“Città delle Idee” parteciperà alle riunioni del centrosinistra. Barberio PD: «Invitiamo l’associazione a partecipare alle riunioni di coalizione»

005

Per Barberio «la politica, oggi più che mai, ha necessità di rinnovare i propri schemi di coinvolgimento e rappresentatività delle sane energie del territorio. Per questo credo che l’entusiasmo, i sani valori, il metodo e la progettualità esposti dal presidente dell’associazione, Andrea Falvo, possano e debbano essere colti dalla coalizione di centro sinistra.
Da sempre, infatti, si cerca di promuovere modelli di partecipazione dal basso, diretti alla costruzione di una governance della pubblica amministrazione che punti a creare opportunità di lavoro e crescita per tutto il territorio. Il metodo proposto da “Città delle Idee” può rappresentare la base per quel processo di cambiamento basato sul merito e sulle competenze, che è mancato nel corso degli ultimi anni
».
A Barberio è piaciuto l’intervento sul crowdfunding di Marco Lombardo, con gli esempi realizzati dal PD di Bologna di cui Lombardo è vicesegretario: «gli esempi realizzati dal Pd di Bologna, sono uno dei tanti modi di come ci si possa e debba adeguare ai tempi anche in politica, affinchè la stessa riesca a tornare guida dei cittadini ed essere capace di avere una visione strategica, per la crescita ed il benessere del territorio con un approccio integrato e una visione di lungo termine».
Conclude Barberio: «Nei giorni scorsi, dopo la conferenza di Città delle Idee, qualcun’altro ha azzardato l’uso del termine “smart city”, senza rendersi conto che l’azione politica sinora posta in essere in città è lontanissima dai temi dell’innovation tecnology, dallo sviluppo di politiche green, dalla valorizzazione del nostro capitale umano e dalla partecipazione dei cittadini alle scelte politiche anche in tema di welfare. Bene hanno fatto Andrea Falvo e Marco Lombardo a parlare di strumenti nuovi per il coinvolgimento dei cittadini alla politica, lontani dai vecchi rituali e dalla solita liturgia dei partiti, benissimo faranno il Pd e il centrosinistra di Lamezia a cogliere l’occasione di assumere scelte capaci di cambiare il volto alla città, per ridare credibilità alla politica dei contenuti e del merito».