Conflenti:il Consiglio di Stato dà ragione al Comune

Soddisfazione dell’amministrazione municipale di Conflenti, in particolare del sindaco, Giovanni Paola, per la recente sentenza con cui il Consiglio di Stato (Sezione V) ha accolto l’appello del Comune contro l’ordinanza del Tar-Calabria con la quale, a seguito del ricorso proposto da un’impresa edile rimasta esclusa da una competizione per presunte irregolarità documentali, era stata sospesa la realizzazione dei lavori di messa in sicurezza di un’importante via di collegamento del paese, franata a causa di una grave calamità. «I giudici d’appello hanno confermato, in sede cautelare – sottolinea Paola – la decisione dell’amministrazione comunale di escludere l’impresa che aveva presentato la documentazione non in regola a tutela del buon andamento e dell’imparzialità dell’azione amministrativa e soprattutto a garanzia della parità di trattamento degli altri concorrenti. La decisione del Consiglio di Stato dimostra la legittimità dell’esclusione disposta dal Comune, che nel corso dell’intero procedimento amministrativo ha sempre agito con lealtà a tutela dell’interesse dei cittadini. Peraltro con la vittoria in sede giudiziaria si è riuscito – aggiunge Paola – a scongiurare la perdita del finanziamento pubblico già stanziato per l’opera, consentendo di portare a termine i lavori di ripristino della via, che hanno dovuto subire notevoli ritardi per vari contenziosi e che si sono conclusi tutti in favore del comune di Conflenti, assistito e difeso dall’avvocato Luca lera». (FONTE:Gazzetta del sud)