Aprile 17, 2024

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Più pressione su Laso: il movimento e i gruppi sociali indigeni dell’Ecuador hanno chiesto la sua partenza

Più pressione su Laso: il movimento e i gruppi sociali indigeni dell’Ecuador hanno chiesto la sua partenza

Leader kunai Leonidas Eiza (Reuters/Christina Vega)

Venerdì scorso, il Movimento Indigeno dell’Ecuador e un gruppo di organizzazioni e gruppi sociali hanno chiesto a La “partenza immediata” del presidente Guillermo Lasso, Ciò ha aperto il processo di impeachment dell’opposizione all’Assemblea nazionale (parlamento).

Al termine di questo incontro di organizzazioni indigene e sociali tenutosi presso la Casa della Cultura ecuadoriana, a Quito, il Presidente della Federazione delle Nazionalità Indigene dell’Ecuador (Cony) ha approvato il sostegno all’impeachment contro il lazo.

Il processo di impeachment è stato attivato giovedì da un gruppo di membri dell’assemblea dell’opposizione, per lo più di Korismo e del Partito Cristiano Sociale (PSC) di destra, ma all’iniziativa hanno aderito anche alcuni parlamentari della Sinistra Democratica (ID) e del Movimento Indigeno. pachacutecIl braccio politico di Kunai.

L’accusa principale è responsabile dei presunti reati Concussione e appropriazione indebita (Peculato) in una presunta associazione a delinquere per corruzione in aziende pubbliche dove compare suo genero, l’imprenditore Danilo Carrera, e un’altra persona coinvolta in questo quadro dovrebbe essere protetta da un’indagine antidroga.

Il governo ha descritto la richiesta di licenziamento come a Un attacco alla democrazia E un nuovo tentativo di destabilizzare l’opposizione.

Il documento di impeachment deve essere preventivamente esaminato dalla Corte costituzionale e, se ritenuto fondato, lasciare la Camera con una maggioranza dissenziente per continuare il processo.

In questo senso, Kony e altre organizzazioni sociali hanno chiesto alla Corte costituzionale di dare il via libera all’impeachment e al consiglio di procedere con Destituzione del capo dello Stato.

Per questo, Iza ha annunciato sit-down davanti alla sede della più alta corte di garanzia dell’Ecuador e davanti all’edificio legislativo.

READ  Pandora Papers: una semplice guida per comprendere una delle più grandi perdite di sempre

La dichiarazione delle organizzazioni partecipanti a questo raduno ha avallato le dieci richieste che sono state sollecitate Proteste di giugno 2022, Dove quasi tutto il Paese è rimasto paralizzato per 18 giorni, durante i quali sono morte 7 persone, tra cui 6 manifestanti, secondo organizzazioni per i diritti umani, e un soldato.

Foto d’archivio del presidente dell’Ecuador Guillermo Lasso (Reuters/Maila Lopez)

Sebbene in seguito abbia avviato un processo di dialogo con il governo che si è concretizzato con 218 accordi, il movimento indigeno ritiene che molti di essi non siano stati rispettati e, dopo essersi riunito venerdì, ha inserito nuove richieste.

Tra questi, la difesa dell’Istituto ecuadoriano di previdenza sociale (IESS) contro qualsiasi iniziativa di privatizzazione, oltre a Difendere la salute pubblica e il libero accesso ai farmaci.

Hanno anche sostenuto la difesa delle terre indigene e nazionali contro i “progressi dell’industria estrattiva” e si sono opposti alla privatizzazione di settori strategici.

D’altra parte, hanno espresso il loro sostegno alla proposta di tenere consultazioni nazionali su sfruttamento petrolifero a Yasuni, Una delle più grandi aree di biodiversità al mondo, nell’Amazzonia ecuadoriana, i cui promotori attendono da dieci anni i permessi per l’attuazione.

Eiza ha anche gridato “contro il fenomeno dell’emigrazione che sta attraversando il Paese, lasciando deserte intere comunità, prodotto della crisi economica e sociale del modello neoliberista creato dal governo di Guillermo Lasso”.

Ha anche chiesto un processo politico alle autorità educative per i bambini che non hanno accesso all’istruzione pubblica.

Infine, Eiza e il resto dei delegati delle organizzazioni sociali ecuadoriane si sono espressi contro il progetto di innalzamento dell’età pensionabile in Francia e hanno espresso la loro solidarietà “al popolo palestinese che soffre per la continua invasione dell’impero israeliano” e “con il popolo del Perù, con le loro lotte nelle loro terre”.

READ  Il Comitato Cruceño si rifiuta di negoziare con il governo boliviano

Secondo Eiza, hanno preso parte all’incontro delegazioni di 81 organizzazioni sociali, comprese federazioni indigene e studentesche, e altri gruppi civici.

(con informazioni da EFE)

Continuare a leggere:

Custodia illegittima, una lettera di grazia e quattro funi: la madre ecuadoriana che ha strangolato i suoi tre figli e si è suicidata negli Stati Uniti.
Il governo dell’Ecuador ha ricevuto il senatore statunitense Marco Rubio per discutere di questioni di sicurezza e lotta alla criminalità