Al cinema con le stufe. La denuncia di Lbertà e Partecipazione

maida_-_ex_cinema_400

«Nell’ultimo consiglio comunale non abbiamo mancato di ribadire questo ennesimo esempio di mala amministrazione e di spreco sconsiderato di soldi pubblici – afferma il gruppo che siede in consiglio tra i banchi dell’opposizione – ricevendone da due anni in cambio l’ennesima promessa di un imminente intervento risolutore; un intervento che quando avverrà, se mai avverrà, sarà fatto sempre troppo tardi. Certo sfugge a chi fa queste promesse che ad essere presi in giro non siamo solo noi dell’opposizione bensì l’intera collettività maidese».
«17.000 euro sarebbero stati potuti essere parte di un serio piano sociale che noi proponiamo da tempo e che darebbe un minimo di sollievo (per esempio con sgravi importanti su tasse come la Tares) alle famiglie sempre più in difficoltà economica. Invece – conclude – questi soldi sono stati buttati senza alcun rammarico e senza un minimo di coscienza. Ciò è intollerabile e presuppone da parte di noi tutti in tempi brevi una reazione e un’indignazione collettiva e non isolata ad un singolo gruppo». Tiziana Bagnato