Aprile 24, 2024

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Più del 70% del Canada è anormalmente secco

Più del 70% del Canada è anormalmente secco

Lo studio evidenzia che l’aumento delle temperature e le condizioni estreme di siccità avranno un impatto sui canadesi nel 2023, dal razionamento dell’acqua alla peggiore stagione di incendi mai registrata nel paese.

Il Canada è considerato un paese “anormalmente secco” e ciò comprende l’81% dei terreni agricoli del paese utilizzati per nutrire milioni di persone e animali.

“Il 2023 è stato un anno come non lo avevamo mai visto prima”, ha detto a Your Morning di CTV John Pomeroy, capo della ricerca presso Water Resources and Climate Change.

Le siccità più gravi, secondo la mappa agroalimentare, sono concentrate nell’ovest, in luoghi come la Columbia Britannica, l’Alberta e i Territori del Nordovest.

Nel frattempo, le comunità a est di Calgary e a sud di Yellowknife hanno dovuto affrontare condizioni di siccità “estreme” o “eccezionali”.

“Alcune aree hanno registrato costantemente cinque gradi sopra la norma durante tutto il 2023”, ha affermato Pomeroy, che è anche direttore del Centro di idrologia dell’Università del Saskatchewan.

“Una copertura nevosa molto bassa in primavera ha significato una riduzione del flusso dei fiumi che emergono dalle montagne e un massiccio ritiro dei nostri ghiacciai”, ha aggiunto.

Ha aggiunto che la mancanza di umidità ha anche causato la peggiore stagione di incendi mai registrata in Canada.

A causa dell’aumento delle temperature e della diminuzione delle precipitazioni, anche l’acqua che scorre dalle montagne sta rallentando, ha detto Pomeroy.

“Questo ci mette in una posizione precaria per il 2024”.

Gli esperti sottolineano che la mancanza di neve e pioggia in Canada è una “caratteristica” del fenomeno meteorologico naturale “El Niño”, che quest’anno dovrebbe avere un impatto maggiore sul paese.

READ  Il Sudafrica potrebbe implementare la vaccinazione transfrontaliera contro il colera

Riyal dell'Oman/adr