Ecco i probabili parlamentari lametini

Dopo il voto sul rendiconto alla Camera di martedì pomeriggio, inizia il conto alla rovescia per un eventuale ritorno alle urne. Anche se non c’è ancora nulla di certo nei partiti sono già iniziate le prime “consultazioni”. E già circolano i nomi di chi potrebbe ambire ai tanti agognati posti alla Camera e al Senato. Fermenti all’interno degli schieramenti politici cittadini confermati anche dalla nascita di iniziative che vengono proposte quasi giornalmente sui più svariati argomenti. Il Popolo delle libertà non ha molti dubbi nella composizione della lista: in pole position, comunque vadano le cose e le alleanze, ci sarà il deputato Pino Galati, il quale dovrebbe quasi sicuramente trovare collocazione nei primi posti della lista alla Camera. Dietro il suo nome le candidature non sono poi così scontate. In provincia di Catanzaro bisogna appurare cosa deciderà Michele Traversa, che dovrà scegliere se continuare a fare il sindaco oppure il parlamentare. Comunque, qualora dovesse lasciare la Camera, è già pronta a prendere il suo posto Wanda Ferro. In lista c’è anche l’assessore regionale Piero Aiello, che può contare di tantissimi voti. Al Senato c’è invece l’uscente Vincenzo Speziali, anche se in pochi pensano che Speziali possa voler ripetere l’esperienza, essendo già presidente della Sacal. Nell’Udc, invece, regna una calma apparente. L’entrata dell’on. Ida D’Ippolito nell’area del terzo Polo, e in particolare nell’Udc, pone infatti dei “problemi” in provincia di Catanzaro, rispetto al duopolio Tassone-Talarico e alle ambizioni personali di entrambi: Tassone punta infatti a una riconferma alla Camera mentre per Talarico si prospetta un posto al Senato. Due ambizioni che comunque non dovrebbero trovare particolari ostacoli, dato che probabilmente l’on. D’Ippolito potrebbe avere una candidatura fuori regione. Senza contare che anche Francesco Grandinetti ambisce ad una candidatura alla Camera. Senza contare che l’Api, pur non essendo fortemente radicato sul territorio della provincia di Catanzaro, potrebbe comunque pretendere una rappresentanza in seno alle liste, magari con la consigliera comunale Elvira Falvo. Per quanto riguarda la sinistra lametina: se appare scontata la candidatura alla Camera con Sel per il sindaco Gianni Speranza, e in questo caso Nuccio Iovene potrebbe trovare spazio al Senato; più complessa appare la situazione per il Partito Democratico. Infatti c’è Doris Lo Moro che appare la possibile candidata, anche se non bisogna sottovalutare il consigliere regionale Tonino Scalzo, e Salvatore Scalzo candidato a sindaco nel capoluogo di regione e anch’egli interessato ad un posto in lista. Senza poi perdere di vista l’ex governatore Agazio Loiero per il quale appare scontata una candidatura alla Camera all’interno del Movimento per l’autonomia. Insomma, anche se di certo non vi è nulla, assisteremo sicuramente ad una accesa disputa per i probabili futuri parlamentari lametini.