BORGO ANTICO: Il Comune ricorrerà al Consiglio di Stato

borgo_antico_progetto_400

Tutto l’Udc lametino plaude al proprio gruppo consiliare «per aver saputo difendere la città e le ragioni vere e piene dei lametini contro le bugie e le false illusioni propinate dalla sinistra in questi giorni. Ringraziamo Chirillo, De Biase e Ruberto per aver tenuto la schiena dritta e un comportamento coerente a tutela dei cittadini che oggi saranno vessati da un’enormità di imposte e tasse salite ai massimi storici, in nome di un presunto ed inflazionato “bene comune” che non è altro che la “coperta troppo corta” di un governo cittadino che ha fallito in tutte le sue più elementari funzioni».
L’Udc cittadina si inorgoglisce per «non aver ceduto alle pressioni mistificatrici o ai canti delle sirene, seppur normale per chi opera con lealtà a difesa della collettività, diventa speciale se messo in atto nella politica odierna. Nei prossimi giorni il teatro delle maschere di Pirandelliana memoria darà il meglio di sé: scopriremo magari perché alcuni consiglieri hanno votato a favore del bilancio, prenderemo atto che quelle del sindaco erano solo delle “finte dimissioni” perché lui stesso scoprirà “per incanto” che esiste un altro importante motivo etico, morale o giuridico per rimanere attaccato alla sua carica, infine forse apprezzeremo delle “targhe-premio” per chi ha saputo votare».
«Ci accorgeremo — prosegue l’Udc — che le dichiarazioni di amore per Lamezia, le mielose lusinghe, le vacue gesta eroiche fatte dall’attuale governo cittadino, non erano altro che bugie a difesa di un amore mai nato per la città, sempre tradita e pietosamente buggerata». Il sarcasmo pungente dell’Udc prosegue per evidenziare che «tutto ciò in una realtà ridotta al ‘astri-c9, dove i due polmoni e cioè edilizia e commercio sono rimasti senza ossigeno per anni. Ovviamente questo accade in un contesto dove l’improvvisazione regna sovrana, basti densare che anche sulla Tares i lametini non sanno cosa fare e la stessa salatissima Imu sta dando luogo a diverse contrastanti interpretazioni da parte degli esperti del settore». (Gazzetta del Sud – S.in.)