Gennaio 19, 2022

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Più di 7.000 voli sono stati cancellati in tutto il mondo a causa dei progressi di omicron

Centinaia di voli sono stati cancellati alla vigilia di Natale e a Natale 2021 a causa di significative infezioni da coronavirus tra i dipendenti delle compagnie aeree (Shinji Kita / ASSOCIATED PRESS).

Più di 7.000 voli sono stati cancellati in tutto il mondo questo fine settimana di Natale e altre migliaia sono stati ritardati a causa del tipo di coronavirus omicron. Secondo il sito web di monitoraggio Flightaware, si aggiunge alla frustrazione della pandemia.

Il giorno di Natale sono stati cancellati circa 2.500 voli in tutto il mondo, inclusi circa 850 voli da e per gli aeroporti degli Stati Uniti e circa 2.400 il venerdì. Fino a giovedì le cancellazioni erano già state 2.231.

Nel frattempo, questa domenica sono stati cancellati circa 2.000 voli, di cui più di 570 relativi agli Stati Uniti, sia internazionali che nazionali.

Diverse società consultate da AFP hanno menzionato il motivo della cancellazione La nuova ondata della pandemia, che colpisce soprattutto gli equipaggi. Piloti, assistenti di volo e altro personale hanno riferito di essersi ammalati o di dover andare in quarantena, costringendo molte compagnie aeree a cancellare i voli durante uno dei periodi di punta dell’anno.

La maggior parte dei voli è stata programmata prima dell’avvento dell’omicron, che è più contagioso delle varianti precedenti.

Ad esempio, secondo FlightWare, United Airlines ha cancellato 439 voli venerdì e sabato, il 10% dei voli di linea. “Il picco di casi di Omicron in tutto il paese questa settimana ha avuto un impatto diretto sui nostri equipaggi e sulle persone che gestiscono le nostre operazioni”, ha affermato la società, che ha affermato di essere alla ricerca di soluzioni per i viaggiatori interessati.

READ  Il programma dei cortometraggi conclude il festival del cinema in Ecuador - Prensa Latina

Anche Delta ha cancellato 280 voli sabato e circa 170 venerdì, sia per omicron che per condizioni meteorologiche sfavorevoli, anche se in misura minore.

Anche più di 11 voli in Alaska sono stati cancellati e alcuni dei suoi dipendenti hanno affermato che “potrebbero essere stati esposti al virus” e hanno dovuto autoisolarsi.

Nel caso degli Stati Uniti, la situazione rivela anche una battaglia tra manager delle principali compagnie aeree e sindacati.

In risposta al caos pre-festivo, le compagnie aeree questa settimana hanno inviato una lettera a Rochelle Walinsky, direttore dei Centri statunitensi per il controllo delle malattie (CDC), chiedendo loro di alleviare il periodo di isolamento che le persone vaccinate devono soddisfare. virus per dieci o cinque giorni.

Sotto la pressione dell’American Airlines Group, che rappresenta Delta, United e American, la Flight Attendant Association (AFA) ha inviato a Walensky una lettera per mantenere il programma di 10 giorni.

Le compagnie aeree cinesi hanno registrato il maggior numero di cancellazioni: China Eastern ha cancellato circa 540 voli e Air China 264, in entrambi i casi più di un quarto di tutte le partenze programmate.

(con informazioni a pagina 12)

Il Regno Unito studia la vaccinazione porta a porta

Una donna cammina davanti a un poster di vaccinazione a Londra. Foto: EFE.

Il governo britannico sta studiando la possibilità di mobilitare squadre di vaccinazione Covid “porta a porta” come alternativa all’attuazione di nuove restrizioni contro la diffusione della variante dell’omicron, Responsabile dell’aumento dei casi giornalieri a 122.196 registrati nel fine settimana.

Come ha rivelato The Mail on Sunday, Boris Johnson sta valutando di estendere il programma pilota “porta a porta” lanciato a Ipswich, nella contea di Suffolk, ad altre aree con tassi di vaccinazione inferiori alla media in Inghilterra.

READ  L'UE chiede una nuova legislazione nello scandalo Pandora's Papers - Prensa Latina

Per un mese, squadre speciali del Servizio sanitario nazionale (NHS) hanno visitato aree come Westgate a Ipswich, con uno dei livelli di vaccinazione più bassi del paese, cercando di convincere i vicini riluttanti e di offrire il trasporto gratuito ai centri sanitari. Vaccinazione. In altre zone, come nel Norfolk, squadre di “vaccinatori di comunità” sono state dispiegate a bussare alla porta con lo stesso scopo.

Boris Johnson dovrebbe annunciare lunedì le prossime misure contro il Covid alla luce delle celebrazioni di fine anno, di fronte alle crescenti pressioni dell’ala intransigente del Partito conservatore per non imporre nuove restrizioni. Quasi un centinaio di parlamentari conservatori si sono ribellati una settimana fa contro l’introduzione di un “passaporto Covid” per entrare nelle discoteche e negli stadi.

L’introduzione di nuove restrizioni richiederebbe la convocazione del Parlamento nel bel mezzo della pausa natalizia ed esporrebbe il premier a una maggiore opposizione tra le sue fila, nel bel mezzo di una crisi politica per lo scandalo Partygate (partiti Covid tenuti a Downing Street durante la restrizioni 2020). Il presidente della Camera dei Comuni, Acting Lindsay Hoyle, è in trattative con il governo per determinare se sia necessario invitare i parlamentari alla riunione.

Johnson è in attesa degli ultimi dati sull’evoluzione dell’epidemia. La scorsa settimana ho deciso di non imporre nuove restrizioni alla luce di un rapporto dell’Imperial College di Londra che concludeva che i rischi del trattamento ospedaliero con la variante omicron sono inferiori fino al 40% o al 45% rispetto alla variante delta.

In questa occasione il Presidente del Consiglio può contare sul doppio aumento (46% e 39%) della somministrazione della prima e della seconda dose di vaccini nell’ultima settimana, nonché sull’aumento della terza dose degli attuali booster . Raggiunge il 48% della popolazione e da diversi giorni ha superato l’obiettivo di un milione di vaccinazioni al giorno.

READ  La Turchia approva il vaccino contro il coronavirus, Terkovac, per uso di emergenza

Nonostante sia stato il primo paese europeo ad avviare la vaccinazione di massa, il Regno Unito è rimasto indietro rispetto ad altri paesi europei come la Spagna. Si stima che più di cinque milioni di britannici non siano stati vaccinati e che la resistenza sia cresciuta nelle ultime settimane, insieme al rifiuto delle nuove restrizioni e alle critiche al governo Johnson.

(Con informazioni da El Mundo)