Approvata la mozione per risolvere il problema del pulmino che non raggiunge le zone montane, ma l’amministrazione comunale non da seguito entro i termini stabiliti dal consiglio ovvero il 5 dicembre

Il Sindaco alla presenza dei cittadini, del sottoscritto e dell’ assessore Piccioni, si era impegnato che nell’ ottobre 2012 avrebbe dato una risposta, sull’ assessore ai Lavori Pubblici Piccioni ormai non vale la pena esprimersi, perché non lo reputo un interlocutore istituzionale credibile, vista la pessima condizione dei lavori pubblici in città, i continui fallimenti (curva nord docet in quella occasione chiesi le sue dimissioni)  e le continue promesse non mantenute(piazza Mazzini Docet)
Vale la pena ricordare che stiamo parlando di bambini che nei mesi invernali sono costretti ad essere accompagnati al bivio di Vallericciardi inferiore per poi essere trasportati nei luoghi di istruzione, quindi per alcune famiglie il tragitto da compiere è di anche 8 km,un disagio con cui ogni giorno sono costretti a convivere questi sfortunati nostri concittadini che evidentemente in tutti questi anni sono stati considerati cittadini di serie B, raccogliendo le loro testimonianze gli stessi si sentono praticamente discriminati e bistrattati , altro che comune amico e bene comune,qui si parla di negazione dei diritti del contribuente.
Ma è mai possibile che un’ amministrazione comunale in tre anni non riesce a risolvere un problema che tocca da vicino i bambini?  In tre anni abbiamo assistito anche a delibere ad personam a favore di Dirigenti(quindi i soldi ci sono) e sprechi a iosa (la nostra lista è lunghissima), siamo di fronte ad un caso di menefreghismo di incompetenza o mancanza di volontà?qualcuno suggerebbe tutti e tre.
Il mio impegno istituzionale finisce qui, avendo esercitato tutti i poteri a disposizione di un Consigliere Comunale,una battaglia che dura ormai da 2 anni, i cittadini si sentono traditi da chi ha il dovere morale e istituzionale di tutelare i loro interessi, ora si passa alla fase della protesta popolare perché reputo che nessun Sindaco nessun Dirigente nessun Assessore possa decidere di negare un diritto a dei bambini.
Chissà cosa penseranno questi nostri cittadini, considerati di serie B, quando si scoprirà che la stessa amministrazione comunale che da anni nega loro un diritto, ha imposto l’aumento dell’ Imu sulla prima casa per coprire i danni creati da quelle stesse persone che il danno lo hanno provocato, esce un’equazione fantastica per il comune amico sbandierato in tutti questi anni 0 servizi = + tasse. Consigliere Comunale di Opposizione – Massimo Cristiano