Calabria, Nicodemo Oliverio: “Sale al 20% il succo d’arancia contenuto nelle bevande”

On. Nicodemo Oliverio

ROMA – “Finalmente in Italia non si berranno più bevande colorate d’arancia! Sale al 20% il contenuto di succo d’arancia.

Con la pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale del 24 maggio 2017, la legge segna il punto definitivo e conclusivo di un percorso parlamentare lungo e complesso, al quale abbiamo molto creduto e per la quale abbiamo condotto un’importante battaglia parlamentare.
Si tratta di una norma molto avversata dalle grandi industrie del settore, dalle multinazionali delle bollicine.
L’innalzamento del contenuto di succo d’arancia è un provvedimento che avrà un impatto economico ed occupazionale sulle nostre imprese agricole. Ma avrà anche una ricaduta importante sul gusto della bevanda, sulla genuinità e quindi sulla salute dei consumatori.

Grazie anche al forte impegno e al sostegno dal basso di Coldiretti, ed in particolare del Presidente regionale Pietro Molinaro, siamo riusciti a dare all’Italia un provvedimento che fa da apripista in Europa e che ha origine da Rosarno dove sono accadute cose veramente terribili negli anni scorsi. Così come è partita da Rosarno la legge sul caporalato, una serie di norme di grande civiltà e di rispetto della dignità umana.

Dal prossimo anno in Italia ci sarà più frutta nelle bibite analcoliche, con il contenuto di succo d’arancia al 20%, mentre dal 1958 era fermo al 12%.
La nostra soddisfazione è grande, anche perché il settore agrumicolo italiano ne avrà benefici di mercato e occupazionali molto importanti”.

NICODEMO NAZZARENO OLIVERIO
CAPOGRUPPO DEL PD IN COMMISSIONE AGRICOLTURA DELLA CAMERA DEI DEPUTATI