Consultazioni, Monti è a un passo dalla lista dei ministri. Via libera da Pd e Pdl, Marcegaglia: ultima chance

Ultima giornata di consultazioni per il presidente del Consiglio incaricato. Bonanni: ‘Raggiunta intesa Monti-forze politiche’. Malavasi: ‘Quasi pronto elenco dei ministri’

Il premier incaricato Mario Monti è rientrato a Palazzo Giustiniani dopo essere stato al Quirinale, per riprendere le consultazioni. Il Professore sta ricevendo la delegazione delle parti sociali.

17:38 – CAMUSSO, SERVE UN NUOVO PATTO DI CITTADINANZA – “La Cgil ha rappresentato la necessità che si parta da un nuovo patto di cittadinanza, dalla scelta di un patto fiscale tra cittadini e Paese messo in discussione in questi mesi”. Lo ha detto il leader della Cgil, Susanna Camusso, al termine dell’incontro delle parti sociali con il premier incaricato Mario Monti. Questo, ha sostenuto, “vuol dire equità, introduzione della patrimoniale e che si parta dal lavoro, con l’abbassamento della precarietà e l’introduzione di politiche industriali”.

17:37 – DELEGAZIONE DONNE A MONTI, SERVE MINISTRO LAVORO – “Abbiamo affermato al presidente del Consiglio incaricato, Mario Monti, la necessità della presenza dei dicasteri per le Pari opportunità e del Lavoro e lui ci ha ascoltato con disponibilità”. Lo ha detto, al termine del colloquio a Palazzo Giustiniani con Monti, la consigliera nazionale di Pari opportunità Alessandra Servidori. “Abbiamo iniziato un percorso faticoso – ha aggiunto Servidori – ma non in solitudine”. Tre le richieste di Pari opportunità a Monti: un testo unico sull’occupazione femminile “valorizzando il lavoro parlamentare dal momento che giacciono in Parlamento diverse proposte di legge sul tema”; un testo unico sulla sicurezza sul lavoro; infine sviluppare, nella legge di stabilità, norme in favore delle donne (per esempio per facilitarne l’assunzione). “L’incontro è stato gradito e opportuno – ha concluso Servidori – la strada è in salita ma tutte le consigliere di Pari opportunità saranno al fianco del professore nel lavoro che lo attende”.

17:01 – MARCEGAGLIA, OK MONTI, E’ ULTIMA CHANCE – “Supportiamo fortemente la nascita di questo governo, perché per noi è l’ultima chance per tornare ad essere credibili”. Lo ha detto Emma Marcegaglia al termine dell’incontro delle parti sociali con il premier incarico Mario Monti.

Quello di Monti, ha aggiunto Marcegaglia, “é stato un discorso molto costruttivo e molto positivo. Noi gli abbiamo riformulato i nostri cinque punti. Lui ci ha detto che bisogna lavorare molto sulla crescita e che vuole ragionare con noi su un orizzonte di tempo lungo”.

16:51 – MALAVASI, MONTI QUASI PRONTO CON LISTA MINISTRI – “Monti è quasi pronto con la lista dei ministri e sicuramente ha un forte e convinto appoggio della politica”. Lo ha detto il presidente di Rete Imprese Italia, Ivan Malavasi, al termine dell’incontro con il premier incaricato, sottolineando che quanto alla possibilità di ingresso di politici nel governo, il Professore “ha solo detto i suoi desideri”.

16:44 – BONANNI,RAGGIUNTA INTESA MONTI-FORZE POLITICHE – “Monti ci ha detto che ha raggiunto un’intesa con le principali forze politiche in modo da avere una consistente forza parlamentare che lo appoggia e che rapidissimamente sarà in grado di presentare la lista dei ministri”. Lo ha detto il segretario della Cisl, Raffaele Bonanni al termine dell’incontro con Monti.

MONTI A UN PASSO DA LISTA. GIALLO SU LETTA-AMATO di F. Garimberti

Mario Monti sembra ad un passo dal formare il suo esecutivo. Dopo il via libera del Partito democratico, praticamente senza condizioni, e quello più tiepido ma altrettanto chiaro del Pdl, il presidente del Consiglio incaricato ha ottenuto l’appoggio della quasi totalità dei partiti politici presenti in parlamento, ad eccezione della Lega Nord. Resta tuttavia il nodo della presenza di politici nell’esecutivo. Questione che si tinge anche di giallo: dopo che fonti parlamentari del Pd hanno dato via libera alla presenza di Gianni Letta e Giuliano Amato nel governo, infatti, dai Democratici è arrivata una nota ufficiale che smentiva tale ipotesi pur ribadendo il pieno sostegno del partito di Pier Luigi Bersani all’esecutivo Monti.

“Diamo pieno e convinto sostegno ad un governo autorevole e a forte caratura tecnica, non per sostenere meno Mario Monti, ma per sostenerlo meglio”, ha detto il segretario democratico al termine del colloquio con l’ex commissario UE. Un appoggio, ha rimarcato, “pieno e convinto” e sul quale il Pd “non ha posto termini”. Nessun limite temporale, dunque, ma un implicito paletto alla presenza di politici.

Bersani ha quindi insistito sulla necessità che parallelamente alle misure anticrisi che il governo dovrà varare, il Parlamento affronti il tema delle riforme ed in particolare – è la richiesta dei Democratici – di una nuova legge elettorale, della riduzione del numero dei parlamentari e della riforma dei regolamenti delle Camere. Il professore ha ottenuto anche il via libera da parte del partito di Silvio Berlusconi. Angelino Alfano, dopo oltre un’ora e mezza di colloquio con il premier incaricato, ha parlato di incontro “positivo” e “articolato”. Per il segretario del Pdl, inoltre “il tentativo del professor Monti è destinato ad un buon esito”. E’ il sostegno ufficiale che si attendeva, pur se temperato dal fatto che per il partito del Cavaliere l’esecutivo dovrà avere come “capi saldo” gli impegni assunti dal Cavaliere e Bruxelles. Né Bersani, né tantomeno Alfano (saliti a palazzo Giustiniani unitamente ai rispettivi capigruppo di Camera e Senato) si offrono alle domande dei giornalisti.

Tuttavia, proprio mentre il segretario del Pd saliva al Colle, è trapelato il via libera dei Democratici all’innesto di Letta e di Amato nel governo. Circostanza smentita con una nota ufficiale qualche minuto dopo. Il Pd, anche per evitare tensioni con gli alleati, non può aprire a questa ipotesi, si commenta in ambienti parlamentari. Negli stessi ambienti si parla anche di ‘tatticismi’ probabilmente allo scopo di dare l’impressione di essere stati messi di fronte al fatto compiuto dall’insistenza dello stesso Monti, che, come ha detto chiaramente ieri, “desidererebbe” avere in squadra dei politici.

Anche sul fronte del Pdl, in attesa di capire l’atteggiamento del Pd, la cautela è massima: anche se tutti, come conferma un dirigente di via dell’Umiltà, sanno che nessuno (a cominciare da Berlusconi) avrebbe nulla da obiettare alla presenza di Amato nell’esecutivo, purché vi sia anche Letta.