Febbraio 5, 2023

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Pietro Marcelo trasforma la storia di “Scarlet Sales” in un film poetico

Questo contenuto è stato pubblicato il 19 maggio 2022 – 19:24

Cannes (Francia), 19 maggio (EFE). Il regista italiano Pietro Marcello ha trasformato il libro per bambini “Crimson Sails” del russo Alexander Green, in un film poetico, “L’envol”, che ha girato per la prima volta. Tempo in Francia dopo una professione riconosciuta forgiata in Italia.

Presentato in anteprima questa settimana in due settimane per i registi, una sezione parallela di Cannes, il film racconta la storia della liberazione di una ragazza, figlia senza madre di un veterano della prima guerra mondiale, per un periodo di 20 anni, dal 1919 al 1939.

Juliette Joan incarna la protagonista Juliette e Louis Garrel, il principe della storia che si è trasformato in un “perdente”, secondo il regista giovedì, perché “la ragazza attualmente non ha bisogno di un uomo che appaia e sostituisca suo padre”. “.

La ragazza, che evade la realtà con la musica, cresce in una fattoria in una famiglia ricostituita e quindi moderna, e l’amore del padre e della donna che si prende cura di lei compensa il rifiuto che tutti soffrono in città.

Marcelo ha avuto questo romanzo per caso. “Mi hanno suggerito di leggerlo. Mi piacciono molto la letteratura russa e il cinema sovietico. Mi è piaciuta quella storia e mi sono detto che volevo adattarla. Alexander era un pacifista e aveva molti problemi con lo stalinismo”, ha detto giovedì in un incontro. Con i media internazionali, incluso EFE.

Il regista 45enne è tornato a Cannes dopo aver presentato nell’ultima edizione “Futura”, documentario sulla gioventù italiana diretto con Alice Rohrwacher e Francesco Monzi, nell’ultima edizione, anche alla Settimana dei registi.

READ  Il nuovo video promozionale di Dr. Strange 2 mette in evidenza la relazione tra WandaVision e il Multiverso della follia

Sia nei documentari che nei progetti di finzione, ha notato che il suo approccio è lo stesso: “Sono abituato a lavorare con l’imprevisto e ho bisogno di un rapporto umano e orizzontale con gli attori. Non mi piacciono i sindacati cinematografici”.

In entrambi, coincide anche nel suo impegno nell’archiviazione delle immagini, sia per la potenza che per l’energia che forniscono questi scatti reali e per i principi, perché dice che va contro i grandi budget.

Marcelo è anche l’autore di “Martin Eden” (2019), adattamento del romanzo di Jack London, del documentario “La Boca del Lobo” (2009) o del lungometraggio “Bella y Perduta”, formando una carriera. Si va dalla realtà alla finzione a seconda della necessità che si sente di raccontare una storia o un’ora.

Garrel, noto per film come “The Dreamers” di Bernardo Bertolucci, dà una visione internazionale a un progetto integrato, tra l’altro, del francese Raphal Thiéry, che interpreta il padre.

“Raphael è un uomo di campagna e Louis è un uomo di Saint-Germain-des-Prés”, afferma il direttore italiano di questo esclusivo quartiere parigino. “Nel film funziona molto bene e ne ho tratto vantaggio”.

Marcelo ha anche ammesso giovedì che il suo sogno d’infanzia era quello di essere un pittore e che la sua mancanza di qualità lo ha portato nella direzione, e sebbene si sia identificato come un “libertario”, ha lanciato un appello a Utopia e speranza: “Una vita senza speranza è niente.” EFE

Mons./PDdp

(foto) (video)

EFE 2022. La ridistribuzione e la ridistribuzione di tutto o parte dei contenuti dei Servizi Efe, senza il preventivo ed espresso consenso di Agencia EFE SA, è espressamente vietata.