Dicembre 4, 2022

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Petro fa il primo passo verso la “piena pace” riprendendo i colloqui con l’Nla

Bogotà, 20 novembre (EFE). Quattro anni e quattro mesi dopo l’ultimo incontro all’Avana, il governo colombiano ei guerriglieri dell’Esercito di liberazione nazionale (ELN) torneranno a sedersi lunedì al tavolo, questa volta a Caracas e con Gustavo Petro come presidente, per riprendere i negoziati di pace.

L’ultimo incontro tra le due parti è stato il 1° agosto 2018 all’Avana, durante il governo di Juan Manuel Santos. Questo incontro è stato il sesto round di colloqui e si è concluso senza che fosse raggiunto alcun accordo, sei giorni prima che salisse al potere il presidente Ivan Duque, che ha congelato i colloqui.

In questa nuova fase dei colloqui, Cuba e Norvegia tornano ad essere Stati garanti accanto al Venezuela, che gioca un ruolo cruciale data la sua vicinanza alla Colombia e perché, secondo le autorità colombiane, da anni i guerriglieri si sarebbero rifugiati nel suo territorio. .

Al momento non si sa quale sarà la metodologia, né se tutti i corsi saranno in Venezuela, né si fa chiarezza nemmeno sul ruolo che giocheranno Paesi come la Spagna o il Cile, che si sono messi a disposizione dei colombiani. governo per renderlo utile.

La composizione complessiva delle squadre negoziali sarà nota lunedì a Caracas. Tuttavia, da parte del governo, Oti Patiño, un ex combattente M-19 che sarà a capo della squadra negoziale, e il presidente della Federazione colombiana degli allevatori (Videgan), José Félix Lafore, nemico giurato dei rivoluzionari, sono confermato.

Allo stesso modo, si dice che la deputata María José Pizarro, figlia di Carlos Pizarro, il leader dell’M-19 che firmò i licenziamenti di quelle bande e fu assassinata nel 1990 quando era candidato alla presidenza; e Ivan Cepeda, senatore e sostenitore dei colloqui di pace.

READ  "Farsi prendere, morire o vincere" - Diario Digital Nuestro País

Accanto all’Esercito di liberazione nazionale, di cui il governo ha detto di avere già dei rappresentanti, c’è Israel Ramírez Pineda, soprannominato “Pablo Beltrán”, comandante in seconda di quella guerriglia, come capo della delegazione.

Beltran era già a capo della delegazione di pace per i dialoghi avviati da Santos nel 2017, iniziati a Quito e trasferiti l’anno successivo all’Avana.

Lasciato come opposto all’esercito

Fin da prima della sua adesione alla presidenza, Petro ha sottolineato che una delle priorità del suo governo è la “pace completa”, il cui cardine sta nei dialoghi con l’Esercito di liberazione nazionale.

All’interno di questa politica, Petro cerca anche di raggiungere un accordo o sottomettersi alla giustizia per altri gruppi armati illegali, come i disertori delle FARC e le bande criminali.

Questi colloqui a Caracas hanno molte caratteristiche, tra cui quella di essere ripresi in mezzo a situazioni nazionali e internazionali che non si erano verificate prima.

Uno di questi è che, per la prima volta, l’Esercito di liberazione nazionale si avvicina a un tavolo di dialogo in cui il Paese è rappresentato da un governo di sinistra. Nei precedenti negoziati lo ha fatto con governi affiliati a partiti tradizionali o coalizioni di destra.

Quei tentativi furono una controparte dei governi di César Gaviria nel 1991 e nel 1992; Ernesto Samper (1998), Andrés Pastrana (1999), e tra il 2005 e il 2007 sono stati rappresentati in tappe esplorative a Cuba e in Venezuela con il governo di Alvaro Uribe.

Questa situazione “può aprire opportunità, ma anche generare tensioni su come si prevede la risoluzione dei problemi strutturali e la fine del conflitto armato”, secondo una recente analisi della Foundation for Peace Ideas (FIP), un think tank indipendente.

READ  Un leader esclude elezioni anticipate come soluzione alla crisi in Perù

“L’ambiente è favorevole, ma non è esente dalle complessità che hanno accompagnato il riavvicinamento a questa guerriglia”, afferma la Federazione internazionale dei giornalisti, che afferma che l’ELN non è un’organizzazione interamente gerarchica e che le decisioni vengono prese per consenso .

Guerriglia bilaterale e aumentata

L’Esercito di Liberazione Nazionale, nato in Colombia nel 1964 sull’esempio della Rivoluzione cubana, ha subito dei cambiamenti: il più importante dei quali è che è riuscito negli ultimi anni a diventare un movimento armato binazionale rafforzando la sua presenza in Venezuela.

Sapendo che parte del suo potere dipende dall’ottenimento di risorse per finanziare le sue attività illegali, l’NLA ha una forte presenza nelle zone di confine dei due paesi.

Ha anche una forte influenza nelle principali regioni di estrazione delle risorse, oltre ad avere alcuni dei suoi leader in Venezuela.

“Questa è una sfida binazionale che richiede una risposta binazionale, comprendendo le differenze nel loro modus operandi, la loro organizzazione e il loro rapporto con le istituzioni territoriali e il controllo su entrambi i lati del confine”, afferma il rapporto IFJ.

Ovidio Castro Medina

(c) Agenzia EFE