore. Kervik ritiene che ciò avvenga introducendo un elemento di gioco che genera sentimenti positivi e combatte la rabbia. “Non puoi essere felice e arrabbiato allo stesso tempo, è impossibile”, dice.

Perché controllare la rabbia?

La rabbia è un’emozione naturale che tutti abbiamo sperimentato e sperimenteremo per tutta la vita. Può anche essere utile “in situazioni specifiche per mobilitare risorse e affrontare ostacoli”, afferma Gomez Leal. Tuttavia, è importante imparare a controllarlo per non essere alla sua mercé ogni volta che qualcosa ci fa arrabbiare. “La rabbia può portare ad azioni sconsiderate e aggressive che possono causare danni a se stessi o agli altri, sia fisicamente che emotivamente”, spiega lo psicologo. Ciò può portare a problemi personali o legali.

READ  Il direttore dello studio di videogiochi afferma che l'industria è satura di titoli

Al di là di questa parte, che è forse la più ovvia, Gomez-Leal aggiunge che anche la rabbia cronica fa male alla salute. “La rabbia cronica o incontrollata può avere effetti negativi sulla salute fisica e mentale, come un aumento del rischio di malattie cardiovascolari, problemi digestivi, disturbi del sonno, depressione e ansia”, spiega. “La rabbia fa male al cuore”, insiste Kervick sulla parte cardiovascolare. Ci sono molti studi a riguardo; Il più recente, pubblicato all’inizio di maggio, suggerisce che anche brevi scoppi di rabbia riducono la capacità di dilatazione dei vasi sanguigni, il che è legato ad un aumento del rischio di attacchi di cuore.

D’altra parte, poiché si tratta di sentimenti normali, è anche importante sapere quando dovremmo iniziare a preoccuparci e chiedere aiuto. “La rabbia è normale e la rabbia è legittima. L’ostacolo è il rispetto dei diritti degli altri e della loro integrità fisica e morale. Non ci sono colpi, né insulti, né dimostrazioni di forza (può fare paura)”, dice Fernández García. “Quando succede di nuovo e le persone intorno a noi cominciano a parlarcene”, dice Fernandez García. Questo è un segno di un problema. Uno dei motivi per rivolgersi alla consulenza è anche la paura di perdere il controllo. “Alcune persone si trovavano in situazioni in cui avevano paura di se stesse”, dice.

Invece di colpire qualcosa o pagare un’azienda per distruggere cose in una stanza adibita all’espressione della rabbia, imparare la respirazione profonda non solo è più efficace, ma è anche meno dannoso per la salute, l’ambiente e il portafoglio.

Puoi seguire El Pais Salute e Benessere In Facebook, S E Instagram.

Desideria Zullo
Desideria Zullo
"Educatore generale della birra. Pioniere del caffè per tutta la vita. Sostenitore certificato di Twitter. Fanatico di Internet. Professionista dei viaggi."

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Popular Articles