Settembre 20, 2021

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Perù: l’opposizione a Point Pedro controlla il Congresso | Condanna il difficile rapporto tra amministrazione e legislatore

Da Lima

L’opposizione di destra al presidente eletto Point Pedro Castillo ha preso il controllo del Congresso. Lo ha fatto in un’elezione rude questo lunedì, in cui, con un’interpretazione errata della disciplina che espone pratiche antidemocratiche, il campo di maggioranza di destra ha impedito al partito di governo di partecipare. Con questo veto, L’elezione per portare a un parlamento unico con 130 seggi è stata ridotta a due candidati del settore di destra, Dove sono raggruppate sei panchine, dal centro a destra. Le fazioni di quel campo, Fujimorismo e altri, senza discussioni, hanno respinto la giustificazione di Castillo per la vittoria elettorale e hanno scelto il complotto. Questa è la prima sconfitta politica per un insegnante rurale che questo mercoledì assumerà la carica di presidente del paese. Quanto accaduto in questa prima sessione del nuovo Congresso sottolinea il difficile, complesso rapporto tra il prossimo presidente della sinistra e il parlamento controllato dalla destra, con pericoli per la stabilità del Paese.

Voto della domanda

Tre liste furono presentate dal presidente del Congresso, che fu diviso in dieci banchi, dove nessuno aveva la maggioranza. Il banco principale è il Partito Liberale al governo, con 37 legislatori, lontano dalla maggioranza. Il secondo gruppo è Fujimori con 24 delegati. Peru Libre, cercando sostegno, ha stretto alleanze con il centrosinistra e con il centrodestra, e ha consegnato la candidatura alla presidenza del Congresso a Somos Peru, primo vicepresidente. Gli altri due vicepresidenti includono i candidati della coalizione progressista Jundos Bor El Pere e il centrista Partido Morado. La destra sosteneva che la lista non poteva essere creata perché il Partito Viola aveva solo tre rappresentanti e che cinque persone avrebbero dovuto creare e dirigere un banco per la regolamentazione. Tuttavia, il partito Morado e Somos Perù sono stati uniti sullo stesso banco, il che ha lasciato il presunto limite fissato da una piattaforma senza questione di validità per queste elezioni, ma non era noto alla franchigia e ha posto il veto all’intera lista. Lo ha fatto con 79 voti. I membri del Congresso filo-governativi hanno condannato le pratiche antidemocratiche della maggioranza di destra impedendo loro di candidarsi alle elezioni presidenziali del Congresso. Hanno avvertito che ciò avrebbe segnalato il comportamento dittatoriale e sfrenato della maggioranza che colpisce il regime.

READ  Frana a Miami: confermano il ritrovamento di un altro corpo, e il bilancio delle vittime sale al 95

I calcoli precedenti indicavano che il Congresso avrebbe raggiunto il voto di destra per vincere la presidenza, ma non voleva correre alcun rischio in uno scrutinio segreto, mentre allo stesso tempo mostrava una forza espellendo la candidatura del partito al governo prima delle elezioni. In questa discutibile elezione, Maria del Carmen, legislatore del Partito di Azione Popolare di centrodestra, è stata eletta presidente del Congresso di Alva. Con 69 voti. Ha vinto con il sostegno di estrema destra e di destra come Fujimori. L’altro candidato, l’ammiraglio in pensione Jorge Montoya del Partito fascista di ricostruzione popolare (RP), che ha chiesto una cospirazione per impedire a Castillo di candidarsi alla presidenza, ha ricevuto solo 10 voti dal suo stesso partito. 50 voti in bianco sono stati espressi dal partito di governo e dai suoi alleati. Un membro del Congresso non ha partecipato. Il Fujimorismo, che è molto vicino ai fascisti delle pubbliche relazioni, ha dato ad Alva l’appoggio dell’ammiraglio, che aveva uno stretto alleato in Montoya, il leader della cospirazione per consegnare la vittoria di Castillo con accuse di brogli elettorali. Ha aggiunto il sostegno di altri gruppi per evitare che il voto bianco della coalizione di governo sia superiore a quello ricevuto dal legislatore.

Panchine ostili

Il referendum segna il campo di destra in parlamento che il governo Castillo deve affrontare. La difficile situazione che attende il prossimo presidente sarà la difficoltà ad approvare le sue proposte di cambiamento Un Congresso di opposizione, apparentemente ostile e con cospirazioni. Il Parlamento ha il potere di rimuovere il capo dello Stato con l’ambigua persona di “incapacità morale permanente” e può indicare qualsiasi motivo se ci sono voti sufficienti per il suo scopo. Il Congresso uscente lo ha fatto per estromettere l’ex presidente Martin Viscar nel 2019. La destra non ha gli 87 voti necessari per approvare la destituzione del presidente, ma il referendum di questo lunedì rivela che è vicino e si sta aprendo una situazione di crisi che potrebbe aggiungere ulteriore sostegno, che è una scommessa sulla destra.

READ  Due sorelle gemelle di 18 anni sono state impiccate durante una trasmissione in diretta su Instagram

Nel suo primo discorso da presidente del Congresso, Alva ha chiesto di rafforzare l’unità e la democrazia.

Come se la destra avesse preso il controllo del Congresso, CAstilo ha tenuto incontri con i colleghi per definire il suo gabinetto, ancora sconosciuto a due giorni dall’insediamento del presidente.. Una situazione che genera incertezza.

Evo Morales, presente

L’ex presidente della Bolivia, Evo Morales è stata la prima personalità internazionale a partecipare all’inaugurazione di Castillo. Lo ha fatto questo lunedì attraverso il confine montuoso tra Bolivia e Perù. Al confine, il governo Castillo, che lui chiama “fratello”, ha annunciato la sua adesione alla “lotta per la liberazione democratica dell’America Latina”. Il presidente argentino Alberto Fernandez, uno dei funzionari e personalità internazionali, assumerà la carica di presidente e presidente del sindacato, Pedro Castillo, questo mercoledì.