Settembre 17, 2021

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Planeta Huerto misura l’impatto delle sue spedizioni di e-commerce per compensare le emissioni – El Mercantil

Planeta Huerto, una consociata della Divisione Ambientale del Gruppo Carrefour, ha spostato tutte le spedizioni dei suoi prodotti verso emissioni di carbonio. A tal fine, ho raggiunto un accordo con la startup spagnola ClimaticCo, specializzata nello sviluppo di strumenti per garantire la sostenibilità dell’e-commerce. La startup Planeta Huerto equipaggerà uno dei suoi strumenti per calcolare e compensare l’impronta di carbonio di tutte le sue spedizioni. L’app, attiva da alcuni mesi, misura la quantità di gas serra emessi quando un ordine viene trasferito dal suo stabilimento di Alicante a un cliente.

La società di e-commerce del Gruppo Carrefour opera dal proprio magazzino ad Alicante

“Dovevamo fare il passo per realizzare qualsiasi prodotto che spediamo a impatto climatico zero”, afferma Alfonso Sanchez, CEO e co-fondatore di Planeta Huerto. A tal fine, svolgono autonomamente le operazioni logistiche nei propri magazzini e noleggiano un buon numero di mezzi di trasporto dai quali distribuiscono gli ordini in base al peso, alle destinazioni e alla politica ambientale di ciascuno.

Inoltre, Alicante ha lanciato un meccanismo in base al quale utilizza il cartone per i contenitori in cui riceve, taglia, lavora e trasforma i prodotti in imbottiture protettive per le sue spedizioni. Questa procedura ha permesso loro di riutilizzare fino a 500 chilogrammi di cartone al giorno. Planeta Huerto nasce nel 2011 e si è trasformata per offrire un catalogo di oltre 50.000 prodotti multimarca a oltre 900.000 clienti tra Portogallo e Spagna, escluse le Isole Canarie, Ceuta e Melilla, regioni in cui non effettuano spedizioni.