Fini: “Berlusconi dovrebbe passare la mano”.

Roma – ” dovrebbe fare un gesto d’amore per l’ e per il centrodestra, prendere atto che vivacchiare è difficile e dannoso per il Paese e passare la mano. Ma non lo farà e il collasserà come un mobile pieno di termiti”. E’ questa la convinzione esplicitata quest’oggi dal leader di nonché Presidente della , Gianfranco , che in una lunga intervista riportata sulle colonne del ‘Corriere della Sera‘ ha assicurato che appoggerebbe ”un governo che adottasse l’agenda Draghi, le quattro o cinque priorità per il Paese”.

Il capo di ha poi enfatizzato che “se si dovesse andare ad elezioni anticipate ‘i poli saranno tre, senza accordi neoulivisti tra forze unite solo dall’idea di sconfiggere ”.

“Il 22 giugno – secondo il presidente della Camera – non succederà nulla, anche se il Premier dovrebbe venire in Aula a riconoscere che il programma del 2008 non c’è più”.