Berlusconi: La crisi non esiste. I ristoranti e gli aerei sono pieni.

L’Italia viene trattata al G20 come la Grecia, eppure vista con gli occhi di Berlusconi “Non si sente qualcosa che possa assomigliare ad una grande crisi. Tutto va bene.” L’attacco speculativo nient’altro che “Una moda passeggiera” e l’impoverimento delle famiglie italiane, certificato dall’Istat, solo la colpa del cambio lira-euro. La nave va, insiste il presidente del consiglio, “Siamo un paese benestante, tanto è vero che i consumi non sono diminuiti, i ristoranti sono pieni, sugli aerei a fatica si trovano posti e anche le mete di vacanza sono piene.”

La versione di Berlusconi è insomma opposta a quella che descrivono i giornali anche sulla situazione politica. Nessuna maggioranza perciolante e nessun governo a fine corsa. Berlusconi ostenta ottimismo insistendo senza modestia a rappresentarsi come l’unico premier possibile: “Mi sono chiesto chi potrebbe rappresentare l’Italia se non ci fossi io e il panorama della politica non mi ha indicato un personaggio che potrebbe rappresentarla dignitosamente.”

Guglielmo Mastroianni