Gennaio 19, 2022

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Pfizer afferma che il nuovo vaccino Omicron sarà pronto a marzo

Questo contenuto è stato pubblicato il 10 gen 2022 – 15:53

New York, 10 gennaio (EFE). – La società farmaceutica statunitense Pfizer ha dichiarato lunedì che spera di ottenere un nuovo vaccino contro il covid-19 a marzo che migliori la protezione contro la variante omicron.

Il CEO di Pfizer Albert Burla ha spiegato che non era ancora chiaro se questo nuovo prodotto sarebbe stato necessario, ma ha affermato che la sua azienda aveva già iniziato a produrre le prime dosi perché alcuni paesi volevano averle il prima possibile.

“Speriamo di ottenere qualcosa che abbia una protezione molto migliore, soprattutto contro le infezioni, perché la protezione dal ricovero e da malattie gravi al momento è ragionevole con i vaccini attuali, a condizione che venga somministrata la terza dose”, ha detto Borla alla CNBC. canale.

Il CEO di Pfizer ha spiegato che la nuova versione cerca una maggiore immunità dall’omicron, ma continuerà a fornire protezione contro altre varianti.

Sebbene il prodotto sarà pronto a marzo, Borla ha affermato di non sapere ancora se il suo utilizzo è necessario e sospetta che sia esteso all’utilizzo di una quarta dose dell’attuale vaccino, che paesi come Israele hanno già iniziato a testare.

“Non so se è necessaria una quarta dose di richiamo, ma dovrebbe essere testata”, ha detto. “Faremo delle prove”.

Nel frattempo, Moderna prevede di avere una nuova dose di richiamo del suo vaccino progettata specificamente per combattere la variante omicron disponibile entro il prossimo autunno, ha affermato lunedì il suo CEO, Stefan Bancel in un’intervista alla CNBC.

READ  La liquidazione si estende ad altri con coupon non pagato - Aggiornamento Evergrande

Bancel ha spiegato che la società è in trattative con le autorità sanitarie di tutto il mondo per determinare la migliore strategia per gestire questa potenziale dose nell’autunno dell’emisfero settentrionale.

“Ci sono discussioni quotidiane. Vogliamo essere pronti con il miglior prodotto possibile entro l’autunno 2022”, ha sottolineato il CEO.

A dicembre, quando ha annunciato che avrebbe iniziato gli studi clinici all’inizio di quest’anno di una nuova dose di richiamo, Moderna aveva già avvertito che, in caso di successo, ci sarebbero voluti mesi prima che il prodotto diventasse disponibile.

Tuttavia, l’azienda biotecnologica ha già stretto accordi con paesi come il Regno Unito, la Corea del Sud o la Svizzera per un valore di circa 18.500 milioni di dollari.

Bancel ha affermato oggi che Moderna ha la capacità di fornire tra i duemila e i tre miliardi di dosi di richiamo quest’anno e ha sottolineato che le difficoltà non sono più nel volume, ma nella distribuzione, soprattutto nei paesi in via di sviluppo. .

In tal senso, il dirigente ha affermato che durante il mese di novembre la sua azienda aveva tra i 50 ei 100 milioni di dosi al giorno in attesa di essere inviate nei paesi a basso reddito.

Moderna aveva già previsto il mese scorso che avrebbe iniziato a lavorare per adattare il proprio prodotto alla nuova variante omicron, che colpisce molte persone vaccinate.

Secondo gli studi, i vaccini continuano a ridurre significativamente la probabilità di sviluppare casi gravi, il che rappresenta una maggiore protezione nel caso di persone che hanno recentemente ricevuto una dose di richiamo. EFE

amvs / fjo / vh

READ  Fine settimana lungo: la banca centrale ricorda di evitare che gli sportelli automatici finiscano i contanti

© EFE 2022. La ridistribuzione e la ridistribuzione di tutto o parte del contenuto dei Servizi EFE, senza il previo ed espresso consenso di Agencia EFE SA, è espressamente vietata.