Difesa Ospedale di Soveria Mannelli

sindaci_reventino

La rete dei Sindaci del comprensorio del Reventino ha dato immediato seguito all’incontro avuto a Roma giorno 11/01/2012 con il Presidente della Commissione Parlamentare “Errori Sanitari”, On.  Leoluca Orlando.

L’incontro lametino ha avuto luogo alla presenza di circa 18 dei 24 sindaci che fanno parte della Rete grazie all’ospitalità del Sindaco di Lamezia Terme, Gianni Speranza. Erano  tutti muniti di fascia tricolore per simboleggiare il grande senso delle Istituzioni che anima i primi cittadini impegnati nella difesa delle aree interne ed in particolare l’Ospedale Civile di Soveria Mannelli.

Nella sede romana, l’Ufficio di Presidenza, ricevendo i Sindaci giunti in delegazione, Giuseppe Pascuzzi, Giovanni Paola, Giuseppe Lucente e Annamaria Cardamone, ha assunto l’impegno di una attenzione particolare, da parte della Commissione, verso l’Ospedale di Soveria Mannelli, in quanto collocato in area montana, disagiata.

Si é dato atto della meritevolezza di accoglimento delle motivazioni assunte nelle varie istanze mosse dai sindaci e firmate, su delega, dal Sindaco Giuseppe Pascuzzi, facendo specifico riferimento alla puntualità delle delibere assunte dal Consiglio Comunale di Soveria Mannelli, tutte consegnate al Presidente.

Tali atti infatti sono sempre stati improntati al merito delle questioni, con argomentazioni tecniche e mai strumentali, rifuggiando ogni occasione di scontro politico, ritenuto sterile ed improduttivo di effetti.

Lo stesso Orlando ha fatto presente che per mercoledì prossimo è stata già convocata una seduta dell’Ufficio di Presidenza con pari oggetto, per l’elaborazione di una determinazione con la quale si inviterebbe il Commissario ad Acta, On.le Scopelliti, a rivedere i programmi relativi al futuro dell’Ospedale di Soveria Mannelli per i prossimi tempi, durante i quali si dovrebbe aprire un’azione di monitoraggio per comprenderne i numeri reali, sulla base dei quali deciderne poi il futuro. 

Non bisogna infatti dimenticare che l’attuale riconversione è stata motivata sulla base dei numeri prodotti dalla struttura in un periodo in cui è stata privata di ogni operatività a carattere ospedaliero.

Tale documento, elaborato dall’Organo Parlamentare, verrà poi rimesso ai Tavoli tecnici ministeriali Massicci e  Palumbo per le determinazioni di competenza finalizzate a dare comunque una risposta alle sollecitazioni arrivate dai Sindaci.

I Sindaci presenti all’incontro hanno sostenuto con grande responsabilità le posizioni assunte a difesa del diritto alla salute dei cittadini delle aree interne, dimenticando ogni appartenenza politica e spendendosi per il più  importante fine ultimo del bene comune e della tutela del diritto alla salute dei cittadini delle aree disagiate.